I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Foggia, nelle prime ore di oggi, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Foggia, nei confronti di 9 soggetti ritenuti responsabili dei reati di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti, del tipo hashish, marijuana e cocaina e di furto aggravato . L’operazione costituisce l’epilogo di complesse e prolungate investigazioni di polizia giudiziaria, tecniche e convenzionali, delegate dalla Procura della Repubblica di Foggia al dipendente Nucleo pef e relative ad un diffuso e consolidato traffico di sostanze stupefacenti tra i comuni di Orta Nova e Cerignola. Le attività investigative hanno avuto inizio a seguito dell’arresto, il 23 settembre scorso, di un agente di polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Foggia, per l’accertata introduzione in carcere, ai fini dello spaccio tra i detenuti, di 500 gr di Hashish e 9 grammi di cocaina. Gli inquirenti sono risaliti al “fornitore” dell’agente di polizia penitenziaria sia al destinatario dello stupefacente: un pregiudicato di origini leccesi recluso all’epoca dei fatti nell’istituto penitenziario dauno per scontare una condanna per omicidio volontario. Dal complesso delle attività tecniche svolte nei confronti degli indagati, il dipendente Nucleo pef ha acquisito concreti elementi di responsabilità in ordine ad una frenetica e diffusa attività di spaccio di sostanze stupefacenti, di ogni tipo, nelle due cittadine del foggiano. In questo contesto, tra il novembre 2017 ed il gennaio 2018, sono stati “ricostruiti” numerosissimi episodi illeciti inerenti la cessione, l’acquisto e la detenzione, ai fini di spaccio, di complessivi 11,6 Kg. di hashish e di 200 gr. di marijuana e sono stati materialmente sottoposti a sequestro, il 23 gennaio scorso 4,768 kg di Hashish e 40 gr di marijuana. Le indagini tecniche e le correlate attività di riscontro hanno poi permesso di disvelare, a carico di tre dei ristretti, il progetto di assalto ad un erogatore bancomat di un istituto di credito della zona, approntato in ogni suo dettaglio operativo. E’ stata difatti accertata la disponibilità di tutto lo strumentario necessario all’assalto, ovvero: la pala metallica, denominata “marmotta”, per l’introduzione dell’esplosivo nella bocchetta di erogazione del denaro, la carica esplosiva ed il cosiddetto “ariete” per lo sfondamento della porta di accesso in vetro della banca, nonché “chiodi a tre punte”, fari abbaglianti ed estintori per rallentare, in caso di necessità, l’inseguimento delle auto delle Forze dell’Ordine. Il GIP presso il Tribunale di Foggia, in accoglimento della proposta avanzata dalla locale Procura della Repubblica – che ha condiviso in pieno le risultanze investigative acquisite dalle Fiamme Gialle – ha disposto la misura cautelare degli arresti in carcere nei confronti di F.C., 21 anni, residente a Cerignola, gravato da precedenti di polizia, tra gli altri, per associazione a delinquere finalizzata alle rapine in danno di furgoni porta valori e di istituti di credito, soggetto contiguo a clan malavitoso cerignolano,L.M.S.,27enne residente a Cerignola, gravato da precedenti di polizia per resistenza, S. P.,29 anni, in atto ristretto presso la Casa Circondariale di Rossano Calabro per molteplici reati, tra i quali omicidio volontario, affiliato a clan criminale attivo a Lecce, L.C.,22 anni, residente ad Orta Nova, gravato da precedenti di polizia per spaccio di sostanze stupefacenti, P.L.,25enne, residente ad Orta Nova, incensurato, L.D.G.,anch’egli 25enne, residente ad Orta Nova, gravato da precedenti di polizia per stupefacenti, e quella degli arresti domiciliari a carico di M.S.,di 29 anni, residente a Cerignola, con precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti, contro il patrimonio e la persona [tentato omicidio], V.B., 37enne, residente ad Orta Nova, gravato da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti e T.C., 21 anni, residente ad Orta Nova, incensurato.

Comunicato stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...