Orta Nova, vietare il parcheggio dinanzi al Monumento ai Caduti, la proposta di Saverio Pandiscia nel rispetto della Memoria

Il monumento ai caduti quando vigeva il divieto di sosta

Il rispetto per la memoria e per chi ha scritto pagine di storia attraverso il sacrificio della vita, passa anche per un parcheggio? Se lo chiedono i cittadini di Orta Nova in questi giorni, a seguito della provocazione lanciata in rete dal presidente della sezione di Orta Nova dell’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra, Saverio Pandiscia. Il passionario presidente si è soffermato sulla questione relativa alle auto parcheggiate dinanzi al monumento dedicato ai caduti presso la villetta in Piazza Pietro Nenni. Fino a qualche anno fa li’ il parcheggio era vietato, grazie a dei blocchi in pietra che sorreggevano una catena proprio dinanzi al monumento, ma successivamente quelle barriere furono rimosse, rendendo l’area destinata al parcheggio, con tanto di strisce blu, utilizzate nel periodo in cui parcheggiare in centro prevedeva un costo. Oggi è possibile parcheggiare gratuitamente, spesso anche violando il codice della strada, la proposta di Saverio Pandiscia, invece donerebbe al monumento il rispetto che merita, in un epoca in cui il ricordo e la memoria devono essere ancor più preservati e tramandati alle prossime generazioni. Un gesto che andrebbe verso questa direzione, alla politica ed alle istituzioni le valutazioni nel merito.

Foggia Libera! Domani la Marcia della Legalità nel capoluogo dauno, in un territorio che prova a reagire

Foggia si prepara ad accogliere la Marcia della Legalità promossa da Libera, che sarà presente nel capoluogo dauno con a capo Don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione che da anni combatte la malavita. La marcia partirà simbolicamente alle 16:00 di domani pomeriggio da Via Candelaro 27, luogo dove è avvenuto la scorsa settimana l’ultimo omicidio in ordine di tempo, il primo in un 2020 costellato di atti criminosi. Alla marcia parteciperanno anche i comuni di Orta Nova e di Stornarella, che ha messo a disposizione anche un pullman gratuito per chi volesse partecipare. Parteciperà anche il sindaco di Lucera Antonio Tutolo, che provocatoriamente ha chiesto se vi sia la ferma volontà da parte dello stato di andare oltre i gesti simbolici, pianificando un chiaro programma nella lotta alla quarta mafia, ed impiegando l’esercito nel contrasto del crimine. Nelle ultime ore si è inoltre registrata la conferma dell’istituzione della DIA nella città di Foggia, come reso noto dai parlamentari foggiani del Movimento 5 Stelle. Fa scalpore nel frattempo la denuncia del SAP, il sindaco degli agenti di Polizia, che ha evidenziato come in un territorio delicato come quello foggiano, gli agenti impiegati ed i mezzi, siano inadeguati rispetto alle esigenze, a cui andrebbe aggiunto anche il prossimo pensionamento di oltre 180 agenti. L’inizio del 2020 si è rivelato davvero delicato, un anno molto importante per la Provincia di Foggia, che grazie al Contratto per lo sviluppo della Capitanata ed ai lavori di allungamento della pista del Gino Lisa, potrebbe dare una scossa positiva in termini economici e di ricaduta sul territorio, per fare ciò sarà però fondamentale arginare un fenomeno che da anni rallenta la crescita economica di una delle province più importanti d’Italia, spettatrice silente ed abbandonata per troppi anni di una guerra tra clan che ha lasciato un territorio indietro di oltre trent’anni, con la speranza che Libera sia finalmente Foggia, da un male da estirpare definitivamente.