Scena da film tra le campagne di Cerignola: un uomo che fugge in auto, un elicottero e una “gazzella” dei Carabinieri che lo inseguono. Braccato dal cielo e dalla terra, abbandona l’auto e si rifugia in un’abitazione. Infine bloccato e assicurato alla giustizia. E’ accaduto nella serata di ieri tra Cerignola e Stornara, in manette Giuseppe Castriotta, 31 anni, di Orta Nova già noto alle forze dell’ordine. Risponderà dei reati di ricettazione e riciclaggio di autovetture rubate, resistenza a pubblico ufficiale e violazione di domicilio. Tutto ha avuto inizio quando da un velivolo del 6° Nucleo Elicotteri di Bari-Palese, con a bordo anche personale della Compagnia di Cerignola, i Carabinieri hanno avvistato tra la fitta vegetazione alcune autovetture. Avvicinatisi e posizionatisi proprio sopra le auto, i militari hanno allora visto darsi alla fuga un paio di persone, una delle quali a bordo di una Ford Galaxy. I Carabinieri hanno allora immediatamente allertato la Centrale Operativa, facendo convergere in zona un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile del NORM, per l’inseguimento da terra dell’autovettura. Di lì a pochi minuti, guidata dal personale in volo, che intanto stava tallonando il fuggitivo dall’alto, una “gazzella” lo ha agganciato, intimandogli inutilmente l’alt. L’uomo, invece, anziché arrestare la folle corsa, raggiunto il centro di Stornara ha tentato di far perdere le proprie tracce tra i vicoli, abbandonando poi all’improvviso l’auto per trovare rifugio all’interno di un’abitazione. Ma i militari, che sempre dall’alto avevano osservato ogni suo movimento, hanno subito potuto indicare al personale a terra il luogo dove si era nascosto il malfattore che, così raggiunto, dopo una breve colluttazione è stato bloccato e ammanettato. Ad operazione conclusa, tornati sul luogo dell’avvistamento, i sospetti degli uomini dell’Arma hanno trovato conferma. I militari hanno rinvenuto le carcasse di due autovetture, risultate poi provento di furto, una VW Golf intestata ad una società di leasing, e una Opel Corsa asportata a Martina Franca in quella stessa mattinata, oltre a tutta l’attrezzatura per lo smontaggio delle stesse auto e un apparecchio “jammer”, utile per inibire i sistemi di radiolocalizzazione. Castriotta, su disposizione del Pubblico Ministero, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, mentre proseguono ora le attività per individuare il complice.

Comunicato stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...