Calcio, Michele Mimmo lascia la Real Siti. Panchina a Massimo Circiello per cercare la salvezza 

Michele Mimmo

Michele Mimmo ha lasciato la panchina della Real Siti, la decisione è stata comunicata dallo stesso tecnico al presidente Mario Fiordelisi due giorni fa, che ha accettato la scelta del tecnico garganico, subentrato ad Antonio Landi un mese e mezzo fa. Torna così in panchina il tecnico della Juniores Massimo Circiello, per cercare di raddrizzare una stagione che sta diventando ormai drammatica, con i verdeazzurri a quota dieci punti al penultimo posto della graduatoria del campionato di Promozione. Domenica intanto si torna in campo per la prima del girone di ritorno, con la Real Siti che a Cerignola ospita l’Ascoli Satriano in uno scontro diretto per allontanarsi al più presto dalle posizioni pericolose della graduatoria. 

Annunci
Sport

Don Antonio Mottola nuovo Vicario Generale della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, succede a Mons. Cirulli

Don Antonio Mottola

Il 2 gennaio 2018, Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, ha nominato Vicario Generale della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano il sac. Antonio Mottola. Don Antonio è nato ad Ascoli Satriano il 17 luglio 1954; si è formato nei Seminari di Benevento e Molfetta ed è stato ordinato presbitero da S. Giovanni Paolo II il 15 giugno 1980 nella Basilica di S. Pietro in Vaticano. Ha conseguito la Licenza in Teologia presso la Pontificia Facoltà dell’Italia Meridionale (Sezione “San Luigi”) in Napoli e il Dottorato in Scienze Sociali presso l’Angelicum di Roma. È stato parroco della parrocchia B.V.M. Assunta in Rocchetta Sant’Antonio dal 1° luglio 1983 all’8 settembre 2006, quando è stato nominato parroco della parrocchia S. Rocco in StornaraGià Direttore dell’Ufficio Migrantes e dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, attualmente è Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero (dal 18 dicembre 2014) e Vicario foraneo della Vicaria di S. Antonio da Padova (che comprende i cinque Reali Siti). A don Antonio vanno il nostro augurio e il sostegno della preghiera perché possa essere uomo di servizio e strumento di comunione.Comunicato stampa 

Religione

Orta Nova, Vece: “L’amministrazione rivuole l’Autovelox, mazzata di fine anno per i cittadini”

Il consigliere comunale Antonio Vece

Anche quest’anno non poteva mancare il botto di fine anno da parte del nostro amato sindaco Gerardo Tarantino e della sua giunta (Laura Spinelli, Antonio Attino, Alessandro Paglialonga, Antonella Di Stasio, Maria Michela Marseglia). Alla pari di grossi politici nazionali che approfittano della distrazione della gente in questo periodo festivo per deliberare atti impopolari, così il nostro amato sindaco ha ben pensato di REINTRODURRE L’AUTOVELOX. Infatti, con delibera n. 216 del 21/12/2017 e protocollo del 28/12/2017 ha autorizzato il responsabile del servizio di Polizia Municipale, nella persona del Maggiore Manzo Vincenzo, a predisporre un piano urbano per il miglioramento della sicurezza stradale e attivare apposita procedura amministrativa finalizzata all’individuazione di un soggetto esterno, per un periodo temporale di 5 anni, per la locazione di n. 2 strumenti elettronici per il controllo della velocità (AUTOVELOX) lungo la SS 16, nel tratto tra il Motel Novelli e il Passo d’Orta. In questo atto si fa riferimento a postazioni autorizzate in passato da ANAS, Polizia Stradale e Prefettura di Foggia. Colgo l’occasione per ricordare a tutti che tale autorizzazione fu oggetto di diffida da parte del Prefetto stesso perché gli strumenti elettronici non erano a norma. Non solo, ad oggi il nostro comune ha un contenzioso aperto con la società SIMTECH, proprietaria dei vecchi autovelox. Per di più il comune sta rimborsando a proprie spese tutti quegli automobilisti che hanno effettuato e vinto il ricorso. Mi chiedo: sindaco e giunta, siete in grado di mettere a conoscenza l’intera collettività di quanti incidenti stradali sono avvenuti su quella tratta di SS 16? Nessuno! Ritengo che il piano sicurezza sia solo uno dei vostri tanti sotterfugi per mascherare il vero motivo per il quale tenente tanto al ripristino dell’autovelox, cioè rimpinguare sia le casse comunali, ormai vuote visto lo sperpero di denaro pubblico degli ultimi tre anni e mezzo, sia le tasche di qualche privato. Al contrario, penso che per salvaguardare davvero l’incolumità dei cittadini, il piano di sicurezza stradale debba riguardare le strade provinciali che interessano il territorio di Orta Nova. Infatti, non posso fare a meno di ricordarti, caro sindaco, che solo qualche mese fa hai scritto al Presidente della Provincia sostenendo che le lacrime per piangere i propri morti erano finite. Mi auguro che il nuovo anno possa portare non solo serenità e pace ma anche un po’ di giudizio in più.

Il consigliere comunale Antonio Vece 

Politica