Il Sindaco del Comune di Milano in merito alla questione della quota variabile della TARI 2014/2016 applicata due volte sulle pertinenze, ai sensi dell’articolo 7, comma 8, della legge 5 giugno 2003, n. 131, con nota del 17 aprile 2018, ha rivolto un parere alla Corte dei Conti della Regione Lombardia, sui seguenti quesiti:
a) se sia possibile procedere al rimborso d’ufficio della quota variabile, calcolata separatamente sulle autorimesse, pur in presenza di regolamenti comunali efficaci e prescrittivi;
b) se sia possibile, anche in caso di rimborso su istanza di parte, attingere a risorse della fiscalità generale per far fronte alla restituzione della quota variabile calcolata separatamente sulle autorimesse».
Ebbene, in data 9 maggio 2018, la Corte dei Conti sezione di controllo per la Regione Lombardia si è espressa in modo favorevole ed in questo modo. “la Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Regione Lombardia:
– dichiara inammissibile il primo quesito formulato nella richiesta di parere di cui in narrazione;
– con riferimento al secondo quesito, afferma che «il rimborso della quota variabile della TARI non dovuta e di competenza di esercizi finanziari precedenti, può trovare copertura in entrate ascrivibili alla fiscalità generale». Ebbene, la risposta è chiara ed inequivocabile. Il contribuente deve inoltrare istanza per il rimborso della quota variabile applicata due volte sulle pertinenze per gli anni che è stata applicata, a partire dal 2014, ( Box, Garage, autorimesse domestiche, ecc) ed il Comune deve attivare la procedura per il rimborso trovando copertura in entrata presente nella fiscalità generale dell’Ente. A questo punto, di fronte a questa significativa e liberatoria Sentenza o Deliberazione, non resta che dire: “Ora, Dino Tarantino, Sindaco del Comune di Orta Nova, devi solo dare ordini al Ragioniere del Comune per far procedere al rimborso delle somme dovute ai cittadini che ne hanno fatto richiesta, i quali aspettano dal mese di dicembre 2017”. Inoltre, il Consigliere Lorenzo Annese, avvisa gli altri cittadini Ortesi nonché quei contribuenti che non hanno fatto richiesta di rimborso, che se vogliono, possono fare domanda essendo che il tempo non è ancora scaduto. Ebbene, come si evince da tutto ciò, il consigliere Lorenzo Annese, è sempre al servizio dei cittadini Ortesi per il rispetto dei loro sacrosanti diritti!

Comunicato stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...