Annunci

8 comments

  1. Un plauso al Prof. Ruscitto e neo costituendo Comitato per la tutela dei servizi. Buon lavoro. 😀

  2. ADESSO FACCIAMO VERAMENTE QUALCOSA TUTTI INSIEME DI FORTE X CACCIARLI A CALCI NEL CULO O SIAMO UN PAESE DI FESSI MI CI METTO PURE IO
    SINDACO QUESTO SIGNIFICA QUELLA SERA CHE GRIDAVI SUL PALCO VE LO GIURO VE LO PROMETTO ABBASSERO LE TASSE

  3. Il santo spogliato ed il terrorista mancato prima di fare questa buffonata sapevano al ballottaggio chi votavano; perciò ora si accollassero le loro colpe.Auguro solo a FRANCESCO GRILLO di stare alla larga da quei due

  4. Chiacchiere al vento!
    Sui rifiuti ad Orta Nova , i cittadini non sanno nulla! Sono solo chiamati a pagare un costo esoso rispetto ad altri Comuni. Pertanto il sottoscritto invita Consiglieri comunali e enti preposti:uffici e assessori a informare come sono stati determinati questi costi e relativamente a quali servizi. Inoltre ci dicano i costi di altri Comuni del Consorzio per quali servizi ricevuti: insomma un pò di trasparenza invece di tante chiacchiere e polemiche che ci propinano. Ci dicano quali sono i bilanci della Sia di cui Orta Nova fà parte e come i costi relativi vengono addebitati ai comuni interessati. Perchè, in sintesi, i cittadini di Orta Nova devono pagare di più? Di questa opacità ognuno è responsabile difronte alla città e ai cittadini; vediamo se c’è qualcuno che sente il dovere di dare conto del proprio ruolo. Al comitato chiedo avete fatto questa verifica e calcolo per la giusta contribuzione della TARI?
    Se non sapete dare queste risposte, dimettetevi tutti.

  5. Mi auguro che ad Orta Nova, invece di accodarsi ai Caporali politici ,ci si organizzi in una forza politica di sinistra autonoma , che difenda gli interessi della povera gente; io sono solo, e continuerò ad esserlo, una testimonianza della politica di Berlinguer, che faceva della questione morale un cardine della sua azione politica; quindi nessun interesse personale a candidarmi per il futuro, ma disponibile a costruire una nuova forza politica che si ispiri a quei valori nelle parole e nei comportamenti. Aperto al dialogo e all’unità con altre forze di origini socialiste , ma senza subalternità e riserve mentali . L’opportunismo e l’autoreferenzialità o il giovanilismo non lo condivido e non lo sostengo; c’è bisogno di mettere insieme gli uomini onesti e coloro che hanno a cuore il bene comune , non solo per affrontare le questioni locali ma anche per dare una svolta nel governo del nostro paese Italia.

  6. Hezbollah lei è alquanto squalificante come essere umano. Usare termini come terrorista è da persona squallida e patetica. È suo diritto criticare, ma usi termini consoni alla discussione se non vuole incorrere in una denuncia. Ne’ lei e ne’ nessun altro sa per chi ho votato al ballottaggio. La saluto.

  7. in extrema ratio si può invocare la giusta imposizione fiscale sancita dall’articolo 53 della Costituzione.

  8. Il Comitato Cittadino è nato come libera espressione dei cittadini, apartitico e con l’obiettivo di tutelare gli interessi di tutti i cittadini e per tentare di dare una svolta al modo di amministrare della cosa pubblica a Orta Nova. Nel breve percorso che ci separa dalla sua costituzione, purtroppo, ha preso una tangente diversa tesa a sostenere le tesi politiche di qualcuno, per la mancanza di regole scritte e con procedure decisionali solo verbali.
    Il problema della TARI 2017 è solo uno dei problemi che grava sulla cittadinanza di Orta Nova ed è arrivato nello stato in cui si trova per la cattiva amministrazione che ne è stata fatta nel corso degli anni, basti pensare che il Piano Finanziario Economico è preparato e redatto dalla stessa SIA: gli amministratori di qualunque corrente politica, di adesso e di prima, si sono poco preoccupati di capire come viene redatto, da dove arrivano le cifre in esso contenute, di come viene distribuito il costo fra i vari comuni componenti l’ARO FG4. Si sono sempre e solo preoccupati di accettarlo o respingerlo partendo unicamente da posizioni politiche contrastanti, per poter assicurare quel minimo di servizio di raccolta rifiuti, peraltro scadente, senza indagare più di tanto.
    La responsabilità di questo stato di cose quindi è di tutti, maggioranza ed opposizione delle varie amministrazioni che si sono via via susseguite, naturalmente per la parte che ad ognuno compete. Da questo modo di amministrare è subentrata l’esigenza da parte dei cittadini di controllare e vederci chiaro nell’operato di chi amministra. Perciò è nata la necessità di costituire un Comitato Cittadino che dialoghi con gli amministratori affinchè il loro operato rispecchi, prima di tutto quanto promesso in campagna elettorale e che sia veramente a favore di tutta la cittadinanza in modo imparziale.
    Gli aumenti che ci sono stati sulla TARI 2017, dai dati provenienti dal PFE, sono da ascrivere principalmente alla parte variabile del costo dell’intera TARI. Il costo totale della TARI è passato da €2.250.000,00 a €3.162.732,10, con un aumento in percentuale, sulla cifra precedente, del 40,1%. L’aumento, di €912.732,00, grava solo sulla parte variabile, cioè sulla raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento rifiuti. Questo aumento, solo della parte variabile, purtroppo al momento della distribuzione della spesa ha creato situazioni crisi rispetto a quanto stabilito negli anni scorsi. Comunque, nulla è dato sapere di come è stato calcolato e quantificato questo costo, come nemmeno chiari sono i costi riferiti alla parte fissa racchiusi in diciture generiche come costi generali, costi comuni, costi diversi ecc.. Tanto meno è dato di sapere se i costi sono uguali per tutti e nove i comuni che costituiscono l’ARO FG4. Questa mancanza di conoscenza e trasparenza è da addebitare in primis a chi direttamente amministra, ma va estesa anche a tutti i consiglieri presenti in Consiglio Comunale, di maggioranza e di opposizione, che hanno il dovere del controllo su chi amministra e della trasparenza degli atti, prima di deliberare a favore o contro un provvedimento.
    E’ stato un bene che sia nato il Comitato Cittadino, dei liberi cittadini che non siano a rimorchio di nessuna parrocchia, perché possa instillare un nuovo modo di essere presenti nelle istituzioni e non per perpetuare il vecchio modo mirante solo a gestire quel poco di potere che in un comune come Orta Nova ci possa essere. Il Comitato si è messo l’obiettivo di raccogliere le firme per chiedere l’annullamento della delibera TARI 2017. La raccolta delle firme è stata fatta dal Comitato e ha visto una partecipazione dei cittadini veramente notevole. Le stesse firme sono state convalidate, nella loro regolarità, da un consigliere comunale per poter essere consegnate.
    Dell’esperienza di questo comitato si dovrà far tesoro. La cittadinanza si dovrà dotare di una Consulta Cittadina Permanente, che tenga il cosiddetto “fiato sul collo” di chi amministra, visto che con facilità dimenticano quanto detto e promesso in campagna elettorale. La Consulta dovrà fondarsi su regole scritte, chiare e condivise da tutti, che veda la partecipazione di tutta la cittadinanza (di esempi ce ne sono molti in tanti paesi e città) e non di soli pochi volenterosi, affinchè elementi estranei ad essa, di volta in volta, non ne possano egemonizzare l’azione. Antonio Corbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...