Il Blog come spazio “reale-virtuale” costruttivo

Dal titolo che ho dato a questo mio articolo, potrete capire cosa intendo io per Blog. Ritengo doverosa questa mia precisazione, in risposta ad alcune questioni sollevatesi in questi ultimi giorni, intanto come mio solito desidero ringraziare voi utenti, perchè senza di voi questo Blog, forse oggi non avrebbe importanza e forse non esisterebbe neanche. Il Blog mi ha dato modo di conoscere tante brave persone, a volte anche per il verificarsi di episodi spiacevoli, che si sono verificati a causa di qualcuno, che forse non ha inteso il Blog in maniera tale, come riportato dal titolo, è ad esempio il caso della Signora Michela Zampini, identificata da qualcuno sotto il Nick Name di “Signora Impellicciata”; a dar fastidio alla Signora Zampini, che è una cittadina qualunque, e non un personaggio pubblico, alcune frasi ingiuriose scritte in riferimento alla sua persona, a volte addirittura citando il domicilio della propria abitazione, precisa la Signora Zampini di non aver mai postato sotto il Nick Name di “Signora Impellicciata”, dunque gratuite sarebbero state le accuse rifilate da alcuni utenti che, per via di alcuni riferimenti del tutto espliciti, avrebbero offeso la Signora, inducendola a querelare tali situazioni. In qualità di titolare del Blog, desidero esprimere prima di tutto gratitudine alla Signora Zampini, per l’attenzione ed il rispetto che nutre verso la mia persona e verso il Blog in generale, e poi desidero esprimere profondo dispiacere per le accuse subite.

Cade a pennello inoltre, prendendo spunto da questo caso, precisare la situazione creatasi per il Pre-Filtraggio dei commenti che qualcuno ama definire “Censura”, qualcuno ha anche riferito che il sottoscritto sarebbe stato contattato da qualche “losco-potere”, motivo per il quale il sottoscritto ha gestito con il filtraggio la questione commenti, non so se queste losche figure, siano riconducibili alla Signora Zampini, o ad altre persone, coinvolte in offese gratuite, oppure se chi pensa queste cose parli a sproposito perchè cerca un “modo-sicuro” per offendere la Signora Zampini, o qualche altro utente, non mi va di fare polemiche, ma ritengo opportuno precisare ciò, il Blog è nato in un momento strorico per la città di Orta Nova, e si è proposto come uno spazio libero, per poter discutere delle faccende che riguradano la nostra città ed i 5 Reali Siti, apprezzabile è sicuramente la disponibilità manifestata dalle forze politiche e dalle varie amministrazioni che fin ora si sono avvicinate al Blog. Ritornando alla questione dei commenti desidero rammentare che i commenti postati in quest blog, fin dal principio erano liberi, e lo sono ancora oggi, infatti avrete notato che se il sottoscritto, “fosse in cerca di pubblicità personale”, avendo l’ opportunità di filtrare i commenti, non avrebbe mai pubblicato alcuni commenti critici nei confronti della mia persona, ma non approfitto di tale possibilità perchè non è nel mio stile, ho precisato più volte che la decisione di filtrare i messaggi è stata presa a malincuore perchè la libertà, è un diritto sacrosanto che nella storia è stata conquistata col sangue di uomini coraggiosi, ma signori oltre alla libertà esistono le responsabilità ed il rispetto, lasciare un commento è sinonimo di libertà, democrazia, costruttività, ho sempre consigliato di commentare per dire la vostra in modo costruttivo, per dissentire dalle istituzioni perchè no è un diritto di tutti, ma se qualcuno intende offendere la dignità di una qualsiasi persona, bene amici cari ciò non può essere ammesso, o se qulcuno ha intenzione di denunciare un qualsiasi episodio, bene non è il Blog che può accontentare questo diritto esistono gli organi preposti, per cui il sottoscritto nutre profondo rispetto, e come avrete saputo anche da questo blog, la magistratura non dorme, e poi non si può arrivare al paradosso che se offendi hai ragione e non hai paura e se rispetti sei uno che si allinea a chissà quale sistema, propondosi in questo modo si rischia di passare dalla ragione al torto, e a me sinceramente interessa più argomentare con delle valide ragioni, supportate dal coraggio che non si dimostra dalla spavalderia di una offesa, ma dalla volontà di esprimersi sempre e comunque, cercando di argomentare per avvallare una qualsiasi idea.

In conclusione approfitto ancora una volta per abbracciare virtualmete tutti quanti voi, protagonisti di questo strumento libero e democratico, confido di riprendere l’ attività dei commenti liberamente con la speranza che questo mio accorato appello venga percepito, perchè vi assicuro che il mio impegno non mancherà mai come non è mai mutato, con la speranza che nel rispetto della legge e delle persone ed in modo democratico e civile, il Blog possa dare una piccola mano allo sviluppo del nostro amato territorio.

Luca Caporale 

Annunci

26 pensieri su “Il Blog come spazio “reale-virtuale” costruttivo

  1. Il LOSCO POTERE che “castra” Luca Caporale(titolare nonche’ responsabile civilmente e penalmente di questo blog) e’ da riferirsi a “personaggi” ortesi che al momento sono da collegarsi a chi gestisce la “cosa pubblica” e non sono “avvezzi” alle critiche.
    Sappiamo benissimo di passate intimidazioni e di velate minacce fatte giungere in svariati modi all’orecchio il povero Luca, il quale ha dovuto “adeguarsi” al nuovo clima intimidatorio.
    Ovviamente solo la mente distorta e poco elastica di alcuni “scribacchini” potrebbe collegare il nik della “signoraimpellicciata” alla rispettabilissima signora Zampini, estranea a questo blog e ingiustamente chiamata in causa.
    Usando un poco di buon senso e sano umorismo sarebbe strano postarsi con un nik e scrivere particolari che potrebbero un qualche maniera ricondurre alla reale persona che si cela dietro uno pseudonimo; per esempio non userei mai un nik tipo “assessore gelatinato” se fossi davvero un assessore che lo usa, ma utilizzerei un nome fittizio fuorviante.
    Concludo dando la mia piena solidarieta’ sia alla “signoraimpellicciata”, recente protagonista di questo blog, che alla signora Zampini, vittima suo malgrado di un clamoroso equivoco.

  2. IL BLOG COME SPAZIO “REALE-VIRTUALE” COSTRUTTIVO:

    SI ASSISTE IN TV A DELLE FARSE COSTRUITE AD ARTE DA POLITICI CORROTTI E INCOMPETENTI CON LA COMPLICITA’ DI GIORNALISTI COMPIACENTI E SERVILI AL FINE DI CREARE CONSENSI GENERALI E QUINDI POTER AGIRE INDISTURBATI GRAZIE ANCHE ALLA CONSEGUENTE PROBABILE LEGITTIMAZIONE POPOLARE CHE NE DERIVA.
    E’ IL CASO DELLE DISCARICHE E DEGLI INCENERITORI DI CUI TANTO SI PARLA IN TV E SUI GIORNALI, SENZA CHE CI SIA UN VERO CONFRONTO FRA ESPERTI “SGANCIATI” DA OGNI INTERESSE ECONOMICO E DI PARTITO E POLITICI CHE RITENGONO DI POSSEDERE LA PANACEA PER TUTTI I MALI. ALCUNI DI QUESTI ULTIMI, SALITI DI RECENTE AL POTERE, SI CHIEDONO COME MAI A NAPOLI E IN GENERE NEL SUD ITALIA SI FACCIANO “TANTE STORIE” SE IL GOVERNO INDIVIDUA UN SITO PER I RIFIUTI E/O PER GLI INCENERITORI VICINO AD ABITAZIONI OVVERO IN UN QUARTIERE DENSAMENTE ABITATO, QUANDO DA DECENNI A ROMA(DENTRO ROMA) SI TROVA UNA DISCARICA DI RIFIUTI DI OGNI TIPO E LA GENTE NON SI LAMENTA, ANZI!
    OVVIAMENTE LA REALTA’ E’ BEN DIVERSA E LE NOTIZIE CHE RIGUARDANO “L’UMORE” DEI CITTADINI RESIDENTI NEL “QUARTIERE DISCARICA” SI DEVONO CERCARE CON IL LANTERNINO.
    RIPORTO UN’ARTICOLO(RARO)CHE FA UNO SQUARCIO NELLA FITTA COLTRE DELLA CENSURA GIORNALISTICA.

