Segreteria provinciale PD, Calvio: “Nessun ingresso della minoranza”

Iaia Calvio

Come ho ribadito a Lia Azzarone, che mi ha contattata telefonicamente per chiedermi di indicarle i nomi dei rappresentanti della mozione Calvio nella Direzione e nella Segreteria provinciali, prima di assumere ogni decisione la sottoscritta e coloro i quali hanno sostenuto tale mozione attendono le decisioni della Commissione Nazionale di Garanzia, chiamata a pronunciarsi sulla regolarità del tesseramento 2017 e dello svolgimento del congresso, nonché sulla paventata incompatibilità della segretaria provinciale del Partito. La disponibilità offerta da Lorenzo Frattarolo a far parte della Segreteria risponde a scelte, sue e di pochissimi altri, frutto di fughe evidentemente ispirate da ambizioni personali. Pertanto, a scanso di equivoci e di rovelli interpretativi nei quali qualcuno volesse eventualmente cimentarsi, ribadisco con voce stentorea che la disponibilità offerta da Frattarolo e da altre pochissime altre persone non è una scelta della mozione Calvio. Dunque, è manipolazione semantica della realtà quella che induce taluno a fare proclami più o meno trionfalistici sulla ritrovata unità del Partito, così come trovo singolari i richiami alla responsabilità del tutto disancorati da temi politici concreti, al netto della retorica del finto unanimismo e del buonismo. Tanto per dirne una, mi piacerebbe sapere come la pensano i nuovi organismi dirigenti  provinciali sull’ILVA di Taranto: con chi stanno con il Governo e i sindacati, oppure con il Presidente della Puglia? So già che la mia domanda non troverà risposta, ma non guasta mai evidenziare le contraddizioni e i silenzi tanti e gravissimi di certuni, viste le ricadute pesanti sulla comunità pugliese, quella che vorremmo riconnettere con la politica e, in specie, con il Partito Democratico. Ciò precisato, mi preme riaffermare con forza e convinzione che il superamento delle contrapposizioni congressuali e lo spirito unitario si raggiungono, a mio sommesso parere, rispettando le regole che questa comunità si è data, precondizione perché sia garantita la dignità di tutti coloro che nel Partito democratico, sia pure con visioni differenti, ancora vogliono crederci. Certo non sono di aiuto per la credibilità e l’autorevolezza del Partito le scorciatoie, le accelerazioni, le operazioni di “scouting” o i tentativi di ascrivere alla mozione Calvio decisioni che invece sono riferibili in via esclusiva a iniziative personali di qualcuno, tutto questo rendendo sempre più difficile ritrovarsi in un partito che in tal modo allontana la sua gente e spalanca le porte a un civismo che invece civismo non è. In conclusione, al netto dello story telling in salsa dauna di chi si è spinto – per legittimare certe decisioni – a invocare la contiguità dei criteri utilizzati per comporre la Segreteria provinciale con quelli usati e praticati da Matteo Renzi, indicato come la “stella cometa” che avrebbe sempre orientato il loro cammino (evidentemente si sono dimenticati della sfrenata campagna congressuale per l’elezione a segretario nazionale fatta per Michele Emiliano contro Matteo Renzi, che li ha spinti a chiedere il voto finanche a quelli che con il PD non c’entravano e non c’entrano niente), sta di fatto che la sfrontatezza con cui si sta procedendo a prescindere dalla decisione della Commissione Nazionale di Garanzia e le voci soliste che si levano nell’aria stanno allontanando parecchi militanti e sostenitori, vecchi e nuovi. Il non vederlo e il non preoccuparsene mi sembra scelta quanto meno discutibile.
Comunicato stampa

