Carapelle, il sindaco Di Michele si congratula con la Pro Loco: “La Notte Bianca ci ha fatto sentire fieri”

Ho trascorso un sabato in cui ancor di più mi sono sentito cittadino carapellese e sono stato fiero di esserlo. Dopo ben dieci anni, in paese abbiamo rivisto la notte bianca, ma soprattutto ho notato un clima di grande unità d’intenti da parte dei concittadini. Dalla presentazione del romanzo nel primo pomeriggio alla discoteca all’aperto a notte inoltrata, ho seguito ogni evento da spettatore e non da sindaco, insieme a mia moglie ed ai miei figli. È trascorso un anno con la nuova amministrazione comunale e stiamo vedendo tante novità. Una di queste belle novità è stata la rinascita della Pro Loco, che aveva già iniziato a carburare con gli eventi natalizi, poi con l’organizzazione del Carnevale e adesso con il ritorno della Notte Bianca. Ho visto quelle maglie blu aggirarsi per la piazza e per le viuzze limitrofe come se fossero professionisti, con grande spirito di abnegazione e soprattutto col sorriso sui volti stanchi dal lavoro e dal caldo. A loro giungano i miei ringraziamenti da sindaco, per aver dato lustro al paese, ma anche da padre, perché vedere i propri figli divertirsi senza cercare lo svago all’esterno del paese è un sollievo. Grazie a chi ha partecipato, a chi ha contribuito a far muovere i flussi economici, a chi ha sponsorizzato l’evento, ma grazie anche ai visitatori, che hanno finalmente visto Carapelle come un’opportunità, in questo caso di svago, e non come un piccolo paese del basso Tavoliere che vive d’agricoltura. Ho visto tante presenze da Foggia, dai Monti Dauni, dalla provincia di Bat e dal territorio dei Cinque Reali Siti: molti stand provenienti proprio dagli altri comuni dell’Unione hanno sottolineato quanto sia importante fare brand, fare gruppo per poter dire la propria in un territorio che, se ben organizzato ed amministrato, può regalare opportunità ed emozioni.

Grazie a tutti,

Umberto Di Michele

Sindaco di Carapelle
Umberto Di Michele

Annunci

Orta Nova, stasera l’ottava edizione del Saggio Musicale della Music Art

Questa sera nella villetta Sant’Antonio ad Orta Nova, andrà in scena l’ottava edizione del Saggio Musicale dell’Associazione Culturale Musicale Music Art. L’evento rappresenta ormai una tradizione per la scuola di musica diretta dai Maestri Enzo Pastore ed Alessandra Torchiarella, un appuntamento in cui i giovani artisti si confronteranno con il palco, esibendosi con i maestri della scuola. Appuntamento nella villetta alle ore 20:00.

Undici arresti tra Cerignola, Ascoli Satriano, Stornara e Candela

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno arrestato 11 persone. Diverse di queste sono state arrestate in esecuzione di vari provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, che ha raccolto le segnalazioni fatte dai militari dell’Arma a seguito della massiccia attività di controllo svolta recentemente nel basso tavoliere con lo scopo di verificare il puntuale rispetto delle prescrizioni imposte ai soggetti sottoposti a varie misure di limitazione della libertà personale. A Cerignola i Carabinieri hanno arrestato LAVIOLA Cosimo, cl.’80. Nei suoi confronti il Tribunale di Foggia ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere, in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari cui si trovava sottoposto per il reato di riciclaggio, commesso a Cerignola il 25 marzo scorso. Il provvedimento è, appunto, scaturito a causa delle violazioni alle prescrizioni, accertate e segnalate a seguito dei controlli svolti dai militari della locale Stazione. L’arrestato è stato associato al carcere di Foggia. Sempre a Cerignola è stato arrestato DALESSANDRO Michele, cl.’70. in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Foggia, in sostituzione della misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, cui si trovava sottoposto. Anche in questo caso il provvedimento è scaturito dalle violazioni delle prescrizioni che gli erano state imposte, accertate e segnalate dai Carabinieri della stessa Stazione. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato alla casa circondariale di Foggia. È stato invece arrestato in flagranza del reato di evasione BASILE Antonio, cl. ’73, di Cerignola. L’uomo è stato sorpreso dai Carabinieri all’esterno della propria abitazione, dove si trovava sottoposto alla detenzione domiciliare per reati in materia di stupefacenti. Dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura di Foggia, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari. L’arresto è scattato anche nei confronti di GALLO Francesco, cl.’70, destinatario di un ordine di esecuzione per l’espiazione di una pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, dovendo espiare un anno di reclusione per violazione delle prescrizioni impostegli con la Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza. L’arrestato è stato sottoposto alla detenzione domiciliare. Un altro arresto è stato eseguito nei confronti di TARRICONE Mario, cl.’55. L’uomo è stato raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Ancona, dovendo espiare la pena di un anno, sette mesi e 23 giorni di reclusione per unificazione di pene concorrenti. L’arrestato è stato associato alla casa circondariale di Foggia, così come è stato disposto anche per CANTALUPO Giovanni, cl.’78, arrestato dai Carabinieri di Cerignola in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, dovendo espiare la pena residua di un anni, due mesi e quattro giorni di reclusione per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, commesso il 30 agosto del 2016 nella città ofantina. Agli arresti domiciliari è stato invece sottoposto MASTROPIETRO Maurizio, cl. ’75, arrestato anch’egli dai militari della Stazione Carabinieri di Cerignola in esecuzione di un ordine per espiazione pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno, dovendo espiare una pena di undici mesi di reclusione per violazione degli obblighi di assistenza familiare, commesso nel 2015. Ad Ascoli Satriano, invece, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato CICCHETTI Mauro, cl. ’69. L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di detenzione in carcere emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Foggia, in sostituzione della misura alternativa della detenzione domiciliare cui si trovava sottoposto per espiazione di pene concorrenti per tentato furto e possesso di documento di identificazione falso. Il provvedimento è scaturito dalle violazioni delle prescrizioni, accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri di Ascoli Satriano. Dopo le formalità di rito, il 50enne è stato associato alla casa circondariale di Foggia. A San Ferdinando di Puglia i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato LAMONACA Gaetano, cl.’85. Nei suoi confronti è stato eseguito un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, dovendo espiare la pena residua di cinque anni, sei mesi e 13 giorni di reclusione, per furto e tentati furti in concorso. Dopo le formalità di rito, per il 34enne si sono aperte le porte del carcere di Foggia. A Stornara i Carabinieri hanno arrestato PERCHINUNNO Francesco, cl.’82, in esecuzione di un ordine di esecuzione per espiazione pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, dovendo espiare la pena residua di sette mesi e 28 giorni di reclusione per unificazione di pene concorrenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti. A Candela, infine, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato MUSTI Carmine, cl.’70. Nei suoi confronti è stato eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Foggia, in sostituzione della misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, cui si trovava sottoposto. Il provvedimento è scaturito dalle violazioni delle prescrizioni, accertate e segnalate a seguito dei controlli svolti dai Carabinieri della citata Stazione. L’uomo è stato associato alla casa circondariale di Foggia.

Comunicato stampa