Orta Nova, Mimmo Lasorsa in campo per le amministrative: “Un movimento civico che nasce a sinistra”

Annunci

3 pensieri su “Orta Nova, Mimmo Lasorsa in campo per le amministrative: “Un movimento civico che nasce a sinistra”

  1. Nulla da dire sulla persona, che appare da ciò che dice poco arrogante e sufficientemente riflessivo. Ma prendo atto della timida affermazione di appartenere ad un’area di centro-sinistra; questo è il segno di una speranza per un csx competitivo, plurale e capace di rappresentare le sofferenze e le aspettative di un pezzo di popoloo che paga la crisi e addirittura paga le tasse al posto dei ricchi. Ciò che manca è la sinistra! quella coraggiosa, che non si arrende ad una politica che rimette al centro la lotta per il lavoro e la giustizia sociale; quella che non mira ad andare al governo a tutti i costi , per poi dimenticarsi delle politiche sociali, del degrado dei quartieri popolari, dell’umanità dei poveri cristi. Manca il coraggio di dire che il csx che ci hanno fatto vivere in questo ultimo decennio, in modo particolare a livello nazionale, ma anche locale, essere stato un tradimento della storia e dell’anima popolare della sinistra anche moderata. C’è bisogno di una nuova resistenza! di un politica ideale e pratica di maggiore radicalismo per contrastare il consenso della nostra base sociale a nuovi populismi e razzismi provenienti dal Nord, che nascondono la vecchia idea di fare del mezzogiorno una terra di conquista e di dominazione.

  2. I sinistroidi devono andare in Africa! La gente ha capito di che pasta è fatta il csx!!! Devono andare in Africa con Bergoglio e tutti gli accoliti sinistroidi deviati!

  3. Stante la situazione attuale, la fornita “OFFERTA POLITICA” con questo elevato numero di candidati sindaci, non può dimostrare altro che c’è una diffusa voglia di potere partendo dal presupposto del levati tu che mi metto io che sono bravo. Io credo che se si voglia veramente essere rivoluzionari occorrerebbe prima di tutto proporre un idea di futuro avanzato per Orta, non limitandosi a denigrare il recente passato. Bisognerebbe proporre un nuovo modo di gestione della cosa pubblica in collaborazione con i cittadini andando oltre le regole attuali mettendo in campo nuovi strumenti di partecipazione politica. Bisognerebbe che chi andrà a governare (non a comandare) sia responsabile del suo operato, in relazione agli inevitabili millantantamenti della campagna elettorale e, nel bene e nel male, ne paghi le conseguenze. Insomma un tagliò chiaro con i metodi e le logiche della “politica” (affarismo?) del passato .
    Antonio Corbo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.