Annunci

4 comments

  1. Ho appena finito di ascoltare il comizio della maggioranza sulla Tari. A parte il fatto che ormai queste persone presenti nel consiglio comunale non sanno mantenere un confronto politico civile , devo ammettere che finalmente qualche chiarimento è stato dato sulle ragioni degli aumenti; potevano e dovevano farlo prima di adottare un provvedimento di tale complessità. E’ vero sulla questione rifiuti c’è un ruolo importante della Regione che vigila e impone soluzioni sul ciclo dei rifiuti, ma si rileva anche la pochezza degli amministratori locali che non hanno saputo programmare e fare bene la loro parte. Il vice Sindaco non ha però fornito dati su quale è la situazione debitoria di altri Comuni facenti parte dell’Ato(sembrerebbe che solo Orta Nova avesse una inadempienza) e come mai il ricavato dell’uso della vecchia discarica fosse stato utilizzato per abbassare il costo del Comune di Orta Nova e di altri, e non investito sull’ammodernamento delle strumentazioni o sulla realizzazione del nuovo lotto della discarica. Ora sappiamo che la Regione stà favorendo la soluzione della discarica nuova, speriamo che per il futuro possa migliorare tale servizio. Sindaco Ruscitto ti ha fatto vincere le elezioni al secondo turno; non sò se siete parenti, ma è chiaro quale è stato il suo ruolo al 2° turno e credo che non abbia un grande attaccamento, con il suo seguito, al futuro della Sinistra di Orta Nova. Questa dovrà essere ricostruita per dare risposte sociali ai problemi della povera gente e dei lavoratori precari , disoccupati e occupati. le politiche per queste fasce sociali sia nazionali che comunali sono davvero scarse e clientelari; Il servizio sociale deve uscire da un visione assistenzialistica e pauperistica, deve aiutare le famiglie povere a sbarcare il lunario e a non dover ricorrere alla carità della chiesa e delle sue strutture. Il Comune deve fare con trasparenza e impegno la sua parte. Le famiglie che non possono pagare la Tari si censiscano e si dia un sostegno alla luce del sole e con trasparenza, senza intermediari clientelari politici ; solo così potrai dimostrare di essere una persona perbene ancorchè di destra, come più volte hai affermato sul palco. Quando una persona è seria sia di dx sia di sx si registra dall’azione amministrativa che svolge e da come tratta i cittadini. Lei dovrebbe, da parte sua, migliorare questo aspetto per degnarsi dell’onore che si auto assegna; in democrazia la fiducia e il rispetto si conquista e non si impone.

