Orta Nova, uno striscione appeso al comune per protestare contro le strade colabrodo

Lo striscione appeso in comune

Automobilisti e pedoni allo stremo ad Orta Nova, le strade sono un colabrodo e le recenti piogge non hanno fatto altro che peggiorare la situazione, così dopo i video sul web spuntano anche gli striscioni. La notte scorsa infatti uno striscione è stato appeso presso il municipio di Orta NovaAggiustate le strade…questo paese non è un campo da golf” il sarcastico appello posto su un lenzuolo bianco. Negli scorsi giorni il sindaco Tarantino ha sottolineato come a breve partiranno i lavori per un ammontare pari a 280.000€ per il ripristino di strade e marciapiedi in tre vie della città. Resteranno però le buche che rendono pressoché percorribili le arterie principali della città, spesso oggetto di lavori che non terminano con il ripristino adeguato del manto stradale, una situazione che sommata ad interventi massivi, che mancano ormai da oltre dieci anni, ha trascinato la città in questa situazione, che autisti e cittadini sperano possa diventare presto solamente un brutto ricordo.

Attualità

Orta Nova, il comune ordina la chiusura fino al 10 Marzo delle aule vandalizzate alla Pertini

Un’aula oggetto del raid vandalico

La aule del piano superiore del plesso di Via Puglie della Scuola Media Sandro Pertini resteranno chiuse fino al prossimo 10 Marzo. Questa mattina infatti il sindaco Dino Tarantino, dopo aver sentito la direzione scolastica, ha emesso una ordinanza di chiusura delle aule per procedere alla sanificazione delle stesse, intervento che si è reso opportuno a seguito degli atti vandalici scoperti lunedì scorso, con gli estintori svuotati all’interno delle aule.

Istruzione

Carapelle, la “classe capovolta” protagonista alla Scuola Primaria di Via Garibaldi. Insegnamento innovativo per i giovani alunni

Una lezione tenuta con questo nuovo metodo

Il mondo della scuola visto da una prospettiva diversa, dove gli alunni hanno la possibilità di essere i veri protagonisti dell’attività scolastica. Con queste prerogative è nato il progetto “Flipped Classroom”, che tradotto in italiano suonerebbe come la classe capovolta. Protagonisti di questo progetto gli alunni della Scuola Primaria di Via Garibaldi a Carapelle, grazie all’impegno della dirigente scolastica Dott.ssa Antonella Lo Surdo, e delle insegnanti Anna Carla Lucia Tancredi, Maria Rosaria Aghilar e Rita Tarateta, che hanno sperimentato questo modo alternativo di insegnare. Durante le lezioni i banchi non vengono disposti in file ma in forma rettangolare, un modo per condividere il sapere, con le insegnanti che non restano sedute dietro la cattedra ma interagiscono con i propri alunni. Grazie a questo metodo gli alunni apprendono in maniera dinamica, evadendo dal classico modo di intendere la scuola, migliorano il rapporto con l’insegnante e migliorano e rafforzano l’apprendimento autonomo. Anche grazie a questo metodo gli alunni hanno raggiunto importanti risultati in diversi concorsi nazionali, ma l’obiettivo più importante sarà sicuramente quello di vivere la scuola in maniera diversa, diventando così i veri protagonisti del sapere e dell’apprendimento.

Istruzione