    Roma, monnezza alle porte

    Alla discarica di Malagrotta, la più estesa d’Europa, fra denunce, condanne, proroghe e liti tra Comune e Regione

    Sono 160 ettari: una volta era un terreno, da quarant’anni è una discarica. Anzi, una delle discariche più esplosive d’Italia, la più estesa d’Europa. La maglia nera di questo Paese l’aveva definita l’Eurispes in un rapporto dello scorso anno, una maglia ogni giorno più sottile che copre i rifiuti della capitale e le impedisce di diventare la prossima Napoli. Ma quanto ancora riuscirà questa maglia nera a proteggere Roma e dintorni? Un incontro tra il sindaco Gianni Alemanno e il presidente della Regione Piero Marrazzo dovrebbe decidere le sorti della Capitale e delle sue strade. Ma se poco è stato fatto in passato, quando amministrazione e regione avevano lo stesso colore politico, è tutto in salita il cammino ora che il Campidoglio è in mano al Pdl.

    «E però il tempo è scaduto, la discarica dovrà essere adeguata alla normativa europea entro il primo ottobre. In caso contrario resta solo la chiusura», afferma Sergio Apollonio, l’uomo che da anni guida il Comitato Malagrotta. La chiusura vuol dire per l’appunto che l’effetto-Napoli è alle porte. «Solo Malagrotta riesce ancora a evitare che le strade romane siano sommerse di spazzatura», conferma Fabrizio Santori di An, oggi consigliere del Pdl a Roma.

    Chi ci vive, lo sa. Dai loro balconi vedono un panorama sempre diverso: colline di rifiuti che si modificano nel tempo, crescono, si spostano, assumono forme nuove. E non solo: da quei balconi, oltre le colline eternamente mutanti, si vedono anche un gassificatore, una raffineria, depositi di carburante, uno stabilimento di rifiuti ospedalieri. Da queste parti le costruzioni meno tossiche sono un bitumificio e un cementificio. E se cammini per le strade trovi dei cartelli che se non altro hanno il pregio dell’onestà perché ammettono che questa è zona «Seveso 2, a rischio rilevante».

    A vivere in una zona «a rischio rilevante» non sono dieci persone ma quarantamila, un pezzo di periferia romana, affollato quanto una cittadina di provincia. Sono loro ad aver visto giorno per giorno la nascita di questo mostro che sembra non avere fine. Partorito a forza di proroghe.

    Nel 2004 fu proprio Manlio Cerroni, potente padrone della discarica, ad ammettere che la capacità di accogliere rifiuti era giunta al termine. E, invece, poi ecco il miracolo. Cerroni annunciò «un significativo abbassamento del livello di rifiuti imputabile all’assestamento fisiologico degli stessi e alla perdita di massa dovuta alla produzione di biogas». E, quindi, proroga.

    Malagrotta va avanti e non c’è limite alla fantasia. «Hanno scavato nella massa dei vecchi rifiuti – racconta Sergio Apollonio – Hanno addirittura spiantato 4 mila palme che il proprietario si era vantato di aver piantato su vecchi lotti. Le palme sono state ripiantate a 5 mila metri di distanza. Le ruspe hanno scavato nella massa dei rifiuti dei vecchi lotti ormai chiusi in modo da fare posto a un nuovo buco e metterci dentro 1 milione e 350 mila tonnellate di rifiuti».

    L’ultima trovata è quella dei fanghi. «Ora non vengono scaricati più, li portano in Toscana», prosegue il portavoce del comitato.«Un altro escamotage per creare spazio», commenta Fabrizio Santori. Nel frattempo piovono denunce e condanne. Francesco Rando, l’amministratore delegato della società che gestisce la discarica, è stato già condannato due volte in via definitiva, una volta è stato assolto in appello. Ora ha il quarto processo in corso per smaltimento non autorizzato di percolato. La sentenza è a novembre.

    Il primo ottobre l’Europa pretenderà che Malagrotta si trasformi in un impianto inappuntabile. «Tre mesi per trasformare questo ammasso schifoso di rifiuti in un luogo dove tutto funziona secondo criteri scientifici in un clima quasi asettico. Non ce la faranno mai», spiega Sergio Apollonio.

    Lo sanno tutti che non ce la farà mai, ed infatti la Regione Lazio sta lavorando a un piano straordinario per evitare la chiusura e la mutazione di Roma in una Napoli moltiplicata per dieci. Nel piano è previsto un investimento di un miliardo di euro per il potenziamento della raccolta differenziata e degli impianti di termovalorizzazione. A Roma l’assessore per l’Ambiente vorrebbe quattro termovalorizzatori: uno a Malagrotta e un secondo, sul quale c´è una verifica in corso, ad Albano. Poi ci sono quelli di Colleferro e di San Vittore. Ma dalla Regione è già arrivato uno stop: «Non servono», ha avvertito il vicepresidente della Giunta Esterino Montino. E i Verdi di certo non staranno a guardare.

    Intanto sta per andare in funzione il gassificatore, voluto dal centrosinistra come la grande alternativa a Malagrotta. Ma è già chiaro fin da ora che solo una parte dei rifiuti potrà essere bruciata. Il resto avrà bisogno della solita, buona, vecchia discarica.

    DA: LA STAMPA 10/06/2008

  3. …caro Luca a Te può dare fastidio la parola censura,ma è proprio quella che stai praticando,il fatto che Tu posti tutti i commenti non significa nulla perchè in un paese libero il pensiero di TUTTI non DEVE essere filtrato da nessuno…poi i tempi biblici sono un’ostacolo per tutti…ripeto il mio concetto se qualche maleducato,perchè è di questo che si sta parlando,esagera Ti assicuro che si autoescluderà da solo…ma Tu non hai il diritto e nemmeno il dovere di filtrare nessuno!

  4. Da enea43 a Luca Caporale

    Innanzitutto è doveroso porgere un omaggio ad una vera Signora, educata, socievole e riservata. T’assicuro per quanto mi riguarda lungi da me ogni allusione,ne troverai conferma in seguito nella risposta all’innominata. s
    Meno signora, molto erudita? Intelligente? Presuntuosa! Orgogliosa della sua vanità, Aveva l’impellicciata sfoggiato consigli di erudizione io dico di eruditismo, alla sezione di agiovani1987 citando A. Camus ed invitava il Moscarella a tenere una conferenza nella sezionciuzza.
    Molto per ironia e poco per presunta intellettualità, ho fatto una breve ricerca,lei la chiama “ copia – incolla ” è un’erudita e le va rispettata.
    Ad Alfred Camus(1913-1970)premio nobel nell’anno 1957 perla letteratura.
    “ Le Moraliste ”
    Da “ La Peste “
    L’unico modo per combattere la guerra e le divisioni di pensiero in generale, rimane il combattere contro le ingiustizie e le espressioni di poca umanità, come la pena di morte: Se la natura condanna a morte l’uomo, che almeno l’uomo non lo facesse, usava dire. L’uomo non può piegarsi davanti a nessuna ideologia, perché lo allontana dalla Sua dignità.La strada è combattere contro l’assurdo dell’uomo, far fronte alle dittature ( La Peste ) da uomini uniti, con tutte le proprie forze e rimanere sempre vigili in attesa che la” Peste torni ad inviare i suoi gatti “ Ma tutto questo deve fare i conti con lo stato di attività e con i propri limiti, l’uomo comune, è sempre in bilico fra solidarietà e solitudine.
    Da “ La Caduta “
    E’ colui che si rassegna alla vita assurda, che non la combatte, ma che moltiplica la sua assenza di senso attraverso la ripetizione di atti privi di significato che lo portano a non distaccarsi mai dal perenne sentimento di ansia ed estraneità che la caratterizza.
    Da “ Aforismi “
    Una Persona che conoscevo divideva gli esseri umani in tre categorie:
    Quelli che preferiscono non avere niente da nascondere piuttosto che essere obbligati a mentire;
    Quelli che preferiscono mentire che non aver niente da nascondere;
    Quelli che amano sia mentire sia nascondere.
    Solo la filosofia dell’eternità, nel mondo di oggi, potrebbe giustificare una non violenza.
    Non voglio essere un genio: Ho già tanti problemi a sufficienza cercando di essere solo un uomo.
    Gli errori sono allegri, la verità è infernale.
    Quando saremo tutti colpevoli, sarà la Democrazia.
    Gentile Signora, a me non interessa, se Lei va in giro con la bici col sellino o senza, è solo questione di comodità e di piacere, sono scelte che vanno comunque rispettate, provi a cambiare percorso, per esempio vada in via U. Giordano, se nel caso la dovesse trovare sbarrata da un grattacielo, s’informi del perché. Continui, vada in Via Ungaretti, via Pirandello, via Bachelet, via Diaz, sentirà il ritornello della canzone di Celentano: là dove c’era l’erba ora c’è una città, fatta dai moralisti del tempo e forse Lei ne sta godendo i benefici,” alla salute degli” Ortesi onesti ” Prosit.