  2. Sig. sindaco Tarantino, nell’apprendere che avrebbe tenuto un comizio sulla questione TARI ci aveva rincuorati che finalmente avremmo avuto un po’ di contezza e chiarezza sull’argomento. Ma così non è stato purtroppo, perché lei aveva già deciso di voltarne la questione sullo scontro politico o politichese se vuole. Per carità era sua prerogativa tenere il comizio che voleva, ma noi ci aspettavamo qualche notizia che ci chiarisse come è stata costruita la cifra di 3.162.732,00€, totale costo TARI 2017, cifra rilevata dal PFE che lei ci sta proponendo di pagare. Sia ben chiaro, non vogliamo assolutamente attaccarla o denigrarla, anzi in diverse occasioni scritte abbiamo sostenuto che, in questa vicenda, la sua figura di sindaco di Orta Nova andava sostenuta nell’interesse dei cittadini di Orta Nova. Però non doveva permettere al suo collaboratore, che in apertura di comizio, ha additato la piazza come un’accozzaglia di facinorosi e lui si ergeva a difensore della democrazia e della libertà. Peccato che nella foga non ha avuto il tempo di spiegare quale era il suo concetto di libertà e di democrazia. Se ne avesse avuto il tempo, forse avrebbe detto che la libertà e la democrazia è quella del capo. Lei signor sindaco, ci aveva promesso in campagna elettorale che avrebbe amministrato con chiarezza e trasparenza, con la massima collaborazione con la cittadinanza, ma questo non è avvenuto. Anche per questo è nato il Comitato cittadino. Se avesse instaurato un dialogo con i cittadini, se avesse contribuito alla costituzione di una Consulta Cittadina che facesse da contrappeso alla delega in bianco che si riceve nelle elezioni, sicuramente non staremmo qui a parlarne. Comunque questo è e dobbiamo tenercelo. Ritornando alla TARI, la vice sindaco, da lei delegata a chiarire la parte tecnica, purtroppo, per attaccare vecchi amministratori e attuali oppositori, ha dimenticato di chiarirci le idee.
    Le elenco una serie di domande:
    1- come si è arrivati alla cifra complessiva di 3.162.732,00€? A quanto ammonta la cifra dei non paganti e dove è stata caricata?
    2- ha sostenuto che il costo per tonnellata è balzato a 168€, come ha ottenuto questo valore, visto che dividendo il totale dei costi variabili di 2.135.003,00 (cifra prelevata dal suo PFE) per 8429 tonnellate previste di produzione rifiuti fa €253,30. In merito al costo medio per tonnellata, quanto costa agli altri comuni dell’AROFG2? Ci sono differenze notevoli.
    3- ha sostenuto che l’ecotassa da 5€/ton è balzata a 25€/ton, tassa imposta dalla regione , ma perché? Forse perché non è stata attivata una sufficiente raccolta differenziata?
    4- i costi fissi nel suo PFE TARI 2017, ammontano a 1.027.728,00€ con un peso sul totale TARI del 32,5%. A quanto ammonta per gli altri comuni dell’AROFG2? Per esempio al comune di Cerignola i costi fissi gravano per il 62,8%. Perché queste differenze?
    5- facendo una semplice divisione (per carità molto facile) fra il totale del costo PFE e il numero degli abitanti per comune: Orta Nova 177,70€; Stornara 115,62€; Stornarella 142,63€; Ordona 191,92€; Cerignola 173,03€; San Ferdinando 96,99€; Trinitapoli 118,67€; per gli altri comuni non ci sono dati pubblicati; perché queste differenze macroscopiche? Ma la formazione dell’ARO non doveva garantire un servizio omogeneo a tutti i comuni? Perché alcuni comuni dell’AROFG2 non hanno pubblicato il PFE TARIFFE 2017?
    6- a quanto ammonta il maggior costo per il trasporto dei rifiuti a Grottaglie?
    7- il primo rateo della transazione fatta con la SIA dove è stato messo?
    8- lei continua a sostenere che per attivare la raccolta differenziata porta a porta, ci vogliono maggiori costi, almeno inizialmente. Ma i maggiori costi rispetto a quali cifre, a quelle attuali per Orta Nova? Ma ha fatto una breve indagine di mercato per sapere con chiarezza a quanto ammontano questi costi. L’obiettivo del ciclo dei rifiuti della Regione Puglia è quello di portare la raccolta differenziata almeno al 65%. Ecco perché della sanzione sull’ecotassa. Quest’anno a Orta Nova ci costerà 168.580,00€ in più, cifra che andrebbe sottratta agli ipotetici costi in più da lei ventilati.
    Lei signor sindaco ha fatto un ricorso al TAR della Puglia avverso la delibera dell’AROFG2 in cui si estende per altri nove anni il (dis)servizio della SIA ai comuni dell’AROFG2. Sappiamo che la sentenza ha rigettato il suo ricorso. Perché non ce ne ha parlato? Quali sono state le motivazioni che hanno portato al rigetto delle sue osservazioni ?
    Forse le domande sono troppe e lei non ha tanto tempo per risponderci. Ma vede, con l’istituzione della TARI e la composizione degli ARO da parte della regione, il ruolo dei comuni è stato fortemente ridimensionato. Siccome il comune fa l’esattore della TARI, con tariffe costituite in base a norme di legge precise, il sindaco può fare gli interessi della propria cittadinanza solo nel cercare di assicurare il servizio migliore al costo più basso possibile. E comprenderà sicuramente che se uno da i soldi a un altro per avere un servizio, da questi vuole massima chiarezza e trasparenza. Antonio Corbo

  3. Antonio Staffiero comunista ma oggettivo.
    Antonio Corbo ex ferroviere sempre presuntuoso! Visto che sei una mente così eccelsa …. studia il dpr 158/99 e le linee guida di applicazione di tale dpr e del calcolo della TAri !! Legge italiana!
    Troverai molte risposte ai tuoi quesiti !
    Anzi poi spiegali agli ortesi! La TARI non l’ha inventata nessun Sindaco o amministratore che sia …. essi poveri cristi la subiscono !

  4. Certo che la TARI non l’ha inventata nessun sindaco! Ma le cifre messe nel PEF TARI 2017 di Orta Nova le hanno inventate i tuoi beniamini: che diano spiegazioni e chiarimenti. O dobbiamo chiedere l’intervento dell’ANA, visto che il controllo di trasparenza locale non funziona?
    Dalle linee guida dell’ANA sulla trasparenza: ” “chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle
    pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti
    relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti, secondo quanto previsto dall’art. 5-bis””. Antonio Corbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...