Orta Nova, l’amministrazione Lasorsa pronta a voltare pagina rispetto al passato nella lotta al vandalismo

Ancora un grave atto vandalico, ha investito la cittadina dei Cinque Reali Siti. Distrutte da ignoti, le fioriere collocate a lato del Municipio in via Vico Piscina, nella notte tra il 6 e il 7 agosto scorso. Ma l’episodio che allunga l’ininterrotta scia di scorribande notturne, quasi sempre impunite, che imperversano nel territorio da anni; non sembra questa volta destinato a passare sottotraccia. Lo ha messo nero su bianco il Sindaco Domenico Lasorsa, affidando il suo sfogo amaro ad un comunicato; già diffuso dal nostro blog: “…I Carabinieri, provvederanno ad acquisire le immagini delle telecamere presenti nella zona, per arrivare a chi ha fatto tutto ciò. Questa comunità, sta subendo troppi atti vandalici da gente senza scrupoli e, senza rispetto del proprio territorio. Questo, non è più seriamente tollerabile!” La devastazione segue di pochi giorni quella ai danni della Scuola Materna di via Pirandello; messa in atto sempre da ignoti, invece, nella notte tra il 2 e il 3 agosto. Su entrambi gli episodi, stanno indagando le forze dell’ordine, anche per verificare se vi possa essere una correlazione ed eventuale compartecipazione, dei soggetti coinvolti nei raid. Quel che appare tuttavia manifesto, è l’intento di Lasorsa di voler voltare decisamente pagina, rispetto al passato: “Il vandalismo è una piaga sociale che, purtroppo, in tutti questi anni è stata sottovalutata. Per questo motivo, a partire dai prossimi mesi, ci impegneremo nel dotare di allarme, in particolare, tutti quegli Istituti che ne hanno bisogno!” Punta dunque a far crescere il senso di sicurezza sociale, l’Amministrazione Lasorsa; che formata da tanti giovani, si rivolge soprattutto ai più giovani, per perseguire insieme attraverso il rispetto delle regole non solo un’inversione di rotta, ma anche un reale cambiamento possibile. Di cambiamento, attuato attraverso politiche di inclusione, è strenua sostenitrice la giovanissima Dora Pelullo, Assessore alle Politiche Sociali; che mette tuttavia in chiaro, quanto sia importante che ciascuno faccia la sua parte: “I fatti di questi giorni, purtroppo non nuovi alla cittadina ortese, ci costringono ad una riflessione amara: la mancanza di stimoli e attività di intrattenimento sane e coinvolgenti per i nostri giovani, spesso sono una delle cause di scorribande notturne e devastazioni di proprietà pubbliche e private. Atteggiamenti delinquenziali e atti vandalici sono condannabili sempre, ma non basta. Spesso queste azioni sono l’urlo disperato di una categoria troppo spesso ignorata o lasciata allo sbando, in primis dai genitori e in secondo luogo dalle istituzioni, a vari livelli. Pur intenzionata a punire i responsabili, la nostra Amministrazione non intende fermarsi a quello. Crediamo nel potenziale dei giovani e crediamo sia necessario fornire loro il giusto spazio, forse mai avuto. Ci muoveremo accanto alle scuole e collaboreremo con le varie associazioni, affinché la nostra azione sia sinergica e condivisa. Le istituzioni, le scuole, le parrocchie ed i singoli genitori non possono ignorare quella che è un’emergenza. I nostri ragazzi chiedono attenzione, hanno bisogno di “No!” fermi e credibili, ma anche di essere ascoltati. Loro sono i cittadini di domani, ma non dimentichiamo neanche per un attimo che nelle nostre mani è la responsabilità di essere onesti e credibili cittadini di oggi. Che lo si voglia o no, siamo il loro esempio. Ora sta a noi decidere, di che tipo!” E ferma condanna, per l’accaduto, è stata espressa anche dal giovane Consigliere Comunale della Lista Lasorsa Sindaco, Francesco Grillo; che pone in particolare l’accento sull’importanza dell’azione politica, nel fenomeno di contrasto all’azione dei vandali: ”Mi addolora, che questi attacchi provengano in particolare da ragazzini e ragazzine, che li mettono in atto semplicemente per noia. Questo è un punto, che deve farci seriamente riflettere! E’ soprattutto su di loro, infatti, che deve concentrarsi l’attenzione sociale; su quei giovanissimi che, di sicuro, non avendo luoghi di svago appropriati, decidono di “divertirsi” in questo modo. Lo abbiamo detto fin dalla campagna elettorale: bisogna far prevalere un senso di legalità, e di appartenenza al proprio territorio, attraverso un’educazione, o rieducazione sociale, che faccia comprendere a questi ragazzi, che una volta danneggiato un monumento, o una struttura, hanno fatto un danno soprattutto a loro stessi; contribuendo ad alimentare un processo di degrado, dell’intera nostra comunità. L’azione vandalica messa in atto nel territorio e, cresciuta esponenzialmente negli anni, è dunque un problema, che va preso di petto; che non può essere relegato solo all’impegno esclusivo delle forze dell’ordine. Occorre infatti che anche la politica, dia il proprio contributo fondamentale, nell’azione di contrasto al fenomeno!”

Massimo Beccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.