Torna la Passio Christi con un doppio appuntamento, il 7 Aprile a Cerignola, il 16 ad Orta Nova

La Passio Christi a Cerignola, foto di Rocco Schiavone

È quasi tutto pronto per la XXI edizione della Passio Christi, che il prossimo 7 Aprile, e martedì 16 Aprile sarà portata in scena a Cerignola e ad Orta Nova. Un doppio appuntamento per rivivere la passione e morte di Gesù Cristo, grazie all’impegno della Parrocchia SS Crocifisso, che con la regia di Don Ignazio Pedone, e la partecipazione di oltre trecento tra attori e collaboratori, ricostruirà i momenti della passione e morte di Gesù. La sacra rappresentazione torna così nella città ofantina, dove sette anni fa fu apprezzata dalla città di Cerignola, ad Orta Nova invece rappresenta ormai una vera e propria istituzione, che apre i riti della Settimana Santa, che come ogni anno vi racconteremo attraverso tutti gli eventi che la caratterizzano.

Annunci

Ordona dedica una via a Mario Frasca, intitolazione il prossimo 5 Aprile

Un plauso al Sindaco Serafina Stella e a tutta l’Amministrazione Comunale, grazie al prestigioso impegno di questi ammnistratori, venerdì 5 Aprile alle ore 10:30 si terrà l’evento in memoria del caporal maggiore capo Mario Frasca, cittadino appartenente al territorio dei Cinque Reali Siti, caduto nell’adempimento del proprio dovere in Afghanistan durante un’operazione di servizio nella missione ISAF, vittima delle missioni di pace all’estero a seguito di un ostacolo posto al centro della carreggiata che ha fatto ribaltare il mezzo militare dell’Esercito italiano il 23 settembre 2011, assieme ai commilitoni Riccardo Bucci e Massimo Di Legge.
MARIO FRASCA – VITTIMA DEL DOVERE
http://www.associazionemariofrasca.it/mariofrasca

OFF TOPIC: Dalle prossime amministrative ortesi la speranza che le promesse elettorali siano rispettate

La politica dovrebbe essere costruttrice di idee, non certo demolitrice, come troppo spesso avviene! Schierarsi a destra oppure a sinistra come decisione definitiva mi sembrerebbe troppo utopistico, come se nella vita pensassimo sempre allo stesso modo durante gli anni che passano, come se schierarsi da una parte o l’altra delle fila vorrebbe dire avere idee consistenti per alcune persone ed essere le stesse invece inconsistenti per altre, una buona idea per me rimane tale da qualsiasi direzione provenga. Certo, ho espresso la mia personalissima sennonchè opinabile opinione e per questo ragionamento mi si potrebbe tacciare di essere una banderuola che si agita al vento, credo sia solo avere una visione più ampia di quello che ci circonda. Non sono anarchica, sia ben chiaro, credo fermamente nella costituzione italiana, credo che il singolo individuo non possa autoregolarizzarsi da solo senza che abbia delle regole ben definite, sarebbe il caos; credo nella legge, quando questa venga applicata con coscienza, credo poco invece nelle polemiche sterili fini a se stesse, poco nelle parole spese al vento solo per accaparrarsi voti in più, pochissimo in chi promette e non mantiene ormai quando sicuro della propria poltrona. Il mio è un discorso generale affrontato con criterio, da chi non fa e forse non farà mai politica, senza per questo demonizzarla, da chi in televisione però si sofferma spesso quando scorge dibattiti politici; sono molto interessata alle sorti del nostro paese, sono curiosa, come in tutto, anche nel conoscere le diverse opinioni politiche, nell’ascoltare spesso le contraddizioni che scaturiscono dai vari discorsi affrontati. Le opposizioni politiche dovrebbero proporre invece di abbattere solo i propri avversari politici, come già ho asserito poc’anzi, cooperare tra loro per avviare soluzioni ai vari problemi del nostro paese, quando scrivo ‘paese” intendo riferirmi oltre che alla nostra bella Italia, anche al paesello in cui abito. Vorrei a tal proposito spendere qualche umile parola riguardo le amministrative che avranno luogo il prossimo maggio e che interesseranno l’elezione del sindaco e dell’amministrazione comunale. Ribadisco il mio interesse meramente da cittadina che si accinge ad andare alle urne e a dover scegliere il candidato politico più convincente supportato dalla sua folta schiera di sostenitori. Ritengo innanzitutto che sia importante davvero che chiunque venga eletto dovrà mantenere le promesse fatte in campagna elettorale per non perdere di credibilità, non tocca certo a me né è nella mia volontà attribuire responsabilità passate o presenti che siano, non sarei neanche in possesso degli strumenti per argomentare, sicuramente però nel nostro paese ci sono alcune cosine ancora da prendere in esame: come sistemare l’assetto del manto stradale al momento dissestato, l’ampliamento di aree verdi urbane o perlomeno l’ennesima sistemazione e la risoluzione definitiva del problema rifiuti, magari avviandoci ad un ripristino della differenziata; è vero anche che ad aggravare questi problemi si aggiunge il poco senso civico che spesso noi cittadini abbiamo verso le tante opere molto spesso deturpate. Queste sono le problematiche che secondo me dovrebbero interessare i nostri futuri candidati, dal canto mio posso affermare che ascolterò e trarrò le mie conclusioni, per il momento auguro a lorsignori una buona campagna elettorale e se le promesse non dovessero rimanere tali noi cittadini saremo felici di poterne trarre a breve i frutti.