Annunci
Politica

La Misericordia di Orta Nova presenta il programma delle attività natalizie

La Casa di Babbo Natale allestita all’interno della Misericordia

La Misericordia di Orta Nova, in occasione delle ormai prossime festività di Natale, augura a tutti i soci e agli assistiti i migliori auguri, affinché la nascita di nostro Signore Gesù possa portare buone nuove nelle case di tutti. Come ogni anno, abbiamo organizzato numerose iniziative al fine di declinare i sentimenti caratteristici del Natale in concrete opere di bene per i bisognosi. Durante le festività natalizie, presso la sede di Via Puglie, sarà visitabile la casa di Babbo Natale allestita dai nostri volontari.  Già dalle scorse settimane, al suo interno, si sono avvicendate le classi delle scuole elementari di Orta Nova, i cui alunni hanno lasciato la loro letterina a Babbo Natale. Lo scorso 18 dicembre, nell’ambito delle iniziative per il Natale, abbiamo preparato 100 pacchi straordinari, distribuiti alle famiglie bisognose ortesi, in collaborazione con i Supermercati MD Despar di Orta Nova. Molto attivo è stato il nostro gruppo di Clown Terapia che, nel ricordo del piccolo Michele Quiese, ha allietato il Natale dei piccoli degenti dei reparti di Pediatria e Oncologia Pediatrica di Casa Sollievo della Sofferenza e del Centro Riabilitativo “Gli angeli di Padre Pio” di San Giovanni Rotondo. I pagliacci natalizi della Misericordia porteranno la loro gioia anche presso l’Istituto “San Tarcisio” gestito dalle suore di Orta Nova. Oltre alla colletta alimentare e ai pacchi di Natale, i volontari hanno raccolto i giocattoli dalle famiglie di Orta Nova per distribuirle ai bambini bisognosi. Questi regali saranno dispensati nella serata della Vigilia di Natale, quando la Misericordia proporrà la classica cavalcata della slitta di Babbo Natale che farà fermata presso Piazza Pietro Nenni. “Il Natale – spiega il neoeletto Governatore, Peppino Lopopolo – è l’occasione migliore per stringersi attorno alle persone sole che, nei periodi di festa, soffrono particolarmente la mancanza dei loro cari. E’ doveroso sottolineare lo spirito di abnegazione dei volontari che, anche in un periodo di festa, hanno dato la loro disponibilità per far sì che gli ordinari servizi di assistenza offerti dalla Misericordia non si interrompessero. Anche l’altruismo dei nostri concittadini, fortunatamente, continua a stupirci e a permetterci di dispensare doni natalizi ai nostri assistiti e ai poveri della nostra città”. Le tante iniziative di “casa Misericordia” non finiranno di certo dopo la data del 25 dicembre. Infatti, in un’ottica di dialogo e costruzione di una solidarietà identitaria, è in programma per la giornata del 29 dicembre, un aperitivo sociale con tutte le associazioni di volontariato ortesi che da anni operano al fianco della collettività, per sopperire alle situazioni emergenziali. Seguirà un pranzo di beneficenza con gli indigenti, a cui prenderà parte anche l’Amministrazione Comunale di Orta Nova. “Sarà un’occasione speciale per rivolgerci i più sinceri auguri di Buon Anno” – afferma il Governatore Lopopolo. Per noi si conclude un anno particolare, quello che ci ha visti festeggiare i 25 anni dalla fondazione della nostra confraternita. Questo momento di aggregazione sarà importante per fare un primo bilancio di quest’anno e per programmare gli obiettivi da perseguire per il nuovo anno, nella speranza di poter condividere questo percorso con quante più realtà associative del nostro territorio”. Anche la festività dell’Epifania vedrà coinvolta la Misericordia di Orta Nova. Il 6 gennaio proseguirà la consegna dei giocattoli presso i reparti pediatrici di Cerignola e San Giovanni Rotondo. In questa occasione saranno messi in funzione anche i macchinari per la preparazione dello zucchero filato e i pop corn. “Il Natale è più bello quando tutti – ma proprio tutti – condividono la stessa gioia”. 
Comunicato Stampa Misericordia di Orta Nova

Eventi

Orta Nova, Annese interviene dopo il consiglio comunale: “Peggio di così non poteva terminare il 2017 di Tarantino e della maggioranza”

Il consigliere comunale dei Riformisti Lorenzo Annese

Si, ieri, mentre i normali cittadini pranzavano, il Sindaco e la sua maggioranza sgangherata, alle 13 e 30 iniziavano il Consiglio Comunale. ” Una scelta indecorosa, inqualificabile  e brutta, quella di tenere il c.c. alle 13.30 per evitare sia i cittadini che alcuni consiglieri di essere presenti, come brutta è la vostra amministrazione della cosa pubblica in questi tre anni “, così ha esordito il Consigliere comunale Lorenzo Annese, prendendo la parola. Dopo un consiglio andato a vuoto e un consiglio all’ora di pranzo, per approvare delle variazioni al bilancio 2017, onde consentire delle opere pubbliche. Opere  opinabili, contestate dal Consigliere Lorenzo Annese, perchè potevano essere scelte altre opere più necessarie alla città! E’ evidente, incredibile ma vero, che sono funzionali solo a qualche professionista o professionisti,  e non alla città! Mentre, sull’ argomento del pagamento  della 3^ RATA della TARI 2017, e sul RIMBORSO ai cittadini che hanno pagato due volte la quota variabile sulle pertinenze negli anni 2014,2015 e 2016, scena muta, sia degli assessori competenti, che del Sindaco Dino  Tarantino! Una scena muta  deplorevole, squalificante e non rispettosa dei cittadini Ortesi che mantengono in piedi molti servizi del  comune con il pagamento delle loro Tasse. Una vergogna planetaria, non dare risposte, nè al Consigliere Lorenzo Annese, e nè tanto meno ai cittadini. I consiglieri di opposizioni erano presenti quasi tutti: Iaia Calvio, Maria Rosa Attini, Franco Sauro, Antonio Vece, Pasquale Ruscitto, e Lorenzo Annese. L’anno 2017, non poteva finire peggio di così! Solo interessamento a specifiche opere “pubbliche”, e, un VERGOGNOSO menefreghismo verso i cittadini Ortesi!! VERGOGNA!!!!
Il consigliere  Lorenzo Annese

I Riformisti

Politica