Beppe Junior l’ospite della Festa Patronale di Orta Nova

Sarà Beppe Junior l’ospite musicale dell’edizione 2019 della Festa Patronale di Orta Nova. Il cantante brindisino, ideatore del tormentone “La Zitella”, chiuderà la festa in onore di Sant’Antonio da Padova con un concerto in Piazza Nenni il prossimo 14 Giugno. Quattro giorni di eventi che si apriranno l’undici con la Festa della Spiga, evento dedicato al grano, che in Piazza Aldo Moro con musica e stand, vedrà protagonista l’oro giallo della città capofila dei Reali Siti. Il giorno successivo in Piazza Pietro Nenni si terrà la prima edizione del Festival di Sant’Antonio, evento musicale dedicato a giovanissimi artisti, il tredici il programma sarà caratterizzato dagli eventi religiosi, con la consegna delle chiavi presso l’obelisco, la benedizione degli uomini e dei mezzi, e la solenne processione, che con le sante messe caratterizzeranno la giornata dedicata al santo portoghese. Il concerto di Beppe Junior, il giorno successivo, chiuderà poi il programma degli eventi. Data la coincidenza con la festività di Sant’Antonio il mercato settimanale di giovedì 13 Giugno, sarà anticipato a domani 2 Giugno, come da ordinanza dirigenziale dello scorso 20 Maggio. Sarà la prima festa patronale organizzata da Don Donato Allegretti, parroco della Chiesa Madre e nuovo presidente del comitato feste, che ha voluto fortemente accompagnare alla figura del santo il prezioso oro giallo del tavoliere. Quel grano che, come riporta la tradizione, fù avvolto dalle fiamme, un incendio domato dal miracolo di Sant’Antonio, con la statua venerata ancora oggi, che lanciata tra le fiamme spense l’incendio. Un appuntamento che ha dovuto fare i conti con le ristrettezze economiche, a tutt’oggi infatti la festa non potrà contare sul contributo del Comune di Orta Nova, che negli scorsi anni con un cospicuo interesse, aveva di certo contribuito alla sua realizzazione.

Annunci

Cinque arresti tra Stornara, Cerignola e Margherita di Savoia

Negli ultimi giorni i Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno dato esecuzione, a Cerignola, Stornara e Margherita di Savoia, a cinque diversi provvedimenti restrittivi emessi dall’autorità giudiziaria nei confronti di altrettante persone. A Cerignola i militari della locale Stazione hanno arrestato tre persone. Luigi Caputo, classe ’93, è stato arrestato in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Foggia in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari cui il giovane si trovava sottoposto per il reato detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il provvedimento è scaturito dalla violazione delle prescrizioni a cui il 26enne era sottoposto, accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria dagli stessi Carabinieri di Cerignola. Un altro provvedimento è stato eseguito nei confronti di Giuseppe Saracino, cl.’81. L’uomo è stato raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello de L’Aquila, dovendo espiare la pena residua di 5 anni e 22 giorni di reclusione per cumulo pene concorrenti per una rapina commessa nel 2014. Ancora a Cerignola i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato Stephen Addai Kyeremeh, ghanese cl.’85, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Lamezia Terme (CZ), dovendo espiare la pena residua di un anno, 7 mesi e 25 giorni di reclusione per il reato di lesioni personali aggravate, commesso a Falerna (CZ) nel 2014. A Margherita di Savoia, invece, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato Giuseppe Valentino, cl.’91, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica di Foggia in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari alla quale cui il 28enne si trovava sottoposto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il provvedimento è scaturito dalla violazione delle prescrizioni a cui Valentino era sottoposto, accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri dello stesso Comando Stazione. A Stornara, infine, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato Luigi Spagnuolo, cl.’69, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Foggia, dovendo espiare la pena di sei mesi di reclusione per un furto, commesso nel 2015 a Stornara. Tutti gli arrestati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati associati alla casa circondariale di Foggia.

Comunicato stampa

Carapelle, tentato agguato nei confronti di Massimo Curci

Brutta avventura ieri pomeriggio per il commercialista carapellese Massimo Curci, che uscendo dal suo studio sarebbe stato avvicinato da un auto con a bordo alcuni uomini incappucciati, Curci avrebbe notato anche una pistola, a quel punto si sarebbe messo in fuga, durante la quale lo stesso Curci sarebbe caduto provocandosi una lussazione alla spalla. Curci, piu di un anno fa, fu vittima di un altro episodio criminale, con diversi colpi di pistola esplosi verso la propria abitazione. Lo stesso Curci è stato condannato a otto anni di reclusione ed alla confisca di otto milioni di euro nell’ambito dell’operazione Security, gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire la dinamica di quanto accaduto nella giornata di ieri.

Lentamente Muore….il Mercato del Giovedì

Come recita una poesia dell’artista Brasiliana Martha Medeiras, Lentamente Muore…il mercato del Giovedì ad Orta Nova. Sono quasi terminati i clamori della campagna elettorale, nonostante pietre e nastri, alcuni problemi restano come scogli pronti a far arenare l’amministrazione che naviga a vista, ignare della tempesta che aspetta. Nonostante qualcuno ne abbia fatto vanto e vessillo della nuova area mercatale, rimane un fuoco fatuo. Il risultato di un’amministrazione pressapochista e arruffona ha danneggiato quello che era il nostro fiore all’occhiello, il Mercato del Giovedì di Orta Nova. Lo spostamento fatto senza aver cura dei commercianti che lo vivono e la disorganizzazione dello stesso lo stanno portando alla disfatta. Prova ne è la sempre più poca affluenza e i commercianti che decidono di non parteciparne più disertandolo. Alla prossima amministrazione tocca il compito di rialzare le sorti con azioni che possano migliorare la fruibilità e l’appetibilita dello stesso. È il nostro centro commerciale che apre le sue meraviglie solo una volta a settimana. Bisogna intervenire con azioni concrete come i collegamenti, i parcheggi e degli eventi che possano attrarre l’interesse dei consumatori limitrofi. Il tutto deve essere il frutto della sinergia con gli stessi commercianti che possono dettare delle linee per il rifiorimento del Mercato del Giovedì.

Francesco Volpicelli