  5. Da enea43 all’innominata.

    Ho riletto enea43, non riscontro un copia-incolla, prendo atto di una ricerca ” La Peste ” di Albert Camus, premio nobel per la letteratura, da Lei suggerito agli ” ignoranti seguaci di Moscarella ” ( lo odia tanto, vero? ).
    Se io avessi dovuto documentarmi, avrei fatto la stessa cosa, andare su wikipedia, notiziarmi, e darne in sintesi; penso, lo avrà fatto pure Lei nell’offrirla ad azione1987 e compagnia
    Lei sarà pure erudita, ma sicuramente non saprà tutto a memoria, per cui avrebbe dovuto apprezzare lo sforzo di un ignorante che vuole imparare da autodidatta.
    La” Caduta ” è opera di Camus come pure gli Aforismi, li ho letti, mi sono sembrati una buona scelta per pertinenza; posso sbagliare, per non aver inteso il senso, me lo si deve spiegare.
    Quando alle allusioni ” male non fare paura non avere ” è Lei che ne deduce il probabile bersaglio e sbaglia, perche il ragionamento è semplice, penso di averlo capito: Chiunque ha amministrato ha fatto i ” caiser propri”. Lei ne è immune? Perché si scalda tanto!
    Lasci perdere la Sua allusione, sbaglia pure qua, quello ha ancora le palle per sputare in faccia ad Amministratori, a Dirigenti, a Capi Servizio, ai pochi dipendenti che prendono preghiere in suffragio delle anime del purgatorio. Quanto alle promozioni, con i diplomi di San Arione, San Pio e San Benedetto, sono ancora li a comandare, sono della sua parte? Per Lei don Michele è muerte poveridde insieme a Frate Vincienze da bonssisa? Coraggio risponda! Rag. Vincienze, don Gerardo il benefattore dei vecchietti, don Gaitane, ‘u geom.Vittorio, Raggggioniere Antonio, raggggioniere Michele ex presidente, so’ muerte poveridde? Signora Risponda?
    Non lo farà, Lei è una presuntuosa, arrogante, infantile egocentrica, pensa di essere ironica, elegante ; sa solo offendere, faccia le sue proposte, salga sul podio parli alla gente, e si convincerà che il suo valore è da rivedere. La vita nasconde dei misteri dietro le semplici apparenze.
    La vita come mezzo di conoscenza, con questo principio nel cuore si può non soltanto valorosamente, ma perfino gioiosamente vivere e gioiosamente ridere.
    Scenda dal suo piedistallo di cartapesta, colloqui con gli altri con rispetto ed umiltà, impari a vivere e si ricordi che la vita non è che una proiezione degli istinti bruti e che l’anima posta sul limite dell’esistenza, comprese che, è più prossimo alla perfezione umana un malfattore che un ipocrita.
    Adesso vada pure al mare, si diverta, si rilassi e…….. mi mandi una cartolina.
    Con rispetto.

  6. Secondo me, Luca fai bene!!
    Questa non è censura!! Questa si chiama discrezione!!
    Per affermare certe cose, anche in un blog, devono essere necessariamente provate e non dette tanto per fare un linciaggio distruttivo nei confronti di questo e di quello!!
    saluto!!!

  7. Da enea43 a Luca Caporale

    Premesso che sta impellicciata m’intimorisce solo a leggerla, mio Dio, che miseria.
    Ilfungo cade nel tranello della non tanto signora.
    Mi sono preso licenza di fare qualche ricerca, sul blog s’intende, e siccome so solo fare copia-incolla, arrogantemente da bel Tomo, ne approfitto.

    13 risposte a “ la Memoria di scena alla Pertini di Orta Nova”

    signoraimpellicciata Maggio 22, 2008 alle 10:41 am
    Grazie a questo blog, sono venuta a conoscenza di un Evento Culturale ed ovviamente mi sono addobbata per l’occasione e mi sono recata alla Scuola Media Pertini, anche nella speranza di incontrare uno dei miei pupilli dell’Amministrazione. Cultura, cultura, cultura, BRAVI!…. in gamba sti ragazzi della Terza F, basta che l’Amministrazione Comunale non offra il suo patrocinio e tutto funziona a meraviglia! Ancora complimenti ragazzi, complimenti anche alla Prof., non si crucci Signora che delle autorità civili, militari e religiose, ne fosse presente solo qualche d’una, tipo il Pres. Del Consiglio Comunale D’Angelo (ns. signore delle antenne abusive) avrebbe voluto il Valentino, imbastire lì per lì una diretta radiofonica, ma purtroppo l’antenna di C.so Moro, come dice l’Assessore Russo, pare che ancora non funzioni e quindi ciò non è stato possibile! Dov’era il Sindaco Moscarella? Forse non essendoci nessuna campagna elettorale fa in modo che non ritenga opportuno presenziare a delle ottime manifestazioni delle future generazioni Ortesi che vengono a conoscenza dei tristi episodi della storia dell’Umanità! All’appello delle autorità mancava tragicomicamente anche il nostro Assessore alla Cultura D’Agostino, come mai?….starà studiando le ripercussioni storiche delle vicende della Principessa Zaffiro e di Tex Willer sulla società di oggi?(citazione di una sua recente intervista). Ma forse più prosaicamente è alle prese con l’organizzazione dell’evento culturale dell’anno: la Festa del Santo Patrono! Magari approfittano per organizzare una FESTA DELLE Notti in Bianco, come d’uso nelle grandi città! Il Sindaco Moscarella terrà tanto a questa festa, poiché egli avrà bisogno di tutte le 13 Grazie del nostro Santo Protettore, vista la situazione di invivibilità e di insurrezione di Orta Nova, approfitti caro Sindaco della lettera che ha mandato al Ministro Maroni per invitarlo ad allietare una serata della Festa con un concerto di jazz(si legge giaaas, non gezz, come pronunciano le ricche borghesi del mio stampo) visto che il caro Bobo Maroni suona il sax in una band. Noi Ortesi per l’occasione faremo la nostra parte vestendoci con delle camice Verdi di rito, ma ovviamente senza fucili!
    P.S. sicuramente nei prossimi giorni sulla Manifestazione organizzata dalla Scuola Media Pertini, ci sarà il puntuale e dettagliato servizio giornalistico della Mercaldi, aspetto la pubblicazione con ansia! Visto che la nostra giornalista di “supporto” di Moscarella, oggi 22 Maggio, sulla Gazzetta di Capitanata era alle prese con un argomento che è sulla bocca di tutti: Il rimpasto all’interno del Consiglio Intercomunale dei 5 Reali Siti, argomento di vitale importanza per ………….coloro che si spartiranno le indennità di carica!!!!! (la solita zerbinata della Mercaldi, visto che nell’articolo l’opposizione a suo dire era in difficoltà!)

