Forza Italia Orta Nova replica a Vece: “Legga meglio le carte e non difenda la maggioranza”

Urge doposcuola all’integerrimo e purissimo consigliere di mino-maggioranza Antonio Vece, il quale in più di un’occasione non ha tardato a replicare, ovviamente senza essersi asetticamente documentato, a questioni che Forza Italia sollevava in merito alla gestione del Sindaco Tarantino. L’ultima marachella dell’immacolato Vece risale ad un comunicato stampa in cui lo stesso si scaglia contro alcuni componenti non amministratori forzisti, parando i colpi al posto dell’amministrazione Tarantino. Giorni fa, dalla sezione forzista Nicola Di Stasio aveva denunciato una cattiva gestione dei proventi dell’eolico destinati alla cultura che pur essendo di competenza del 2019, la Giunta Tarantino sta impiegando per sovvenzionare delle manifestazioni culturali svoltesi nel 2018, con il conseguente squilibrio amministrativo a danno delle attività culturali future. A tal proposito pur non essendo stato chiamato in causa, è intervenuto, replicando, il consigliere di mino-maggioranza Vece, eletto nello scorso maggio 2014 con il Sindaco Tarantino e poi misteriosamente passato in opposizione (a detta sua) poco tempo dopo. Il Vece sostiene infatti che i due componenti forzisti Di Stasio e Iorio, quando erano amministratori dal 2006 al 2011, avrebbero attuato le stesse procedure di anticipazione sui fondi eolici. Lo stesso, facendo riferimento alla convenzione tra il Comune di Orta Nova e la Società Inergia, stipulata in data 30/03/2007, ignora che al punto IV (quarto) si legge che la società dell’eolico ha proceduto a corrispondere al Comune gli importi di cui alle lettere a,b,c al verificarsi di condizioni e tempistiche indicate, oltre a corrispondere anticipatamente al Comune somme utili alla stesura del piano regolatore degli impianti eolici (PRIE) ed altri interventi urgenti che comunque non ipotecavano in alcun modo le amministrazione future nè tanto meno le attività culturali delle associazioni relative agli anni successivi del mandato, poiché l’ultimo bonifico risale al 7.05.2010. E’ da ricordare che il mandato di quella amministrazione si concluse nel maggio del 2011. Al contrario la Giunta Tarantino, evidentemente tanto a cuore al consigliere Vece, ha invece chiesto anticipazioni per festicciole, Dj dalle mani d’oro e processioni con fascia tricolore inclusa, impegnando le somme dell’anno 2019, che allo stato attuale sicuramente non saranno di competenza dell’operato targato Tarantino. Invitiamo quindi lo stratega Vece a non farsi condizionare da fonti di parte ed a valutare gli atti con serenità, vista la sua pluriennale esperienza politico amministrativa maturata al fianco di grossi nomi di politicanti ortesi.

Comunicato stampa

Annunci
Politica

Orta Nova, il consigliere Vece risponde a Forza Italia sull’anticipo Peon: “Di Stasio e Iorio nel 2011 fecero la stessa cosa”

Visti il comunicato di Forza Italia e i relativi commenti in cui viene tirata in ballo la minoranza, mi sembra doveroso puntualizzare alcuni aspetti. Al di là della “scorrettezza politica” nell’anticipo e nell’utilizzo nel 2018 di somme per investimenti in ambito culturale di competenza del 2019, l’opposizione tutta, me compreso, non ha ritenuto divulgare tale notizia in quanto una manovra simile è stata attuata già in passato. Voglio ricordare che l’amministrazione in carica dal 2006 al 2011 si è fatta anticipare dalla società Inergia (attuale Peon) la somma di € 227.125 (convenzione n. 2028 del 30/03/2007): una somma molto, molto, molto superiore a quella contestata oggi. E indovinate chi ricopriva la carica di consigliere di maggioranza? Lello Iorio e Nicola Di Stasio, attuali commissario e vicecommissario di Forza Italia, gli stessi della diffida. Di cosa stiamo parlando?

Comunicato stampa

Politica

Orta Nova, Annese sul caso TARI: “Non accettati i nostri consigli, non c’è peggior sordo di chi non voglia sentire”

Non è bastato il salasso fatto ai cittadini Ortesi nel 2017 facendoli pagare la TA.RI. ( Tassa sui Rifiuti Urbani) raddoppiata del 100 per cento su tutti i livelli ed anche oltre, per un costo complessivo del “Servizio” di 3milioni e 150mila Euro, inesistente, inefficiente, pari a zero, con dei costi di gestione discutibili e misteriosi di cui aspettiamo risposta ad una ennesima nostra interrogazione per un importo di circa 900mila euro in più rispetto al servizio elargito dalla SIA srl e dal Consorzio Igiene Ambientale FG-4. Per l’anno 2018, visto la grave situazione in cui versa la filiera dei rifiuti della SIA srl, si potevano ridurre alcuni costi di gestione, ridurre la parte da accantonare per inesigibilità della Tassa, nonchè pagamenti doppi per aver ritardato l’affitto dei mezzi compattatori per la raccolta dei rifiuti da ditte specializzate ed iscritte all’albo dei gestori ambientali, in modo tale che la quota da far pagare ai cittadini si sarebbe ridotta molto di più rispetto al 2017Invece, NO! Nonostante i richiami del consigliere Lorenzo Annese a fare tutto ciò, nessuno, diciamo nessuno dell’ Amministrazione comunale, Sindaco Tarantino in testa, ha preso in considerazione tali indicazioni e, la beffa, è arrivata nelle case dei cittadini con i bollettini F24 , con le stesse rate dell’anno scorso da pagare e con la prima rata già scaduta il 16 settembre scorso. NON C’E’ PEGGIOR SORDO E CIECO, DI CHI NON VUOL NE’ SENTIRE E NE’ VEDERE!! Ma qui, non stiamo parlando di cose private, stiamo parlando della gestione della cosa pubblica e, di come non far ricadere sulle spalle e nelle tasche dei cittadini i costi per l’inefficienza, sprechi e mala gestione di un servizio pubblico.

Comunicato stampa

Politica