Il grido d’allarme di un coltivatore: “Prezzo del carciofo al limite della sopravvivenza”

Scrivo dalla provincia di Foggia, precisamente dal basso tavoliere. Zona in cui predilige la coltivazione di carciofo, vorrei tanto scrivervi per raccontarvi la bella vita degli agricoltori, ma non è così. Tra furti, gelate e grandinate improvvise, le campagne con i loro produttori, stanno vivendo un periodo indescrivibile, al limite della sopravvivenza. Oggi, 6 maggio 2019, la situazione prezzi carciofo varietà violetto da industria è decisamente penosa è vergognosa. Relativamente alla qualità i prezzi sono così definiti:
0,035 cent di euro per capolino con uno scarto pari o superiore al 5%.
Per quanto riguarda le varietà ibride si parla di un vero e proprio abbandono dei campi, con i prezzi così bassi non si riesce a coprire neanche la raccolta. Senza alcun controllo,da parte delle associazioni di categoria. Passate il mio sfogo ed il mio grido d’allarme,qualcuno in questo comparto ingrassa la propria pancia, ma non certo chi produce, non certo chi oltre al prezzo penoso ha visto portarsi via altri raccolti da gelate invernali ed improvvise grandinate. Si aggiunge a questo forte declino,il vasto problema dei furti di macchine agricole, furto di gasolio per utilizzo agricolo e tutto ciò che si rende utile ed indispensabile per ogni azienda. La realtà di Orta Nova, è ben diversa da quella che si potrebbe pensare vedendo dal proprio finestrino interi campi di carciofi, distese di ortaggi e verdi campi di grano. Passatemi il triste paragone, nel terzo mondo da anni si continua a prelevare petrolio, ricchezza assoluta penserete, ma negli stessi posti da anni si soffre la fame e la sete. Le ricchezze del suolo o sottosuolo non sempre sono fonti di sussistenza. Continuerò ad annunciare in tutti i modi questo forte dissapore, appartengo ad una famiglia di agricoltori da generazioni, e non resterò a guardare come questo comparto sia frantumato senza nessun disaccordo da parte di chi ha tutte le carte in regola per denunciare ciò che accade. Vi ringrazio e spero presto potrò rispondere alle vostre domande con dati concreti della netta ripresa.
Giuseppe Bracone

Torna il premio Ladogana, riconoscimento per il Maestro Peppe Vessicchio e per le eccellenze musicali ortesi

Dopo il successo della prima edizione, anche quest’anno Agricola Ladogana presenta il Premio dedicato alla memoria dell’imprenditore Saverio Ladogana, prematuramente scomparso nel giugno 2017. Il Premio si terrà nella serata del prossimo 13 giugno presso la Sala Conferenze ubicata presso la nuova sede della Cantina; sita in località Passo d’Orta, sulla S.S. 16 al Km 699+500. Presidente di Giuria per il secondo anno consecutivo, il Capo Redattore della Gazzetta del Mezzogiorno di Capitanata, dott. Filippo Santigliano. A ricevere la fascia di Ambasciatore del Gusto e della Solidarietà dei Cinque Reali Siti, sarà il noto Direttore d’Orchestra Rai, Beppe Vessicchio, ospite d’eccezione della manifestazione. Il simpaticissimo personaggio televisivo presenterà nell’occasione, il suo libro: “La musica fa crescere i pomodori”; saggio pop autobiografico, nato dalle conversazioni con il Giornalista Angelo Carotenuto. Nel corso dell’evento, condotto dal Giornalista Massimo Beccia, verranno premiati i musicisti: Francesco Ariemme, Lorenzo Ciuffreda, Gianni Iorio e l’Associazione Culturale “Music Art”. Sarà dunque la musica il filo conduttore di questa seconda edizione del Premio, senza tuttavia dimenticare la grande solidarietà; nel ricordo di Luigi Battaglini, fondatore dell’Unione Amici di Lourdes. Da segnalare inoltre il percorso fotografico, (preludio al concorso di fotografia che si concluderà con la premiazione nella 3° Edizione del Premio Ladogana), realizzato dal Foto Cine Club di Foggia; storica associazione che dal 1969 contribuisce alla divulgazione della fotografia nel territorio non solo di Capitanata, ma dell’intera Regione Puglia. Entusiasta il Presidente di Agricola Ladogana, Vittorio Feola: “Un Premio che indubbiamente sta crescendo e ben si candida, a rappresentare il comprensorio dei Cinque Reali Siti a livello nazionale. Saverio Ladogana è stato in vita uomo e mecenate, sempre attento ai bisogni della sua gente e del suo territorio. Ci piace per l’occasione ricordare questo impegno, in particolare con la concessione di una borsa di studio allo studente foggiano Donato Notarangelo; per la frequenza al Corso Onav di I° Livello, finalizzato al conseguimento della “Patente di Assaggiatore di Vino”. Si ringraziano in particolare i Volontari della Misericordia di Ortanova, per la preziosa collaborazione offerta per la buona riuscita dell’evento.

Comunicato stampa

Orta Nova, Nicola Di Stasio attacca la maggioranza Tarantino: “Propaganda elettorale senza rispetto della legge”

Il vademecum del Ministero dell’Interno, relativamente allo scadenziario elettorale per il 26 maggio 2019 recita: ” Da giovedì 11 aprile e fino alla chiusura delle operazioni di votazione è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione, ad eccezione di quelle effettuate in forma IMPERSONALE ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni“. A partire dal 16 aprile, invece, la nostra città è stata letteralmente invasa da tabelloni propagandistici di opere pubbliche neanche cantierizzate col binocolo, NON CONTENENTI importi dei lavori, ditte appaltatrici e tecnici responsabili come per legge previsto…per non parlare della precarietà dei cartelloni, appoggiati ai pali della pubblica illuminazione o alle recinzioni private. Se non abbiamo a cuore il rispetto delle regole minime della sicurezza dei cittadini e delle disposizioni di legge per le elezioni, come possiamo riproporci alla comunità per guidare una città ormai caduta negli abissi?

Comunicato stampa