    ilfungo Maggio 23, 2008 alle 12:35 am
    Carissima “signoraimpellicciata” mi fa piacere vedere come lei sia così attenta e meticolosa nel valutare tutte le sfaccettature di qualsiasi tipo di evento, che abbia esso carattere sociale, culturale, estetico, artistico, poetico, politico, ma soprattutto che sia di ampi contenuti intellettuali; caratteristica quest’ultima che perfettamente si addice ad una Donna come lei, di una certa caratura sociale e di nobile stirpe (preciso, per evitare di offenderla, che non immagino neanche chi lei possa essere nella realtà…).
    A conferma della mia tesi bisognerebbe tener presente il fatto che lei è Una che può permettersi il lusso di andare in giro quasi tutti i giorni per le vie del nostro paesello, pedalando allegramente, rinfrancata nell’animo e nel corpo da quella soave pedalata che permette al sangue di andare in circolo nelle arterie ad una pressione superiore alla norma.
    Viaggia a cavallo di una bicicletta (spero dotata di sellino… anche se poi non si spiegherebbe concettualmente tutta quella leggiadria nel pedalare e quel sorriso stampato tra le gote….) bicicletta optionalizzata da un cestino in vimini montato sul manubrio che puntualmente riempie con le buste (in plastica non reciclata però..!) contenenti la sua spesa giornaliera.
    Dopo questo breve preambolo le spiego dove mi ha deluso…..
    Mi chiedo come abbia fatto a non vedere, seduti nella prima fila dell’auditorium, oltre al Presidente del Consiglio D’Angelo anche il Consigliere c.d. “giovane” Di Stasio e l’Assessorre alla Cultura D’Agostino affiancati dal Sindaco di Ordona Pandiscia, da Don Ignazio Pedone e da due Carabinieri in divisa.
    Ora mi chiedo come mai Lei non abbia notato queste persone nonostante siate stati insieme all’interno della sala..?
    Le alternative che ho valutato sono due….
    La prima è che probabilmente sia stata abbagliata dalla bellezza fisica dell’Assessore D’Agostino, cosa che lei da Donna sapiente ha abilmente decantato in precedenti post…
    La seconda è che i peli della sua immancabile pelliccia ecologica, che puntualmente le guarnisce il corpo anche d’estate, le abbiano occluso la visuale e lei si sia involontariamente imbattuta in una colossale svista….
    Le confesso che anche io ero li con voi e l’ho potuta notare, mestamente seduta in ultima fila, avvolta dalla sua ecologica pelliccia la quale, contenta come qualsiasi uomo al posto suo, sapientemente le accarezzava la profumata pelle ed i sinuosi capelli….
    Naturalmente non le si addiceva affatto quella penosa ultima fila; quale scempio si stava consumando in quella sala..!!!
    Fortunatamente per lei, però, è arrivata la fine della manifestazione che ha dato la possibilità a tutti i presenti di complimentarsi al cospetto di chi ha organizzato il tutto, rendendogli grazie per aver ricordato quanto la storia dovrebbe insegnare alle generazioni future, ma anche quanto la storia, se non vi è chi ricorda il passato potrebbe diventare ahimè il nostro futuro….
    Un uomo di destra…!!

  8. Luca Caporale scrive:
    “se qulcuno ha intenzione di denunciare un qualsiasi episodio, bene non è il Blog che può accontentare questo diritto esistono gli organi preposti…”

    Appunto.
    Per i reati commessi su Internet c’è uno specifico organo di Polizia Giudiziaria…che si chiama “Polizia Polistale”.

    Il tuo “filtraggio preventivo”, Luca, in italiano ha un nome preciso: Censura. Punto.
    Perchè se pure è vero che viviamo nel Paese di Pulcinella, in cui s’invoca la costruzione degli Inceneritori come “soluzione alle emergenza rifiuti”, omettendo anche di dire che, se tutto và bene, un inceneritore per costruirlo ci vogliono almeno tre anni, se pure è vero che siamo nel paese in cui, nonostante il motivo della mancata crescita abbia un nome preciso e si chiama “mancanza di investimenti in Ricerca e Sviluppo, se pure siamo nel paese in cui un’avvocato è super-ministro dell’economia, insomma se pure siamo in un Paese disgustoso per n motivi, le cose, i fatti e i concetti continuano ad avere un nome preciso.

    E che le parole ed il significato delle stesse siano non dico importanti, ma Sacre, pur essendo un concetto che non appartiene più, da anni, alla nostra “cultura” (ma quale cultura? siamo il popolo più ignorante d’Europa…la matematica non la capisce e non la conosce nessuno: è non è un caso…perchè alla fine i conti tornano sempre: infatti nel Paese di Pulcinella, è normale che il Linguaggio di Dio sia sconosciuto ai più…troppo dura da imparare…con la Matematica non si può “impapocchiare”, la Matematica, si sà, non è affato un’opinione…) dovrebbe almeno essere un “pensiero” che, foss’anche sporadicamente qualcuno dovrebbe avere…Invece Niente.

    Ecco perchè in Italia la Matematica, la Scienza, non piace a nessuno. Perchè in Italia è tutto opinione. Perchè farsi il culo a studiare la matematica? A che serve. Diventi Avvocato, un’affare losco quà, un pò di riciclaggio qui, una truffa lì…ed ecco che diventi l’Idolo degli italiani…

    E’ opinione la gestione dei rifiuti, che nei Paesi normali affrontano con Piglio Scientifico e che, se i nostri politici fossero meno INCAPACI o, più verosimilmente, MENO CORROTTI E COLLUSI anche da Noi potrebbe essere affrontata in maniera “normale” (cioè scientificamente):
    http://www.cnr.it/cnr/news/CnrNews?IDn=1758

    Avete visto? Il Centro Nazionale Ricerche la soluzione ce l’avrebbe…ma la soluzione del CNR non piace….non se ne parla affatto!!!!!!

    Perchè? Semplice.
    Perchè così il Gruppo Marcegalia non può fare affari…
    E con la “signora” Marcegalia, presidente dei “giovani industriali” (anche qui, parole a sproposito: si tratta di null’alto che dei figli dei “vecchi industriali” che, infatti, sono ancora tutti saldamento al comando. Perchè in Italia Governa la “Gerontocrazia”..), non possono fare affari ovviamente tutti gli altri “fratelli” del Grande Oriente d’Italia…ovviamente, ma questo non è che un piccolo dettaglio…sulla pelle della povera Gente…

    E così Luca eccoti quà: a barcamenarti pure Tu, col significato delle Parole. Ma non fà nulla…tanto in Italia la gestione dei rifiuti è opinione, la questione energia è opinione, la Politica Economica è opinione…figuriamoci il significato di una singola parola..

    Bene. E ora…un pò di (vera) ARTE, di buona, ottima Musica:quella che ti cura l’anima perchè riesce ad esprimere ciò che non bastarebbero 100.000 parole per dire…

    Signor Censore – che fai lezioni di morale
    tu che hai l’appalto per separare
    il bene e il male, sei tu che dici
    quello che si deve e non si deve dire…

    Artist: Edoardo Bennato
    Album: Io Che Non Sono L’Imperatore
    Year: 1975
    Title: Signor Censore

    Signor Censore – nessuno ormai ti fermerà
    e tu cancelli in nome della libertà
    la tua crociata
    per il bene dell’umanità…

    Signor Censore – da chi ricevi le istruzioni
    per compilare gli elenchi dei cattivi
    e buoni?… Lo so è un segreto
    lo so che non me lo puoi dire…

    Signor Censore – ma quello che nessuno sa
    è che sei tu quello che ci disegna
    le città… E poi ogni tanto
    cancella quello che non gli va…

    Signor Censore – tu stai facendo un bel lavoro
    disegni case, strade e piazze
    a tuo piacere, prima fai un ghetto
    poi lo nascondi con un muro…

    E mentre il ghetto si continua ad allargare
    Signor Censore – tu passi il tempo
    a cancellare le frasi sconce
    e qualche nudo un pò volgare…

    Signor Censore: tu stai facendo un bel lavoro
    la tua teoria e che il silenzio è d’oro
    prima fai un ghetto
    poi lo nascondi con un muro…

    E così mentre la gente continua
    ad emigrare, tu sfogli i libri
    e passi il tempo a cancellare le frasi
    sconce, e qualche nudo un pò volgare…

    PS: scaricate tutto l’album col Mulo, se potete. E’ un Disco da Paura: arrangiamenti ai confini della sperimentazione ma sempre riuscitissimi, un Disco veramente Rock, nella musica come nei Testi…sconvolgente per la sua Attualità…

    Saluti

  9. …censura solo censura è di questo che stiamo parlando…il nostro paese è tornato molto indietro e Tu,Luca,dopo aver avuto una grande idea,stai contribuendo a questa regressione!…non farTi sciacciare e ritorna a essere libero!

