Stornarella, stop alla plastica nella mensa scolastica: da lunedì solo stoviglie biodegradabili

L’amministrazione comunale con la collaborazione della Ladisa ristorazione, ditta appaltatrice del servizio di refezione nella mensa scolastica, nelle scorse settimane, ha avviato un confronto finalizzato ad eliminare l’impiego della plastica nella mensa scolastica cittadina. Dopo questo weekend gli alunni che usufruiscono del servizio mensa troveranno una importante novità. A mensa troveranno esclusivamente posate, piatti e bicchieri che possono essere smaltiti insieme alla frazione umida dei rifiuti. I kit che saranno distribuiti agli studenti saranno composti da posate e tovaglioli monouso. ”Abbiamo voluto attuare un piccolo grande cambiamento evitando l’uso della plastica, così come stabilito dall’Unione europea, che dal 2021 vieterà l’utilizzo di una serie di oggetti usa e getta non degradabili” commenta soddisfatta la Vicesindaca Brigida Cifaldi. “Immettiamo nell’ambiente una quantità di plastica tale che rischiamo di soffocare il pianeta. Per questo, d’accordo con l’azienda Ladisa abbiamo deciso di intraprendere azioni concrete per ridurre l’impiego della plastica monouso, adottando nuovi materiali, resistenti, sicuri e al contempo rispettosi dell’ambiente” conclude il primo cittadino Massimo Colia.

Comunicato stampa

Annunci

Orta Nova, firmato il disciplinare per l’avvio dei lavori alla Scuola Media Pertini

Ieri il nostro Sindaco ha firmato il disciplinare sull’avvio dei lavori per la struttura della Scuola Media Statale “Sandro Pertini”. Con questo finanziamento regionale, in breve tempo, la struttura sarà interessata da nuovi lavori infrastrutturali: il plesso B sarà demolito per ricostruire nuove aule finalizzate all’accoglienza di laboratori didattici; altri interventi, di adeguamento sismico, saranno avviati sull’area dell’Auditorium che non verrà abolito dall’edificio, come sostenuto dal progetto dell’amministrazione precedente, ma sarà riadattato per le nuove misure di sicurezza. Insomma, un nuovo aspetto più sicuro per i luoghi della formazione e cultura di Orta Nova.
AMMINISTRARE PER DARE, AMMINISTRARE PER FARE!

Comunicato stampa

OFF TOPIC: L’Uomo contro la macchina, opportunita’ e limitazioni tra progresso e diseguaglianze

Ormai, come nei nostri peggiori incubi, le macchine hanno quasi del tutto preso il posto dell’uomo nell’era moderna. L’automazione in molti settori lavorativi ha fatto sì che l’intervento dell’uomo fosse relegato, appunto ad un mero compito di controllo e supervisione; l’uso improprio degli smartphone provoca una sovraesposizione ad onde malsane per la salute, senza calcolare i danni ingenti che causa alle nostre menti. Gli adulti pare riescano ancora a tenere sotto controllo l’uso dei telefonini ma i ragazzi e bambini sono sempre più assuefatti da tali tecnologie da non riuscire davvero più a farne a meno, situazione aggravata dall’eccessivo lassismo dei genitori nel relegare ai telefoni il compito di tenere impegnati i propri figli nel tempo libero. Risulta invece molto utile l’uso sempre maggiore dei macchinari tecnologici in campo medico, superfluo aggiungere che tali applicazioni servano a permettere che aumenti in modo esponenziale la qualità della vita di ognuno di noi. Cè poi la questione economica ed etica da tener presente, nella sempre crescente rincorsa delle varie nazioni verso il progresso tecnologico a tutti i costi, infatti si contrappongono due teorie, una secondo la quale un tale progresso diminuirebbe la povertà favorendo lo sviluppo economico, mentre la teoria opposta evidenzia come ovviamente a venire in possesso di tecnologie avanzate sarebbero solo una fetta più abbiente della popolazione, favorendo così invece maggiori disuguaglianze. Nell’ambito lavorativo, come sopra evidenziato, il progresso tecnologico favorirebbe la disoccupazione e di rimando lo stallo economico e dei consumi. Potrebbe sembrare di accorporare troppe argomentazioni, che prese singolarmente avrebbero il diritto di essere sviscerate per bene, c’è un comun denominatore in tutto ciò ed è appunto il progresso sempre crescente e smisurato che a volte non ci trova ancora del tutto pronti per accettare tali tecnologie, facendone quindi un uso improprio. Sembra di trovarci in uno di quei film di fantascienza degli anni ottanta in cui le innumerevoli innovazione tecnologiche la facevano da padrone. Ora che invece la realtà ha di gran lunga superato l’immaginazione ci si trova davvero come in quelle scene apocalittiche in cui i robot cercavano di conquistare il mondo ma l’uomo con il suo discernimento, quello che lo diversificava dalle macchine, riusciva sempre, seppur per un soffio, ad averla vinta; solo che nei film c’erano attori pronti a recitare la propria parte al meglio, ora a rimetterci molto è l’intera umanità che invece troppo spesso permette alle macchine di comandare sulla propria vita, quella che non si può in alcun modo scambiare o confondere con il freddo calcolo di circuiti e di chip utilizzati. Nell’era in cui le macchine decidono per noi, sapranno le generazioni future porre un limite a tale situazione? Per concludere vi lascio con una citazione di Umberto Eco che trova ad attendere i nostri piccoli all’ingresso dell’aula d’informatica alla scuola primaria, frase che trovo decisamente molto significativa in proposito e che ci invita a riflettere a fondo: “il computer è una macchina stupida che funziona solo nelle mani delle persone intelligenti“.

Vale

La Scuola Secondaria di I Grado S.Pertini di Orta Nova si tinge di Blu

Anche la Scuola Secondaria di I Grado di Orta Nova si tinge di Blu in occasione della Giornata della Consapevolezza dell’Autismo. Su iniziativa della Prof.ssa Stefania Abruscio, della Pro.ssa Maura Cacciapaglia e dell’Assistente alla Comunicazione Dott.ssa Eugenia Pagone, la classe I G dell’Istituto ha tappezzato l’aula di messaggi rivolti al compagno di classe Filippo, ragazzo speciale che, a detta dei compagni, ha insegnato loro tanto in questi primi mesi di scuola trascorsi insieme.
Filippo mi ha insegnato che bisogna essere se stessi “; “Filippo mi ha insegnato che viene prima il dovere e poi il piacere “; “Filippo mi ha insegnato che i problemi si possono superare tranquillamente “. Sono solo alcuni dei messaggi che spontaneamente i ragazzi hanno espresso attraverso i cartoncini incollati al muro. Lo stesso Filippo infine ha distribuito nastrini Blu a docenti e collaboratori scolastici spiegandone il significato.
“È questa una delle tante iniziative del nostro Istituto volte a sensibilizzare gli alunni alle varie problematiche che giornalmente incontrano a scuola che si concluderanno con la giornata contro il bullismo e cyberbullismo prevista per maggio” spiega il Professor Maurizio Traisci Animatore Digitale e referente per il bullismo dell’Istituto, che coglie l’occasione per ringraziare il Dirigente Scolastico e i suoi Collaboratori per rendersi sempre disponibili verso ogni iniziativa intrapresa dai docenti.

Comunicato stampa