ULTIM’ORA, nuovo bollettino dalla Regione Puglia, salgono a 407 i casi di Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, comunica il seguente aggiornamento (delle ore 22.00):

Il laboratorio di microbiologia e virologia dell’istituto zooprofilattico di Foggia oggi, per la prima volta, ha processato 120 campioni provenienti dalla Asl di Brindisi e dalla Asl di Taranto.

Di questi, sono risultati negativi 107 e positivi 13.

I casi positivi sono così suddivisi:

11 nella provincia di Brindisi;

2 nella provincia di Taranto.

Si comunica altresì che un uomo di 95 anni, con patologie pregresse e già risultato positivo a Covid, è deceduto oggi nell’Ospedale Moscati di Taranto.

Con questo aggiornamento salgono a 407 i casi positivi registrati in Puglia per l’infezione da Covid e 19 i deceduti.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Comunicato stampa

Coronavirus, altri 74 casi positivi in Puglia, 18 in provincia di Foggia

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, comunica che oggi 17 marzo – con aggiornamento alle ore 20.00 – sono stati effettuati 460 test in tutta la regione per l’infezione da Covid-19 Coronavirus. Di questi: 386 sono risultati negativi e 74 positivi.

35 in Provincia di Bari;

14 in Provincia Bat;

0 in Provincia di Brindisi;

18 in Provincia di Foggia

7  in Provincia di Lecce;

0 in provincia di Taranto;

Oggi non sono stati registrati decessi.

Con questo aggiornamento salgono a 394 i casi positivi registrati in Puglia per l’infezione da Covid-19 Coronavirus. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Comunicato stampa

Orta Nova, bimba cade e viene trasportata in elisoccorso a San Giovanni Rotondo, decisivo l’intervento dei sanitari

Una bambina questo pomeriggio è stata trasportata in elisoccorso presso l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza a causa di un trauma al palato riportato in seguito ad una caduta. La piccola è stata soccorsa dall’ambulanza del 118 di Orta Nova, a seguito del quale è stato disposto il trasferimento presso il nosocomio garganico, per velocizzarne il trasporto, e per liberare subito l’autoamblulanza, è stato predisposto il trasferimento in elicottero, che è atterrato dopo pochi minuti presso il campo sportivo Michele Fanelli di Orta Nova, dove si è poi alzato in volo alla volta di San Giovanni Rotondo. Un intervento che ha permesso l’immediato trasporto della piccola, curata poi presso l’ospedale fondato da Padre Pio. Nella città capofila dei Reali Siti si era subito diffusa la psicosi di un sospetto caso di Coronavirus, immediatamente smentito dai sanitari. Al momento non risulta ad Orta Nova alcun caso sospetto di Covid-19, smentite quindi ipotesi che sarebbero circolate nelle ultime ore. Resta però alta l’attenzione con le autorità che continuano ad invitare i cittadini a rispettare le misure di precauzione e a non uscire di casa.

Coronavirus, primo caso nei Reali Siti, una donna di Stornarella positiva al tampone

Primo caso di positività al Coronavirus nei Reali Siti, questa mattinata il sindaco di Stornarella Massimo Colia, ha ricevuto dall’Asl la conferma dei risultati del tampone eseguito, secondo alcune indiscrezioni, su di una donna di mezza età della cittadina dei Reali Siti, che si troverebbe al momento ricoverata in buone condizioni presso una struttura ospedaliera. Immediatamente sono scattate le misure previste per rintracciare i contatti diretti della donna, che dovranno rispettare l’isolamento domiciliare, come previsto. “E’ il momento di affrontare tutti quanti insieme questa situazioneha ribadito in un videomessaggio su Facebook il primo cittadinodobbiamo restare in casa ed osservare le disposizioni in materia“.