  10. luca per favore non dare retta a tutta questa gentaglia che critica il tuo operato e quindi la tua c.d. “censura”…..
    bisognerebbe spiegare a queste persone che la censura è una cosa, mentre la responsabilità penale di chi modera il blog nei confronti di tutti coloro i quali vengano offesi da chiunque si celi dietro un qualsiasi nick è un’altra cosa….
    abbi pazienza però….. questo ti dovrebbe far capire che questa gente, come tra l’altro ha dimostrato nei mesi scorsi nelle nostre piazze, non ha altro obiettivo che quello di offendere e calunniare solo una persona o la classe politica che governa Orta Nova, a loro non interessa altro….
    abbi pazienza pure tu…..

  11. …è proprio vero che “ilfungo” deriva dalla muffa…ma chi ha mai offeso chi?…gentaglia a noi?…solo perchè siamo abituati a essere liberi?…Ti ripeto il concetto:-NESSUNO HA IL DIRITTO DI GIUDICARE IL PENSIERO ALTRUI…TUTTE LE OPINIONI VANNO ASCOLTATE…ANCHE LE TUE!…su internet esiste un organo di controllo che si chiama Polizia Postale e se io diffamassi casomai qualcuno sono personalmente responsabile e moralmente che penalmente…il problema è un’altro,nel nostro paese chi pensa con la propria testa è COLPEVOLE di troppa libertà…oggi sono stato alla festa dei bambini degli asili comunali…Vi devo dire che vedere delle signore con 32 anni di lavoro piangere e abbracciarsi forte ai loro bambini mi ha stretto il cuore…ma come si fa…diventeremo l’unico comune senza asili comunali…e ora insultatemi tutti…IO non querelo nessuno solo perchè dovesse dissentire da me!…Luca finiscila con la CENSURA!

  12. caro Funghetto,
    credo proprio che, a proposito di responsabilità penali, sinistracritica abbia bisogno di erudizione. Anche perchè, ultimamente, sia il c.p. che il cds (oltre ovviamente a svariatissime norme regionali e nazionali regolatrici dell’attività della P.A.) ad Orta Nova hanno una interpretazione, diciamo così, un pò “libera” e “soggettiva”.

    Quindi ricordiamo che:
    Il ruolo centrale della colpevolezza PERSONALE nel sistema penale italiano è scritto in primis dall’art. 27 della Costituzione, che sancisce il principio della personalità della responsabilità penale.

    Art.27.1: “La responsabilità penale è personale.”

    ..Ma si sà, voi di destra con la Costituzione della Repubblica Italiana non andate molto d’accordo…

    D’accordo però con tale articolo è, ma guarda un pò, l’America…
    http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2006/11/21/la-responsabilita-penale-e-personale/

    Ma l’America si sà, è bene citarla a modello se (e solo se) la citazione sia funzionale al raggiungimento di uno scopo preciso (che poi è sempre lo stesso): ovvero la squalifica di tutto il pensiero, le istanze e le idee di “sinistra”.

    Ad ogni modo e per non cadere nell’ennesima lite su “principi” che ci vedono litigare in vano, (in vano perchè le differenze, nette, ci sono e resteranno..) vanno chiarite alcune cose:

    1) Luca ha il dovere e l’obbligo, anche penale si, di rimuovere i commenti lesivi dell’altrui dignità.
    Ma in alcun modo può ricondursi questa doverosa attività, ad un’attività di “prevenzione” che, tecnicamente parlando, oltre a non essere richiesta da nessuna norma/regolmanento, è dannosa per il fluido svolgimento delle discussioni. Inoltre, va detto anche questo, tale attività di “filtraggio preventivo” in italiano è indicata col nome di Censura.

    2)Pur ammettendo che un reato di diffamazione possa essere accertato, (in senso Oggettivo) proprio perchè la responsabilità penale è (sempre per Grazia di Dio e dei “famosi” 66.000.000 di morti…) personale, Luca MAI e poi MAI potrebbe essere condannato per un reato mai commesso.
    Non si è infatti mai sentito, né speriamo mai si sentirà, di un blogger condannato per un reato (quello di diffamazione) che, se pur oggettivamente accertato, non lo sia stato soggetivamente, ovvero:

    – O il commento imputato è stato postato da uno “sconosciuto” -anonimo, ed allora, se prontamente non eliminato vale l’ovvio principio della negligenza (questo nell’ipotesi che le indagini di Polizia Giudiziaria non riescano ad accertare l’identità del postante), ma Giammai potrà ascirversi al blogger la responsabilità per un reato (quello di diffamazione, appunto) che Egli non ha mai commesso.

    – O il postante autore del reato di diffamazione viene prontamente identificato. Anche in questo caso, ferma restando la corretta attribuzione del reato di Diffamazione, ex. Art. 595 c.p. al soggetto postante, giammai potrà ritenersi colpevole il blogger, se non in via residuale e sussidaria.

    E non è un caso se, l’unica sentenza che ha condannato (tra l’altro alla solo sanzione amministrativa) un blogger per il reato di diffamazione è stata emanata (con un impianto del dispositivo della sentenza assai discutibile) solo nel caso di un blogger del quale è stata appurata la responsabilità Oggettiva, in quanto autore dello stesso commento diffamante.

    Insomma caro, funghetto, siamo alle solite: interpretazione delle Leggi e dei regolmenti, in senso “restrittivo” o “permissivo”. Restrittivo da parte della destra conservatrice e restauratrice, “permissivo” da parte di chi è sul lato opposto.

    Va da sé del resto che sinistracritica non ha mai diffamato nessuno, ed è CONTRO chi, nei commenti, invece di argomentare insulta…

    Il mio essere contro il “filtraggio preventivo”-Censura rientra quindi in una COERENZA che, va detto anche questo, non può farsi passare per un’interesse a veder diffamato questo o quello (ché, e lo ribadisco, certi “scadimenti” della discussione, disgustano me per primo) ma che và piuttosto (con un labilissimo sforzo interpretativo) inquadrato proprio in quella fede nella Libertà (Liberté, Égalité, Fraternité…) che contraddistingue l’essere di sinistra.
    E se certe “persone” la Libertà (anche quella di parola) non la sanno usare, ebbene questo non può mai essere ritenuto un motivo per negarla a tutti.

    Quindi in sunto: si alla (giusta e doverosa) rimozione degli insulsi commenti ingiuriosi e diffamatori. NO al filtraggio preventivo-Censura. Senza se e senza mà. E senza forzare l’interpretazione di “leggi” che esistono solo nelle voglie e nei desideri di chi, per umane e comprensibilissime ragioni, avrebbe tutto l’interesse non dico alla Censura, ma al silenzio totale…

    PS: SE VUOI RISPONDERE, FALLO PURE. Ma argomenta (se puoi) senza farne una questione personale, né di principio. Se poi riesci a postare anche leggi (possibilmente della Cassazione o della Corte Costituzionale) che diano fondamento alla tua invocata “responsabilità”, tanto meglio.

