Correva il giorno 29 del mese di maggio, nell’anno del Signore 2015, quando dalla pagina Facebook del sindaco Gerardo Tarantino, lo stesso annunciava la installazione di un articolato impianto per la video sorveglianza nelle vie del centro abitato. Sempre su Facebook, lo stesso Tarantino, dopo aver collezionato ben 143 “like” e 32 commenti di elogio per la pregevole iniziativa, allegava una piantina dettagliata con le collocazioni precise delle videocamere (da notare, tra le altre, anche la collocazione delle telecamere presso la Scuola Media Sandro Pertini e il Comando della Polizia Municipale), sottolineando come “l’impegno profuso in un anno da questa amministrazione sta portando i suoi frutti! E non finisce qui …” In effetti c’è da prendere atto che dopo ben tre anni, non solo non è mai finita lì, ma non si è nemmeno incominciato. Il sindaco Tarantino che ormai ha l’abitudine di elargire sermoni nelle svariate occasioni con la cittadinanza, al fine di contestare l’attivismo e la denuncia dei cittadini proprio su Facebook, facendole passare come accanimento e cattiverie nei suoi confronti, dovrebbe invece spiegare al popolo ed alle altre forze politiche, che fine ha fatto la delibera di giunta 107 del 14.05.2015 con cui approvava il progetto proposto dalla SIMTECH per la video sorveglianza, ed ancora dovrebbe spiegare ai cittadini per quale motivo la stessa SIMTECH (AUTORIZZATA ALLA GETIONE dell’autovelox sulla statale 16) ad oggi non ha realizzato nulla di quanto accordato: di fatto sembra che addirittura i rilevatori per la velocità siano stati posti sotto sequestro per cause alla popolazione del tutto sconosciute. Alla luce di quanto acclamato dalle promesse fatte in campagna elettorale, risulta difficile essere solidali ad un’amministrazione che non ha fatto nulla per scongiurare i devastanti atti vandalici che stanno mettendo in seria difficoltà la sicurezza della nostra comunità sociale. Sebbene Forza Italia fosse fermamente convinta della condanna dei ripetuti gesti criminosi perpetrati ai danni delle strutture pubbliche e private della città, rimaniamo convinti che le uniche vere vittime di tutta questa storia siano solo ed esclusivamente i cittadini. Oggi non ci rimane che constatare il baratro in cui Orta Nova vive, causato dalla mala gestione delle Istituzioni stesse. In allegato il progetto approvato con Delibera di Giunta nr. 107 del 14.05.2015.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...