I sindaci dei Reali Siti incontrano gli onorevoli del M5S per pianificare il CIS2

Nel pomeriggio della giornata di ieri, il sindaco di Ordona e la sua compagine amministrativa hanno ospitato presso la biblioteca comunale i parlamentari M5S (sen. Marco Pellegrini, on. Marialuisa Faro, on. Giorgio Lovecchio e la cons.reg. Rosa Barone e i sindaci dei cinque reali siti, Rocco Calamita (Stornara), Massimo Colia (Stornarella), Umberto di Michele (Carapelle) e Domenico Lasorsa ( Orta Niva)e l’assessore di Cerignola, Pasquale Morra, per parlare per la prima volta dei finanziamenti del C.I.S. per progetti di sviluppo che riguardano l’intero territorio di tutti i comuni presenti. Durante l’incontro, che si è svolto in un clima di grande cordialità, sono state sottolineate le peculiarità territoriali, culturali e gastronomiche di ogni comune, ricco di tradizioni, di beni storici e paesaggistici e le idee progettuali che si vorrebbero realizzare in sinergia per lo svilupppo economico e sociale dell’intera aerea. È stata evidenziata l’importanza di finanziamenti -per la centralità strategica -del parco archeologico di Herdonia (già destinatario di un primo finanziamento del CIS per 1 milione di euro). Si è parlato, inoltre, della ristrutturazione del Palazzo Gesuitico (in Orta Nova) e lo sviluppo di una rete commerciale per la valorizzazione dei nostri prodotti agricoli. Il tavolo di lavoro tecnico/politico è stato incentrato su nuovi progetti, da presentare nell’ambito del CIS2, a valle di un’attenta ricognizione di quelli che sono i valori materiali e immateriali di questa parte di capitanata sui quali strutturare un’ipotesi di sviluppo con ricadute in termini occupazionali. Si e’ colta l’occasione per ringraziare del finanziamento già ottenuto (indice del grande riconoscimento
delle risorse e della ricchezza storica del nostro piccolo comune che, finalmente, avrà davvero risonanza nazionale), e per sottolineare l’importanza del parco archeologico quale fondamentale volano per lo Sviluppo di tutto l’intero territorio.
Ormai il solco e’ tracciato!

Comunicato stampa

Annunci

Orta Nova, domani il Premio Carolina Pugliese, premiati Francesco Menduni e la Domus Hortae

Domani sera si concluderà la settimana della cultura con il premio “Carolina Pugliese“. Un premio che va riconosciuto ad un personaggio che nel corso degli anni si è distinto a livello internazionale e ha dato lustro al nostro territorio. Per questo premieremo, per Orta Nova, Francesco Menduni, originario di Orta Nova, che si è trasferito a Birmingham dove ha intrapreso un dottorato in Ingegneria Biomedica presso l’Aston University, un Ateneo che nel 2016 ha ricevuto il riconoscimento del secondo posto come miglior qualità di insegnamento in tutto il Regno Unito. Francesco è anche tra i fondatori di “South Guys”, una start up innovativa che si occupa di fornire un ponte diretto tra i produttori di eccellenze gastronomiche del Sud Italia e potenziali acquirenti che risiedono nel Regno Unito. E nel corso della stessa serata daremo una targhetta di riconoscimento alla cantina Domus Hortae di Orta Nova. Cantina premiata con la medaglia d’oro al XVIII Concorso Enologico Internazionale Città del Vino(International Wine City Challenge) con un vino del nostro territorio: il nero di Troia 1788. A loro non possiamo che dirgli grazie per tutto quello che stanno facendo per la nostra terra. Ci vediamo domani sera, a partire dalle ore 20.00, presso Piazza ex Gesuitico.

Comunicato stampa

Orta Nova, investito ragazzino a bordo di una bici

Un ragazzo di circa dodici anni sarebbe stato investito nella serata di ieri in Corso Ricciotti ad Orta Nova. L’incidente sarebbe avvenuto intorno alle 22:30, il giovane stava guidando una bici quando è stato investito da un auto, il cui conducente si sarebbe fermato per prestare soccorso. Il ragazzo sarebbe stato portato presso l’ospedale Tatarella di Cerignola, fortunatamente avrebbe riportato solo un trauma ad un ginocchio. L’incidente riporta sotto i riflettori il problema della sicurezza stradale, le vie della città capofila dei Reali Siti sono infatti teatro di folli corse di auto, in un territorio spesso non presidiato in maniera costante, una misura che potrebbe costituire un vero e proprio deterrente per chi sfreccia senza preoccuparsi della sicurezza di pedoni e degli altri automobilisti.