    Argomenta, sfrutta la mente giovane e sveglia che ne guadagneremmo tutti…Chissà: magari ci riesci a farmi cambiare idea sulla valutazione negativa che attualmente ho dell’operato di Luca, il quale tra l’altro con il suo “impegno” si sottopone, inconsapevolmente ed involontariamente, ad una possibile responsabilità (anche penale e non solo amministrativa) che Egli potrebbe evitare…in quanto con il suo dichiarato “filtraggio preventivo” l’ingenuo (scusa Luca, ma quando ci vuole ci vuole) si rende, de-facto, co-autore dei commenti…

    Saluti

    PS2: per Luca. Luca. La rimozione ex-post dei commenti è l’unico obbligo che hai. Per il resto basta inserire una pop-up, un disclaimer nella home del blog in cui fatalmente e giustamente, declini ogni responsabilità oggettiva per il contenuto dei post inseriti. Non t’impelagare in attività che, oltre a non competerti, aggravano de-facto una tua eventuale responsabilità e provocano anche un inevitabile decadimento della discussione. Se non sei d’accordo…consulta un bravo Avvocato. E vedrai.

    ri-Saluti

  13. Bene.
    Intanto che qualcuno si preoccupa di trovare uno straccio di legge/regolamento/sentenza (del terzo grado di giudizio, possibilmente) posto un’articoletto interessante tratto da quello che è, forse, attualmente, il Giornale più libero che ci sia.
    Su questo giornale si possono trovare molti articoli ed opinioni (più o meno opinabili), ma esso è, allo stato attuale delle cose, sicuramente uno degli spazi d’informazione più liberi in assoluto…
    Ecco, una delle “chiavi” di un’abitudine al confronto: leggere ed imparare da chi s’immola ogni giorno contro tutti e tutto il finto-perbenismo-bigotto, contro chi non sale sul carro dei vincitori (come ha fatto AN alleandosi con l’erede di Bettino Craxi) attività oggi tanto di moda, sia a destra (dove esso, più che moda è regola assurgente al ruolo di Obiettivo: Conservazione e Restaurazione), sia a sinistra (dove è entrato per “merito” degli INCAPACI D’Alema, Veltroni&Co…
    Incapaci perchè, dopo Tangentopoli, attraverso una congerie senza fine di Grandi Cazzate (a cominciare dalla proclamazione a Capo di Governo di quella bestia di Prodi, tra l’altro ex-presidente dell’I.R.I….insomma gente che con i temi di sinistra nulla aveva ed ha, a che fare…) è riuscita, nel volgere di un decennio, a consegnare il Potere Assoluto nelle mani dell’erede conclamato di Bettino Craxi. Sono riusciti insomma, questi deficienti, non solo a neutralizzare quanto di buono era stato fatto con Tangentopoli ma, attraverso la loro negligenza (unita certo ad un’Attaccamento alla Poltrona bi-bartizan…vedi mancata mobilitazione popolare contro il porcellum di Calderoli..) a precipitare la Republica nel buio più totale…E così ora eccoli (tutti insieme, appassionatamente, a parte il povero Di Pietro..) a “lavorare” intorno ad un’altra super-urgenza del Paese: le Intercettazioni. :)
    Già. Ve lo ricordate il problemone oggetto della campagna elettorale? NO?!?
    Neanche Io. Ed è ovvio: Lor Signori non ne hanno mai parlato…

    Cmq dicevo: ecco come la STAMPA LIBERA tratta niente poco di meno che, l’Uomo più Potente del Pianeta. Altro che censure e “reati”…inventati di sana pianta. (spero nel frattempo che il Fungo non abbia postato controdeduzioni che mi facciano cambiare idea, altrimenti questo post sarebbe fuori luogo…ma siccome dubito fortemente che ciò sia avvenuto, corro il “rischio” della “figuraccia”..) :)

    http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/11-Giugno-2008/art1.html

    Saluti wualliù.

    Dimenticavo: Musica, ragazzi, Musica. Grande Bennato…

    Album: Sono solo Canzonette (1980)
    Autore: Edoardo Bennato
    Title: Ma che sarà

    Ma che sarà, che cosa t’offrirà
    quest’altra storia, quest’altra novità
    l’unico rischio è che sia tutto finto
    e che sia tutta pubblicità!…

    Ma che ne sai, se non ci provi mai
    che rischi corri se non vuoi volare
    coi piedi a terra, legato alla ragione
    ti passa presto, la voglia di sognare!

    Ma è quello che vogliono da te
    già appena nati ci hanno abituati
    a non pensare, ma a darcene l’illusione
    e sempre con la scusa della ragione!…

    E anche se fosse solo finzione
    solo il pretesto per fare una canzone!
    vale la pena almeno di tentare
    se è un’occasione per poter volare
    allora non la sprecare, prova a volare!…

    Attenzione-attenzione! Comunicato ufficiale!
    parla l’organo del partito, non lasciatevi suggestionare!
    Quella voce che vi invita a volare
    è di un maniaco sabotatore!…
    Spegnete la radio adesso
    giradischi e registratori, presto!… presto!…

    Ma la radio va e non si fermerà
    ti prenderà per mano ti insegnerà a volare
    visti dall’alto i draghi del potere
    ti accorgi che son draghi di cartone!…

    E anche se fosse solo finzione…

    Attenzione-attenzione! A tutte le persone serie!
    consapevoli, equilibrate, non lasciatevi suggestionare!
    abbiamo ben altri progetti per voi
    uomini del 2000, saggi e civili
    perciò prestate attenzione
    solo alla voce della ragione!…

    Ma la radio va e non si fermerà ti prenderà per mano, ti insegnerà a volare, VISTI DALL’ALTO I DRAGHI DEL POTERE TI ACCORGI CHE SON DRAGHI DI CARTONE!…

    Ma non lo vedi sono di cartone
    se resti a terra che vuoi capire
    con la scusa di schiarirtele
    ti confonderanno sempre più le idee
    ti manderanno allo sbaraglio in questa
    farsa, nel ruolo di comparsa!…

    Ma basta che voli in alto
    ma basta che ti alzi un poco
    e forse scopri che quello che ti faceva
    paura era soltanto un gioco!
    e adesso, hai l’occasione per poter
    volare, allora, non la sprecare, prova a volare!…

    Prova ma che ne sai
    se non ci provi mai non puoi
    sapere se vale o no la pena
    di tentare, è un’occasione
    per volare, per volare!…

    Adesso basta! Fatelo stare zitto!
    Abbiamo troppo sopportato!
    Abbiamo troppo tollerato!
    E’ un provocatore! Fatelo tacere!
    ….Fatelo tacere!….

  14. Anto’! azzo! non lo vuoi capire!?
    Luca sa perfettamente cio’ che sta facendo.
    Conosce le normative ed e’ al corrente delle sue responsabilita’, non ha bisogno di consultare nessun avvocato.
    La questione e’ un’altra e “l’assalto alla diligenza” e’ partito la sera del 25 aprile 2008.
    Non si tratta di moderare i commenti riguardanti la sig. Giannatempo e/o la signora Zampini, problema risolvibile con la cancellazione dei post, ma del sopravvenuto “timore” di fare un torto ai “potenti di turno” (che per evitare censure non posso nominare).
    Sul blog che ritengo parallelo a questo, MICRO MACRO DI MICHELE IULA,
    si posta tranquillamente senza “filtri” e gabelle varie; a mia memoria ricordo solo un paio di post “inguardabili” cancellati dal titolare dopo la pubblicazione, nessuno si e’ scandalizzato, nessuno e’ stato denunciato, tutto fa parte del gioco.
    Ammetto che il blog MICRO MACRO sia meno frequentato di quello di Luca Caporale, ma proprio questo mi fa sospettare fortemente che siamo in presenza di una grossolana forma di censura.
    Chissa’ cosa accadrebbe al blog di Iula se avesse la stessa frequentazione che abbiamo finora riservato a questo.

    Con stima.

  15. Antò? Chi è? Io sono sinistracritica… :)
    Seri.
    MA di cosa si stà parlando?
    Potenti, potere…mah. Mi viene da ridere…
    e cmq, francamente, non riesco a considerare la questione i questi termini, davvero, la mia mente si rifiuta di credere a simili cose…
    quanto ai blog, paralleli o no, beh…un blog si crea in 5 min.
    Io ne ho già creati 4… :) :)
    E cmq è veramente paradossale…ed il paradosso di Luca stà in questo: nel fatto che Egli (in buona fede, certo) ha preteso e continua a pretendere che il blog sia struemento d’informazione ufficiale…
    E non si rende conto della trappola che si nasconde dietro di ciò, ovvero che, così facendo, oltre a ricevere gloria…si complica la vita in maniera pazzesca, in quanto più alta è la pretesa (pretenziosità) di ufficialità, più tale strumento diventa attacabile dagli strumenti convenzionali del potere…
    Luca, riprenditi!!! :) :)

    Cmq, inutile continuare anche perchè sarebbe ora di capire una cosina un pò “sottile”: Internet è tecnologia militare che nasce con uno scopo preciso…LA RAGNATELA…colpito un sito…ce ne sono altri 100-1000-10000…è solo questione di entrare nella “forma mentis” di Internet…ed agire di conseguenza.
    Più link si postano…più la logica della ragnatela si manifesta e svolge i sui effetti…A buon intenditor…

    Saluti

  16. E se facciamo un bel giochino, del tipo… postiamo con i nostri nomi reali e ce ne prendiamo le responsabilità (prima sostanziale, poi di riflesso anche formale?)

    p.s. vi precedo, naturalmente vale anche per me

  17. A BUON INTENDITOR…? RILEGGIAMO QUESTO POST DEL 1 APRILE.

    OSSERVATORE ORTESE
    Aprile 1, 2008 alle 7:25 pm
    mi rivolgo a Luca Caporale.

