Fallimento SIA, i lavoratori alzano la voce: “Assoluta mancanza di strategie, vigileremo su ipotesi di spacchettamento dei servizi e da avvoltoi”


I lavoratori di SIA FG/4, da ciò che emerge dagli organi di stampa, prendono atto della volontà dei Sindaci componenti il Consorzio di igiene Ambientale Bacino FG/4, di non ricapitalizzare la società e procedere alla sua messa in liquidazione. Ciò che sconcerta è l’assoluta mancanza di una strategia, di un’idea, di come continuare a garantire i servizi di igiene ambientale e urbana e, di conseguenza, quale destino per i quasi 200 dipendenti, ne impiantistica, all’adeguamento dei corrispettivi per i servizi svolti, dalla cronica mancanza di pagamenti dovuti. Tutto ciò ha progressivamente determinato una crisi funzionaria ed economica che ha compromesso irreversibilmente l’operatività e la possibilità di qualsiasi tipo di programmazione aziendale. Ora si rincorrono voci circa uno spacchettamento dei servizi in ragione del quale ogni comune provvederà autonomamente, non si sa con quale personale e con quali soggetti economici. Sono certamente interessati all’acquisizione del servizio avvoltoi che vorranno realizzare profitti con il rischio di determinare una inaccettabile macelleria sociale a danno dei lavoratori. Noi ci opporemo in tutti i modi ad una simile prospettiva. Ribadiamo che occorre l’assoluto rispetto delle norme regionali in materia che prevedono un gestore unico di ARO. Invitiamo, quindi, le proprietà a valutare e perseguire tale soluzione, riservandoci, in sede di confronto e approfondimento di avanzare anche proposte più articolate.
In mancanza di risposte relativamente a quanto da noi avanzato, adotteremo tutte le iniziative che la legge consente a tutela dei nostri diritti e del nostro futuro

Manifesto dei lavoratori SIA

Al via oggi a Foggia il Weekend Ornitologico Internazionale

26 e 27 ottobre Foggia torna ad essere la “Capitale dell’Ornitologia”. Nel prossimo weekend, infatti, al quartiere fieristico migliaia di uccelli provenienti da tutto il mondo saranno in esposizione alla “3^ Mostra Ornitologica Internazionale dei Tre Mari”. Si tratta di un’esposizione (la più importante del sud Italia) che vede una sinergia di associazioni ornitologiche pugliesi, lucane, campane, siciliane e calabresi, che convergeranno tutte nel capoluogo dauno. Sono previsti cinquemila uccelli in esposizione nel padiglione 71, altrettanti in mostra scambio nel padiglione 10 per un totale di migliaia di espositori, allevatori, curiosi provenienti da tutta Europa.
Gli uccelli saranno sottoposti a giudizio da un pool di giudici internazionali provenienti dai paesi europei. Presenti aziende del mondo del settore del Pet a livello internazionale. Alla “Tre Mari” saranno presenti uccelli di ogni tipo provenienti da tutto il mondo, dai giganteschi pappagalli sudamericani ed africani ai minuscoli e coloratissimi diamanti australiani, senza dimenticare i canarini di tutte le razze, i cardellini, i fringillidi domestici e gli esotici d’affezione più rari. L’esposizione è aperta anche alle scolaresche e sono previste visite guidate nei padiglioni per meglio conoscere lo straordinario mondo alato. Tutto questo sotto l’egida della “Federazione Ornicoltori Italiani”, che da decenni ha adottato il motto “Allevare è proteggere”, e della C.O.M. (Confederazione Ornitologica Mondiale). L’allevamento in cattività di uccelli appartenenti a specie protette, che in alcuni casi si sono completamente estinti in natura, ne permette infatti la salvaguardia e la reintroduzione in natura e combatte fenomeni come il bracconaggio. Appuntamento a sabato (dalle 8 alle 18) e domenica (dalle 8 alle 15.30)

Comunicato stampa

Al via presso il Palazzo degli Studi Padre Pio i corsi di inglese per la certificazione Cambridge


Il “Palazzo degli studi Padre Pio” organizza, per il secondo anno consecutivo, corsi di inglese presso la propria sede di Orta Nova in convenzione con la OXFORD School of English di Foggia. L’obiettivo è di garantire una formazione linguistica specializzata di alto livello finalizzata al conseguimento di certificazioni riconosciute a livello internazionale. I corsi saranno curati da qualificati formatori MADRELINGUA il cui metodo di insegnamento sarà mirato al raggiungimento degli obiettivi di comunicazione, grammaticali e tecnici di base delle 4 abilità linguistiche del Reading, Writing, Listening, Speaking. I corsi sono rivolti non solo agli studenti di tutte le scuole medie e superiori ma anche ai piccoli della scuola primaria ed agli adulti. Al termine di ogni corso, si potrà accedere all’esame per il conseguimento della CERTIFICAZIONE CAMBRIDGE. I corsi partiranno al raggiungimento del numero minimo di partecipanti e si terranno in orario pomeridiano secondo calendari prestabiliti in fase di programmazione didattica. Le iscrizioni sono aperte. Sarà possibile ottenere maggiori informazioni contattando direttamente gli uffici di segreteria al numero 0885 782672.

Comunicato stampa

La SIA verso il fallimento, il 30 Ottobre la decisione finale, troppi debiti per l’azienda cerignolana

La SIA verso il fallimento, l’assemblea dei sindaci dei comuni dei Reali Siti e del commissario prefettizio del Comune di Cerignola, ha probabilmente messo la parola fine alla ventennale azienda cerignolana che si occupa della raccolta dei rifiuti nei comuni del consorzio ATO FG 4. L’incontro di ieri anticipa quello del prossimo 30 Ottobre, dove verosimilmente sarà decretata la decisione finale di portare i libri in tribunale e dichiarare il fallimento dell’azienda cerignolana. La recente bocciature del TAR in merito al concordato in continuità, motivata da un piano industriale ben lontano dalla reale situazione di criticità, ha bocciato di fatto la proposta di risanamento della situazione debitoria, gravata inoltre dall’impossibilità di poter utilizzare gli impianti di Contrada Forcone Cafiero. Inutili quindi i recenti adeguamenti contrattuali che hanno gravato sui cittadini i notevoli aumenti della TARI, così come anche inutili potrebbero essere gli sforzi di avviare la raccolta differenziata, a questo punto impossibile da realizzare. Al commissario straordinario Gianfranco Grandaliano toccherà ora disegnare il futuro della raccolta e della gestione del ciclo dei rifiuti nel bacino ATO FG 4, con dipendenti della SIA e cittadini, che attendono ora risposte utili a dimenticare anni di gestioni errate, da parte di una politica che non ha saputo far altro che gravare i costi sui cittadini.