Il crollo in una foto da Facebook

Tragedia sfiorata ad Orta Nova, la notte scorsa parte del cornicione del Municipio è crollato distruggendo un gazebo di un pub alle spalle del Palazzo Di Città. La fortuna ha voluto che in quel momento la struttura ed il piazzale antistante fossero deserti. L’episodio riporta l’attenzione sul Municipio ortese, da molti ritenuto fatiscente e non conforme con Piazza Pietro Nenni ed il Largo Gesuitico, dove la struttura è collocata. L’attuale amministrazione aveva proposto qualche anno fa un progetto di abbattimento della stessa e di ricostruzione, mentre il Partito Democratico, guidato da Iaia Calvio, due anni fa interrogo’ la maggioranza sulla variante di progetto in relazione alla riqualificazione del Largo Gesuitico attraverso i fondi PIST. Nel progetto iniziale, proposto dall’allora Amministrazione Calvio, era prevista la ristrutturazione del Palazzo Di Città, ma l’amministrazione Tarantino ha sostituito il progetto iniziale con il rifacimento dei marciapiedi di Corso Aldo Moro e di Via Trento. Quello che appariva un problema principalmente estetico, diventa ora una esigenza di sicurezza, di fronte ad una struttura che rispecchia in pieno le condizioni di una città, con il dubbio che si dovrà forse far ricorso alla cassa, piuttosto che a fondi che il Piano Integrato di Sviluppo Territoriale avrebbe già potuto finanziare.

Annunci

3 comments

  1. STRAGE MANCATA AD ORTA NOVA
    Nel ringraziare
    pubblicamente un nostro concittadino per la dimostrazione di attaccamento al bene pubblico, prendiamo spunto da una sua provocazione ironica fatta su FB: Il terremoto di Macerata colpisce Orta Nova. Pertanto, invitiamo urgentemente l’amministrazione Tarantino ad una riflessione costruttiva per annullare la volontà dichiarata di roteare il monumento dei caduti, opera inutile per la STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ORTESI, per destinare i relativi fondi al rifacimento e messa in sicurezza del nostro Municipio, e possibilmente della fontana centrale. Grazie!

  2. trattasi di incidente causato per ottenere finanziamenti pubblici (disponibili per gli edifici pubblici pericolanti e fatiscenti). ricordiamoci del folle gioco del domino pensato da questa folle amministrazione: abbattere il fatiscente municipio e trasferire nell’edificio delle scuole elementari tutti gli uffici comunali al fine di costruire una specie di polo scolastico in zona pip (alle spalle della villa comunale). lascio indovinare di chi è lo zampino e chi saranno gli studi tecnici e gabibbi allegati che beneficeranno di quest’altro giro di valzer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...