    Ti sarai reso conto che questo blog e’ diventato un punto di riferimento di tanti che vogliono esprimere qualcosa e lo possono fare in perfetto anonimato.
    Ottima la scelta da parte tua di eliminare i post volgari ed eccessivamente ingiuriosi.
    Vorrei pero’ che ti sia ben chiaro che tu hai al momento un “potere”
    enorme e in mano una notevole responsabilita’, forse che va’ oltre i tuoi compiti e sicuramente al di la’ delle tue previsioni; quindi ti prego di non lasciarti coinvolgere in alcun modo da nessun esponente politico, cosa che delegittimerebbe l’imparzialita’ di questo blog.
    Se qualche “figura” politica volesse dire qualcosa utilizzando il blog non dovrebbe farlo fermandoti per strada, con il rischio di dare adito a sospetti stupidi e pretestuosi, ma scriverlo.

    Ti saluto con tutta la stima che ho nei tuoi confronti.

    ORA 12/06/2008 VIENE ANCORA DA RIDERE…?

  18. Da enea43 a Luca Caporale

    Caro Luca, se andassimo a ritroso a rileggere ogni mio intervento, non troveresti alcuna frase offensiva. Solo concetti e non preconcetti all’indirizzo di politici appartenenti ad ogni schieramento. Molta educata satira politica, battute ironiche, ritengo la più allegra, il colloquio con sinistracritica sul deficiente, purtroppo dall’Amico non compresa.( più la rileggo e più ci rido ).
    Un Anchise è stato duramente attaccato, e siccome sa ancora tirare di fioretto e di spada, si è difeso combattendo, come evidentemente gli è più congeniale. Nessuno dei due contendenti è morto, al contrario si sono incontrati, chiarito l’equivoco, si sono stretti la mano: Segno di civiltà e di rispetto reciproco.
    Nella commemorazione :” La memoria di scena alla Pertini “ abituato a documentarmi da autodidatta avevo pubblicato per primo una ricerca sull’olocausto e giustamente mi si faceva ,garbatamente notare, che andavano onorate anche le vittime delle foibe. Feci notare al mio interlocutore che la pausa è riflessione e ne pubblicai la ricerca. Segno di garbo ed intelligenza.
    Arriviamo al problema, mistero non tanto, ho ipotizzato, certo ogni tanto riesco a farlo: di un’amica ne conosci usi e costumi, poi ipotizziamo una controversia qualsiasi, te ne allontani, può rimanere rancore, è istinto umano, me lo deve pagare questo affronto. Ingenuamente crede di aver trovato il momento giusto e recita la sua parte, quella della misera vigliacca.
    Sono profondamente addolorato per l’ingenuità con cui è caduta nel tranello una Vera Signora, moglie di un professionista socievole, disponibile alla conversazione con tutti, pronto anche allo scherzo, maturato oltre che in una famiglia di gente Perbene anche tra la gente della strada, quella del popolo.
    Il Reato: è l’infrazione di un comando o divieto posto da una norma penale. La colpevolezza scaturisce sempre dalla volontà di commettere il reato, sia esso volontario, colposo o preterintenzionale. Ci vuole però, l’oggetto della violazione ed il soggetto a cui si rivolge.
    Il Reato impossibile: Quando per l’inidoneità dell’azione o l’inesistenza dell’oggetto di essa è impossibile l’evento dannoso o pericoloso costituente il Reato.
    Se la servetta impellicciata, che ha offeso il “ nostro blog “ chiamando altro, molto più erudito, pensa di aver compiuto il delitto perfetto, a scapito di un rompiscatole, si sbaglia di grosso. Dopo le festività del Santo Padrone, scriverò di tante altre vie violentate, ed ognuna ritrarrà il quadro politico del suo momento, compreso quello attuale.
    Ripristina la diretta e rallegrati, il Tuo, il Nostro blog è indipendente. Si scrive di serio e di sarcasmo, scriviamo ignoranti! Intellettuali!, ½ e ½ ma sempre persone umane. Escluso l’impellicciata? ‘oh , ciè? Sta a fasc’ brutt. L’acqquè jè picche e la papere non gallegge’.

    Buon lavoro Luca.

  19. L’osservatoreortese, scrive: “…VIENE ANCORA DA RIDERE…?..”

    SI!!!!
    E ti spiego perchè.
    Perchè il mio “a buon intenditor, poche parole” era per far capire sia a Luca, sia a Moscarella in Persona, nel caso in cui ce ne fosse bisogno, che INTERNET=RAGNATELA.
    E’ una tecnologia militare: la morte di un sito, non è di nessun problema per il proseguimento dell’Attività…

    Quando ho detto che ho creato 4 blog, non scherzavo affatto…
    Con questo rispondo anche a Chiaceredabar: non siamo noi i personaggi pubblici.
    Il giochino che dobbiamo fare tutti è semplice: si chiama DEMOCRAZIA.
    Funziona così: alcuni Cittadini della Repubblica Italiana, per spirito di Amore verso la Propria Amata Terra e la Propria Amata Nazione, costituitasi in Repubblica per Volontà del Popolo Sovrano, si “Fanno Eleggere” a Suffragio UNiversale e Diretto (la Verità dell’ultimo punto è stata Cancellata dal Porcellum di Calderoli…ma Noi lavoreremo per ripristinarLa) secondo ciò che, in Diritto si definisce “Mandato Elettorale”, ovvero una peculiarissima declinazione del Contratto di Mandato (art. 1704 c.c. e ss) messa appunto dalla Società delle Nazioni (che grand conquista del Socialismo, fù quella..) affinchè Essi Agiscano Per Conto del Mandante, ovvero: IL POPOLO.

    Perciò io proporrei un’altro Gochino, molto più divertente: si chiama “Adotta un Politico”:

    http://www.openpolis.it/

    UN bel giochino, non vi pare? Io ho provato a giocare immettendo il nome di un Assessore…il mio preferito… :) :) :)
    …quasi quasi lo adotto!!!! :) :) :)

    PS si faccia Tutti gli Uomini. Niente distorsioni della Verità.

    Saluti

  20. troppo difficile il giochino della responsabilità, molto meglio quindi mischiare l’acua col vino, il mandato elettorale (che è per costituzione italiana, non vincolante, ma responsabilizzante) con il blog, la ragnatela globale, come la definisce non un sito internet, ma lei stessa: www= ragnatela globale…
    vabbé adottiamo un politico, tanto se dobbiamo giocare…

  21. ah, la società delle nazioni è nata quando il socialismo ancora non contava nulla…

