Stornara, nasce la Smart Dog. La soddisfazione dell’assessore Grandone: “Si concretizza un altro punto del programma elettorale”

Su proposta dell’assessorato all’ambiente del comune di Stornara, la giunta ha approvato il progetto “SMART DOG – Stornara Pet Friendly”, (D.G. n. 14 del 22/02/2019). Un altro importante punto del programma elettorale si concretizza, quello relativo il contrasto al fenomeno del randagismo ed al tempo stesso la tutela e la cura dell’animale. Il progetto prevede, attraverso un partenariato attivo con le associazioni locali e le scuole, la creazione di nuove aree dog posizionate in diverse aree del paese, l’installazione di nuovi cestini per la raccolta di deiezioni canine, la promozione e l’organizzazione di eventi che educhino i cittadini alla cura dell’animale, dell’ambiente e del territorio attraverso giornate come quella del “micro chip day”. I risultati attesi del progetto porteranno ad una notevole riduzione degli abbandoni, all’identificazione e tracciabilità dei cani di proprietà sterilizzati, alla crescita del processo culturale di accettazione e di conoscenza del corretto rapporto uomo/animale all’interno del contesto cittadino locale, alla riduzione di possibili maltrattamenti ed al coinvolgimento attivo della cittadinanza. Ringrazio lo staff dell’assessorato, il personale comunale che ha seguito la progettazione ed i colleghi amministratori.

Alessandro Grandone, Assessore all’ambiente comune di Stornara

Annunci

Stornara, fermato un nigeriano, era alla guida di un’auto rubata

Giovedi scorso i Carabinieri della Stazione di Stornara hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 35enne di nazionalità nigeriana. Nel corso di un servizio di controllo del territorio, i militari dell’Arma lo avevano controllato in via Vittorio Emanuele, al volante di una Fiat Uno. Dagli immediati accertamenti svolti, l’auto era risultata rubata nel luglio 2017 ad Ascoli Satriano. Il 35enne, incensurato, era stato quindi fermato e, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, associato al carcere di Foggia. L’autovettura era infine stata recuperata per la restituzione al legittimo proprietario.

Comunicato stampa