I militanti di Forza Italia all’interno del circolo ortese, foto dal profilo Facebook

Destano sempre più preoccupazioni le notizie che arrivano dal comparto agricolo. Qualche giorno fa, l’esasperazione degli agricoltori riguardante il calo repentino del prezzo del grano, li ha portati a mobilitarsi con i loro mezzi fino a raggiungere l’ingresso autostradale. Purtroppo le notizie che arrivano dalle stanze dei bottoni non fanno registrare risvolti positivi e il futuro di questa campagna del grano e degli agricoltori si profila sempre più tragico.  E’ un dato acclarato che l’importazione di prodotti agricoli, in quantità esosa e senza una regolamentazione di qualità e prezzi, sta massacrando le economie locali. Ad Orta Nova è da ricordare che a soffrire di queste carenze legislative furono tempo addietro, già i produttori di olio. Seguirono numerose rassicurazioni per tranquillizzare gli olivicoltori locali, affinchè gli organi istituzionali competenti disciplinassero le importazioni dai paesi in cui la manodopera e la somministrazione di agenti chimici consente una maggiore produzione a costi decisamente inferiori. Ci risiamo adesso all’inizio della campagna del grano: i costi per la produzione sono eccessivi, le quotazioni sono troppo basse. Dopo aver visto il teatrino delle primarie del PD, il caro Emiliano sforni qualche bella idea per salvare almeno il salvabile dei già massacrati agricoltori pugliesi. Ad Orta Nova, dopo aver preso consensi elettorali da cinque comitati sorti come funghi, le istituzioni tacciono e i rappresentanti regionali piddini, dopo la kermesse e il vano tentativo delle diatribe interne hanno dimenticato l’essenziale: i nostri agricoltori sono in seria difficoltà, vengono interpellati solo durante le campagne elettorali. E’ infatti stata premura del direttivo locale di inviare una missiva unitaria agli organi provinciali e regionali forzisti affinchè rappresentino i gravi problemi dell’agricoltura locale nelle opportune sedi al fine di contrastare questa concorrenza selvaggia e ridare dignità al nostro comparto agricolo.

Comunicato stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...