  22. chiacchieredabar,
    la Società delle Nazioni è nata all’apogeo del SOCIALISMO EUROPEO,
    come risposta dei Governi alle istanze Rivoluzionarie Socialiste che percorrevano e scuotevano dalle fondamenta le Nazioni uscite devastate dalla follia della Prima Guerra Mondiale, nata per il delirio Imperialistico vaneggiato dai Regimi Conservatori che da mezzo secolo più o meno si erano instaurati in tutta Europa a seguito della corrente Restauratrice post-napolenonica che raggiunse il suo culmine proprio ai primi del 900′.
    Ma questa è storia, non opinioni.
    Per quanto riguarda poi l’innacquamento, qui non c’è nessun innacquamento, ma solo un minimo si sagacia. Che la nostra sia una generazione di handiccapati che si stà facendo rubare il Futuro e la stessa esistenza da un manipolo di CRIMINALI PREGIUDICATI, che siedono sfacciatamente e contro ogni logica in Parlamento, è sotto gli occhi di tutti.
    Chissà se fossimo stati “dritti” come i giovani degli anni 60′ e 70′ se ci sarebbero stati i co.co.pro e la devastazione dello stato sociale…
    Ma siccome io, pur sentendomi un fesso, non sono disposto ad esserlo, COL CAZZO, che mi firmo col mio nome quando attacco i vati del REGGIME che ci assilla…loro c’hanno l’immunità…noi cosa abbiamo? Rifletti, chiacchieredabar, rifletti e non farti prendere dalla foga. Se si ingaggia una lotta bisogna lottare ad armi pari: anonimato contro immunità mi sembra uno scambio saggio…e questo per non considerare IL POTERE che Loro hanno..e Noi no.
    l’idealismo è una cosa, l’ingenutià un’altra…

    Saluti

  23. da quando i consiglieri comunali godono dell’immunità?
    votatemi, allora, che mi paro il culo pure io con le ferrovie del gargano!!!

    la società delle nazioni, ribadisco, è un progetto che non conta con la storia del socialismo, ma piuttosto con la necessità di garantire un nuovo ordine ad un Mondo che in un tempo aveva perso la “bellezza” di tre imperi: austroungarico, germanico e ottomano!!!

    allora i socialisti li liquidavano con le cannonate sugli champs elysees, altro he diplomazia!! (la storia è questa, invece)

  24. chiaccheredabar,
    e che palle però.
    La storia a fumetti…che è?

    Vabbù. Allora vediamo se riesco a convincerti che La Società delle nazioni fù frutto del Pensiero Socialista almeno quanto il PC è figlio dell’informatica…

    Tratto da MSN Encarta
    Società delle Nazioni: Organizzazione sovranazionale per il mantenimento della pace e della sicurezza, con sede a Ginevra; fondata nel 1919, fu attiva dal 1920 al 1946, anno in cui venne istituita l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Fra i compiti della Società rientravano anche la promozione della cooperazione internazionale tra gli stati membri e la soluzione delle controversie internazionali; vi appartennero in totale 63 stati, di cui solo 31 per l’intero periodo di attività.

    2 Il patto istitutivo della Società delle Nazioni

    Anteprima della sezione
    Il primo progetto di un’associazione generale di stati si deve al presidente statunitense Woodrow Wilson, che nel 1918 ne tracciò il profilo…

    Quindi arriviamo a Wilson:
    Prima di dedicarsi alla politica, Wilson insegnava all’università; fu nominato rettore a Princeton e cercò di riformare il sistema universitario. Nel 1910, quando il PARTITO DEMOCRATIC0 (quindi la Sinistra Statunitense…che all’epoca, bada, era sinistra per davvero…parliamo di prima della guerra fredda) del New Jersey lo candidò alla carica di governatore, Wilson abbandonò il mondo accademico. Una volta eletto, varò nuove leggi per regolamentare le elezioni e le attività commerciali, e il suo attivismo gli spianò la strada verso le elezioni presidenziali del 1912….

    Poi sappiamo tutti come è andata a finire: la Società delle Nazioni che è fuigglia e frutto del Pensiero Socialista e Progressista come lo sono le Nazioni Unite fallì…come adesso stà fallendo l’ONU (corsi e ri-corsi storici: la Storia si ripete).

    Poi torniamo al discorso principale…ah, la firma si.
    No, non sono i Consiglieri a godere dell’immunità…ma i Parlamentari si. Ed io, non sò se te ne sei accorto, ogni tanto li tratto “maluccio” ….alcuni poi, come Tremonti… :) :) :)

    Per appunti contro i Consiglieri, potrei anche firmarmi ma tanto a che serve? A nulla.

    Non c’è cultura politica. Non c’è la cultura dello scontro politico. Qui se dici “bà”, è perchè sei un nemico giurato e se non lo sei, allora sono loro a diventarlo…
    Qui non c’è affatto cultura. Ecco tutto. Quindi, è inutile giocare alla responsabilità, se si ha a che fare con politici bambini.

    Saluti

  25. PS: dimenticavo: adotta un politico… :) :)
    Funaziona anche per quelli locali!!!!
    …io la mia “proposta d’adozione” per un nostro caro Assessore l’ho già inoltrata.. :) :)

    http://www.openpolis.it

    Non preoccuparTi di quelli che cianciano di nomi e correttezza…sono in palese Malafede o perlomeno in ovvio CONFLITTO D’INTERESSI…

    PS2: se i Politici che leggono i blog fossero in buona fede ed avessereo DAVVERO buone intenzioni, adesso Orta Nova dovrebbe essersi già trasformata, per quante sono le proposte che da questo blog sono state “inoltrate” da parte degli utenti…

    Ma così non è. Quindi il pretendere la “firma” è solo un pretesto per limitare le critiche e ridurci, possibilmente, AL SILENZIO.
    Un tranello. Tutto quà. Se vuoi cascarci, accomodati. Io ti seguo per Solidarietà (altro tema di Sinistra…appunto).

    Saluti

  26. enea 43 con il patrocinio della ” Memoria Smarrita “.

    Continua: questa volta andiamo in tandem ….Colino e Lilino.
    Iniziamo dalla Liguria: a destra una grande villa con strettissimi viali, progettata bene, realizzata per la circolazione pedonale dei bambini accompagnati da un solo genitore ( rapporto costo- benefici ?) ; a sinistra la scuola, vedi, fatta bene regge ancora, più avanti a sinistra case a mutuo ventennale, a destra, al Viandante, il buon Tonino offre di tutto, rape, uva, carciofi, dicono che porteranno il mercato settimanale, i servizi? acqua e bagni, sempre offerti dal buon Tonino!
    La Toscana: A destra risorse umane da destinarsi o già destinate? A sinistra case a mutuo ventennale e …. tòoo! un deposito ! Per carità grande lavoratore fin da bambino, vedi caro Colino pure cusse jè fatte l’assessore.
    Attraversato il fiume Adige, ci portiamo in Lombardia, in Piemonte, in Valle D’Aosta, in Emilia-Romagna, scendiamo in Sicilia, Caro Lilino, è in queste Regioni che da oltre 20 anni, abita la classe: operai, impiegati, artigiani, piccoli commerciati, tutte abitazioni con mutuo ventennale, al 22% tasso fisso, con contributi dello Stato e della Regione Puglia. Maaadooò, ci piè, statte zitte, cusse so’ i vere poveridde, ‘u so’ capito!
    Naaaa!!! Colino, c’s disc, avime scurdesce L’Umbria, jè vere: 08/Settembre/1943; ‘avimme a rendere omaggio al generale Badoglio, Maaadooò, Lilino fàcimm abbrèss, risaliamo la penisola e andiamo in Umbria. Oh Santo poverello, guidaci nella selva oscura, che la dritta via abbiamo smarrito; “ Colino stamme a sendi’, non ti puoi sbagliàaare! Da lendane “ ‘na cappella e tanto verde per il riposo dei poverelli, obolo della congregazione?????
    Mi chiamaste e venni in soccorso, sono Il Santo don Michele oh poveridde, insieme a Frate Vincienze da bonassise, con il nostro amato cugino Giovanni il Battista, scortati per onore alla giustizia, da alto ufficiale %$%$, Colonnello KKKàpppleeer! Madò! cudde di Fosse Adeatine! Allòoora còoosa esserè? Eccellenza, nella confusione, è sparito tutto lo spazio verde. Voi còoosa dìre? Allòoora io, noi non vedèeere? Voi insinùaare, mio e nostro comportamento cìecò? Per carità Eccellenza, ci era sembrato che prima c’era un pochino di erba? Una pianticella? Un vaso? Eccellenze! Chiediamo umilmente perdono, Voi avete sempre visto tutto bene, altrimenti come diventavate Sindaco, Ingegnere e Colonnello? Siamo noi che avime pigghiate assè pe’ fegure. Colì , Lilì sciamanninne! “ ‘o facime la fine de le scarcioffè”!
    Alla prossima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.