Orta Nova, Di Stasio attacca l’amministrazione: “I bagni chimici dell’area mercatale abbandonati e maleodoranti”

Vi presento i bagni chimici dell’area Mercatale. Sono stati noleggiati dal Comune di Orta Nova pagando ad una ditta di Certaldo (Firenze) la modica cifra di euro 6502,60 per 50 interventi (591,15 euro ogni 4 giovedì circa). Vi sembrerà strano, ma i poveri bagni chimici in foto sono stati letteralmente stazionati quasi sei mesi fa tra via d’Angiò e via Liguria senza essere stati né rimossi dopo ogni giornata Mercatale (nella convenzione si parla di “50 interventi”), utilizzati tranquillamente da cani, gatti e viandanti vari, né igenizzati costantemente (le foto parlano da sole oltre le lamentele pervenutemi da alcuni cittadini che non tollerano il fetore). Ditemi pure che sono un rompiballe, ma io sto degrado lautamente retribuito non lo accetto… anche perché chi paga alla fine sono sempre e solo i cittadini. Ringrazio chi ci amministra col cuore e vi auguro buona giornata!

Comunicato stampa

Annunci

Carapelle, amministrazione e Avis scrivono ai neomaggiorenni per sensibilizzarli alla donazione di sangue

Una bella sinergia tra amministrazione comunale ed Avis di Carapelle per sensibilizzare i ragazzi che abbiano raggiunto la maggiore età. Il sindaco Umberto Di Michele e il presidente dell’associazione di donatori carapellese Massimo Samele da quest’anno invieranno, nel giorno del diciottesimo compleanno, una lettera a tutti i ragazzi. Nella missiva si parla di solidarietà e si cerca di sensibilizzare i neomaggiorenni alla donazione del sangue, un gesto nobile ed al contempo utile. Donando periodicamente il proprio sangue si contribuisce a salvare numerose vite. La Capitanata è una terra che non si tira mai indietro quando si tratta di essere solidali e questo non accade soltanto in occasione di eventi tragici, ma sempre. È importante far conoscere ai più giovani il mondo del volontariato, ecco il perché della lettera, che rappresenta anche una maniera per conoscere i propri interlocutori ed avvicinare sempre più i cittadini alle istituzioni.

Comunicato stampa