Orta Nova, giovedì al Gesuitico la presentazione di “La terra dei giganti”, il primo libro di Francesco Gasbarro

Giovedì 13 settembre 2018 a partire dalle ore 18.00, presso la sala delle rimembranze del Palazzo Ex Gesuitico di Orta Nova, ci sarà la presentazione del primo libro dell’autore Francesco Gasbarro: “La Terra dei giganti”. L’evento è stato inserito all’interno degli appuntamenti della Settimana della Cultura organizzata dall’Associazione Culturale L’Ortese in collaborazione con l’amministrazione comunale di Orta Nova. Lo scrittore ortese, durante la serata si confronterà con il giornalista Duilio Paiano, moderatore dell’evento, e con Francesco Grillo, relatore che approfondirà i temi emersi dalla trattazione. Presiederanno la serata anche le autorità che porteranno il loro saluto alla platea. Il tema che accompagnerà la serata sarà relativo alla questione delle energie rinnovabili, ma in particolar modo alle pale eoliche. Infatti proprio in questi ultimi anni il tema dei “giganti del vento”, come li definisce lo stesso autore, è diventato molto sensibile all’interno del contesto regionale pugliese ma particolarmente all’interno del territorio foggiano. Non è un caso che l’obiettivo di Gasbarro sia proprio quello di capire che tipo di sensazioni possano trasmettere questi enormi tralicci eolici che possono sembrare inanimati, ma che invece indirettamente riescono a interloquire con chi gli è vicino. Il tutto viene fatto attraverso racconti autobiografici in cui l’autore, in maniera curiosa e dettagliata, riesce ad evidenziare le situazioni surreali e paradossali che si possono venire a determinare. Il libro è stato pubblicato dalla casa editrice “Scatole Parlanti” di Viterbo. La copertina del testo è stata realizzata dall’artista cerignolano, Lorenzo Tomacelli. Al termine della presentazione del libro, intorno alle 19.30, ci sarà la premiazione degli esercenti locali con oltre 50 anni di attività; e alle 21.00 ci sarà la presentazione del “Punto carità” a cura della Misericordia di Orta Nova.

Comunicato stampa

Annunci
Cultura

Lorenzo Annese scrive ai sindaci dei Reali Siti per la sicurezza stradale: “Le strade provinciali sono rischiose ed obsolete”

Sulla provinciale Orta Nova – Stornara,(SP 83) qualche settimana fa, per cause non ancora chiare e definite, si è verificato un incidente che ha causato la morte di due giovanissimi, appena diciottenni ed il ferimento di un altro giovane, in gravissime condizioni, tutti e tre residenti nel comune di Carapelle. Non è il primo caso di incidente mortale. Altri casi si sono verificati sia sulla strada provinciale Orta Nova – Carapelle (SP 81) sia sulla strada provinciale Orta Nova – Ordona (SP 110-ex s.s. 161). Tutti eventi ben noti e documentabili, che hanno causato tragedie familiari e scosso la collettività locale. Sappiamo tutti che tra le cause principali di incidenti vi è la velocità, la distrazione, l’abuso di alcool e di sostanze stupefacenti ma anche la corretta tenuta e manutenzione della strada gioca un ruolo importante al fine di evitare il verificarsi di tali spiacevoli eventi. A tal fine, occorre precisare che il manto stradale delle nostre strade provinciali è ormai obsoleto e privo di manutenzione, con dislivelli preoccupanti verso la parte destra e sinistra della carreggiata, con buche enormi. Inoltre manca la segnaletica orizzontale, importante per la viabilità serale e notturna, nonchè carreggiate molto strette e datate agli anni cinquanta del secolo scorso quando le auto o i mezzi pesanti transitavano con molta meno frequenza.
Ebbene, sia come privato cittadino, sia come consigliere comunale della città di Orta Nova e sia come consigliere dell’ Unione dei Cinque Reali Siti, sento, con la presente, il dovere e l’obbligo, di svegliare le coscienze di tutti i Sindaci del comprensorio, nonché del Presidente della Provincia di Foggia, al fine di intervenire immediatamente, ciascuno in ragione delle proprie competenze, affinché le nostre strade abbandonate da decenni, vengano messe in sicurezza secondo quanto previsto dal codice della strada e del buon senso, per la salvaguardia e l’incolumità di noi tutti.
Credo che, con molta modestia ed umiltà, di rappresentare la volontà ed anche lo sdegno delle comunità dei Cinque Reali Siti per l’indifferenza sia delle istituzioni centrali ma soprattutto di quelle locali, territoriali, verso un problema così importante quale la struttura e pertinenza delle strade al fine di evitare situazioni di pericolo per gli utenti della strada. Le istituzioni al riguardo dovrebbero essere più attente alla sicurezza stradale delle comunità amministrate, in quanto custodi dei beni di natura demaniale, attraverso una più diligente e costante attività di manutenzione delle strade pubbliche. Vi ringrazio per l’attenzione e, in attesa di un pronto riscontro alla presente lettera aperta, colgo l’occasione per porgerVi cordiali saluti.

Il consigliere comunale Lorenzo Annese

Politica