Vale

Ordona, l’amministrazione ringrazia i Nonni Civici: “Esempio di abnegazione ed appartenenza”

In una società sempre più frenetica e disgregata i nonni risultano il pilastro della famiglia, ma nel contempo anche un riferimento di una comunità chiamata a fare di necessità virtù. E’ quanto accade ad Ordona dove da tempo otto nonni civici prestano servizio volontario in paese per curare il verde e per assicurare la guardiania nei luoghi pubblici. Si tratta di un servizio il cui riferimento normativo è dato dalla legge n.328 del 8 novembre 2000, recante il titolo “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”, e dalle leggi regionali. Sin dalla sua approvazione il Comune di Ordona si è dotato di una convenzione con i nonni civici il cui operato oggi risulta indispensabile in paese, così come sottolinea anche il sindaco Serafina Stella. “Quando siamo stati eletti abbiamo dovuto prendere atto di una situazione difficile dal punto di vista dei conti pubblici” – afferma il primo cittadino. “Per questo motivo abbiamo favorito l’attuazione di misure compensative che avrebbero consentito la messa in opera delle mansioni di pubblica utilità, senza gravare sui bilanci comunali. Da ciò abbiamo accolto la grande disponibilità di otto ‘nonni civici’ che quotidianamente prestano il loro servizio gratuito per rendere più decoroso il nostro paese”.
Attualmente i nonni civici in servizio presso il Comune di Ordona sono: Ciaffa Giuseppe, Giacchetta Domenico, Giorgino Maria, Lo Drago Francesco, Lombardi Antonio, Rubini Mauro, Scagliozzi Leonardo e Terribile Clemente. Sono tante le storie che sono nel bagaglio di esperienze di questi otto ‘nonni civici’. Alcuni di loro hanno iniziato il loro volontariato subito dopo essere andati in pensione, segno di grande abnegazione e amore per il loro paese. Anche fuori dagli orari di servizio, i nonni civici non vengono meno al loro impegno occupandosi delle mansioni più disparate. Grazie al loro instancabile contributo riescono ad assicurare la manutenzione ordinaria e straordinaria del verde pubblico nelle vie principali del paese.
La manutenzione del verde pubblico – affermano dall’amministrazione comunale – ci è costata oltre 7000 euro negli anni passati. Da due anni a questa parte siamo riusciti ad ammortizzare questa spesa grazie all’operato dei nonni civici che dimostrano, anche alle nuove generazioni, quel senso di attaccamento al proprio paese che dovrebbe caratterizzare tutti i cittadini di Ordona”. I nonni civici si occupano anche della viabilità davanti alle scuole, all’entrata e all’uscita degli alunni, garantendo la sicurezza ai pedoni. Sono anche impiegati come supporto logistico al cimitero e nei parchi pubblici della città di Ordona, prestando particolare attenzione all’inquinamento e al rispetto delle norme relative al corretto smaltimento dei rifiuti.
ORDONA MODERNA