Orta Nova, auto in fiamme questa mattina in Via Balsamo. Danneggiata anche la facciata di un palazzo 


Una vettura data alle fiamme e la facciata di un edificio danneggiata, il bilancio dell’incendio avvenuto questa mattina ad Orta Nova in Via Soldato Balsamo intorno alle ore 12:00. In fiamme una Fiat Punto bianca parcheggiata dinanzi all’ingresso di una palazzina di due piani, con le fiamme che hanno avvolto la facciata principale dello stabile, provocando danni al portone di ingresso del palazzo. Sul posto sono intervenuti i Vigili Urbani e i Vigili del Fuoco, che hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l’area. Pochi giorni fa un episodio analogo è avvenuto a pochi metri dallo stesso luogo, con un’altra Fiat Punto bianca data alle fiamme, forse a causa di un errore, agli inquirenti il compito di fare luce su questi episodi, entrambi avvenuti in pieno giorno ed a pochi metri da abitazioni.

Annunci

Orta Nova, il Comitato per la Tutela dei Servizi chiede un incontro al sindaco Tarantino sulla questione TARI. Raccolte 2561 firme per l’abolizione degli aumenti

Rifiuti (immagine di repertorio dalla rete)

Il Comitato Cittadino per la Tutela dei Servizi ha richiesto ufficialmente un incontro al primo cittadino di Orta Nova Dino Tarantino, per discutere della situazione relativa agli aumenti TARI. Il comitato ha raccolto in queste settimane ben 2561 firme, relative alla petizione per richiedere l’annullamento in autotutela della delibera di consiglio n.18 del 27 Marzo scorso, che ha definito le nuove tariffe per la tassa sui rifiuti. Intanto da qualche giorno la raccolta è ripresa dopo lo sciopero dei lavoratori SIA, mentre restano pesanti le dichiarazioni del presidente del consorzio ATO/FG4 Franco Metta, che ha accusato i vertici regionali di remare contro l’azienda cerignolana, al fine di favorire altre aziende come la barese AMIU, ponendo in particolare l’attenzione sul ruolo dell’Avv. Gianfranco Grandaliano, nominato commissario regionale per il ciclo della gestione dei rifiuti, sulla quale precedentemente erano sorti dubbi sul conflitto d’interessi, in quanto lo stesso riveste la carica di presidente di AMIU Puglia Spa. Intanto i cittadini sperano di veder revocata la delibera numero 18, evitando così di veder raddoppiata, o in alcuni casi triplicata, la tassa sui rifiuti.