Orta Nova, Di Stasio (FI): “Le stanze dei bottoni tacciono, il comparto agricolo non va tutelato solo durante le campagne elettorali”

Nicola Di Stasio FI

Ad Orta Nova i forzisti fanno sul serio. Con le prime proteste degli agricoltori, a prendere posizioni e ad alzare i toni in difesa del made in Italy, soprattutto del made in capitanata, è la sezione cittadina di Forza Italia, che con un comunicato stampa, giorni addietro, aveva esortato le autorità ad intervenire tempestivamente per far fronte alle problematiche di natura economica e di pubblica sicurezza denunciate dal comparto agricolo, puntualmente non ascoltate. Dopo qualche giorno, a seguito del persistere della situazione di stallo delle istituzioni ad ogni livello, in virtù delle segnalazioni pervenute al direttivo cittadino da parte di numerosi produttori locali, il Vice commissario F.I. Nicola Di Stasio ha preso carta e penna. Il giovane forzista ha inviato una missiva a tutte le istituzioni denunciando, oltre alle prospettive deludenti delle quotazioni del grano nella campagna 2017, anche i numerosi furti perpetrati ai danni delle piantagioni di grano, poche ore prima dalla raccolta. “Non è possibile – commenta il Vice Commissario Nicola Di Stasioche non si valorizzi il prodotto locale e si scarichino, nel vicino porto di Bari, tonnellate di grano provenienti dal Canada. Le stanze dei bottoni tacciono, il comparto agricolo non va tutelato solo durante le campagne elettorali. La mobilitazione delle forze politiche, Istituzionali e di categoria, in questi momenti, a sostegno di chi patisce sul territorio questa tragedia della nostra economia è doverosa: non si può essere vicini ai cittadini solo in prossimità delle campagne elettorali”. Sull’onda di quanto intrapreso dal Direttivo cittadino, fa eco il Vice Presidente regionale in quota a Forza Italia Giandiego Gatta: con una nota al Governo regionale ha sollecitato, in virtù di quanto anticipato dal vice commissario locale, il tempestivo intervento delle Istituzioni a sostegno degli agricoltori.

Comunicato stampa

Annunci

Orta Nova, l’Amministrazione Tarantino rassicura i cittadini: “Allarme rifiuti rientrato, ora massima attenzione alla crisi del grano”

Il sindaco Dino Tarantino in un comizio, foto di Luca Caporale

Il Sindaco, Dino Tarantino, e l’intera Amministrazione comunale avvisano la cittadinanza che, dopo 48 ore “incandescenti”, di atti d’imperio e trattative con SIA FG/4 S.r.l, Regione Puglia e Prefettura, si è concluso definitivamente lo stato di agitazione sindacale dei dipendenti della predetta società e il ripristino del servizio, che a partire da giovedì pomeriggio ha visto susseguirsi una serie di interventi straordinari. Al momento, grazie al costante monitoraggio della Polizia municipale, la situazione igienico-sanitaria della nostra Città è ritornata quasi del tutto alla normalità con lo svuotamento dei restanti bidoni e la raccolta dei rifiuti ancora occupanti la sede stradale. Si avvisa inoltre la cittadinanza che questa sera e domani, a partire dalle ore 23:30 in periferia e dalle 03:30 in centro (orario indicato dalla ditta!), verrà effettuato un trattamento straordinario antiparassitario sugli alberi cittadini, fermo restando la disinfestazione ordinaria a cura della SIA FG/4 S.r.l. per il momento fissata, salvo diverse disposizioni, per i giorni 16 e 17 giugno. E’ alle cronache non solo provinciali e regionali ma anche nazionali come alla vigilia dell’inizio ufficiale della mietitura in tutte le campagne pugliesi sia scoppiata la c.d. “guerra del grano” a seguito del crollo delle sue quotazioni, con gli agricoltori che hanno lasciato i campi con i trattori per stringere d’assedio il porto di Bari, dove una nave proveniente da Vancouver ha iniziato a scaricare grano canadese per fare pasta italiana. Il “mostro”, lungo 256 metri, porta 50.000 tonnellate di grano che saranno sottoposte, tra altro, ai controlli delle forze dell’ordine. Si tratta di un oltraggio per i produttori pugliesi che non riescono a vendere al giusto prezzo il proprio grano, sotto l’attacco delle speculazioni che hanno praticamente dimezzato le quotazioni su valori più bassi di 30 anni fa, con la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro e il rischio desertificazione per quasi 2 milioni di ettari, il 15% della superficie agricola nazionale. A fronte della drammatica situazione e dopo aver affrontato la piaga rifiuti, l’Amministrazione comunale ha intenzione di porre la massima attenzione anche in questo caso, convocando le sigle sindacali maggior rappresentative sul territorio per definire la miglior strategia di contrasto all’annosa questione, facendosi portavoce della stessa anche nella sede dell’Unione dei “5 Reali Siti”, in modo che la tematica possa essere davvero condivisa su un territorio omogeneo per vocazione agricola.

Comunicato stampa

Orta Nova, Vece: “Il nuovo tecnico comunale in conflitto di interessi con il progettista dei lavori di messa in sicurezza idraulica”

Il consigliere comunale Antonio Vece

Il gabibbo colpisce ancora. In data 7/6/2017 è stato conferito l’incarico come collaudatore dei lavori riguardanti la sistemazione idrogeologica e messa in sicurezza idraulica dell’abitato di Orta Nova. Incarico lasciato vacante dopo le dimissioni presentate dall’ingegnere Pietro Vocale. L’incarico è stato assegnato all’ingegnere Giuseppe Sforza di Bari. In data 9/6/2017 lo stesso ha comunicato ai nostri uffici che il 14/6/2017, alle ore 10 sarà sul cantiere per effettuare il primo sopralluogo. Che dire, più veloce della luce quando funziona il telefono. Clamorosa è la connessione tra questo tecnico e il nostro: il controllore e il controllato di se stesso. Neanche le mafie più spietate arrivano a tanto. A dimostrazione di quanto sostenuto, allego un documento da cui si evince che l’ingegnere Giuseppe Sforza è direttamente collegato al nostro ing. controllato.