Orta Nova, il sindaco Tarantino ufficializza la ricandidatura: “Grato a Forza Italia, a Fratelli d’Italia e Direzione Italia”

Il sindaco Dino Tarantino in un comizio, foto di Luca Caporale

Cari concittadini, é giunto per me il momento di scendere ancora una volta in campo, riproponendo la mia candidatura a Sindaco della nostra Orta Nova per le prossime elezioni amministrative. É stato oggi un grande onore ricevere la stima di Fratelli d’ItaliaForza Italia Direzione Italia, rappresentati dai loro rispettivi segretari provinciali, i quali hanno deciso senza indugio di riconfermare la mia candidatura. Ringrazio loro per la fiducia accordata, con la promessa di continuare a servire fedelmente la mia Città.
Dino Tarantino.

Comunicato stampa

Annunci

Le acconciature di Saverio Ramputi protagoniste a Sanremo

Archiviata tra le polemiche la 69^edizione del Festival di Sanremo, restano le esperienze per molti operatori dello spettacolo, che nella città ligure hanno messo in mostra le proprie competenze. È il caso del giovane acconciatore ortese Saverio Ramputi, che nella settimana del Festival, insieme al Team Al Pacino, ha curato trucco e parrucco di artisti ed ospiti di diverse trasmissioni Rai, quali il Dopofestival, La Vita in Diretta e Sabato Italiano, che dalla città dei fiori, hanno raccontato le storie dei protagonisti del festival della canzone italiana. Una esperienza importante, che Ramputi ha vissuto in prima linea, prendendosi cura di cantanti ed ospiti, che si sono affidati all’arte dell’acconciatore ortese, piccolo protagonista di un evento che nonostante tutto, continua ad attirare l’attenzione dell’Italia intera.

Orta Nova, sabato 23 torna la “Primavera Ortese” tema dell’evento la Pedofilia nella Chiesa

Come di consueto anche quest’anno torna il tradizionale appuntamento de la “Primavera ortese”. Un evento che è giunto alla sua quarta edizione e che, come sempre, tende a proporre tematiche spinose che attanagliano il nostro territorio e non solo. L’obiettivo infatti è quello di risvegliare le coscienze del nostro Paese affinché si arrivi ad una maggiore sensibilizzazione dei nostri problemi onde evitare di tacere e di renderci complici. Mentre l’anno scorso abbiamo ospitato la vicepresidente nazionale di Libera, Daniela Marcone, che attraverso la presentazione del suo libro ci ha permesso di discutere di criminalità organizzata nel nostro territorio; quest’anno abbiamo deciso di cambiare totalmente argomento. Infatti il tema centrale sarà: pedofilia e omertà. In tutti questi anni l’Onu ha denunciato di come i reati commessi all’interno delle sacre mura nei confronti dei minori, siano in continuo aumento; quindi si tratta di una continua violazione dei diritti dei bambini a cui la Chiesa non è ancora riuscita a rimediare. Nonostante i diversi moniti da parte di Papa Francesco affinché i vescovi e tutti i “pastori” ecclesiastici collaborino per esorcizzare questo fenomeno, sembra che quest’ultimo continui a mietere vittime a causa dell’omertà dei tanti. Anzi, tante volte i preti che hanno deciso di denunciare situazioni anomale all’interno delle proprie diocesi sono stati puniti attraverso l’allontanamento. Un caso che ci riguarda da vicino è quello relativo ai fatti di San Giovanni Rotondo. Padre Domenico Costanzo dopo aver denunciato le molestie da parte di suoi confratelli nei confronti di una donna presente in convento, è stato allontanato fino ad essere costretto a spogliarsi della sua tunica e abbandonare l’ordine. Esiste una differenza tra il peccato e il reato? Possiamo ‘laicamente’ far coesistere il peccato e il reato? Di fronte a questi aspetti e questi interrogativi crediamo che un tema così delicato debba essere portato, sotto forma di discussione, anche ad Orta Nova. Ed è per questo che sabato 23 febbraio, a partire dalle ore 18.00, presso il Palazzo ex Gesuitico saranno nostri ospiti i giornalisti: Emanuela Provera e Federico Tulli. Autori dell’ultimo libro che sta facendo molto discutere: “Giustizia divina- così la Chiesa protegge i peccati dei suoi pastori”. Con loro affronteremo diversi casi di preti, e suore, che nonostante si siano macchiati di reati abbastanza gravi, sono stati protetti e nascosti affinché non scontassero alcuna pena. “La ricerca della verità è più preziosa del suo possesso” (Albert Einstein)

Comunicato stampa