Orta Nova non dimentica, stasera una Messa per le vittime della Shoah

In occasione del 75° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, l’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra celebra questa sera presso la Chiesa BVM di Lourdes ad Orta Nova una SS Messa in ricordo delle vittime della Shoah. L’evento avrà inizio alle 18:30, vi prenderanno parte le autorità civili e militari e le associazioni dei Reali Siti, una occasione per riflettere sulla più grande atrocità nella storia dell’Uomo, svelatasi alle truppe dell’Armata Rossa il 27 Gennaio 1945, e che ha mietuto oltre 17 milioni di vittime. Un genocidio senza precedenti, che la storia ha raccontato e che deve essere tramandato alle generazioni future, per far sì che il razzismo, sempre più presente nella società di oggi, sia al più presto sconfitto, per non ripercorrere una delle pagine più buie della storia del genere umano.

Calcio, l’Orta Nova batte l’Audace Barletta ed aggancia il treno salvezza

La festa dell’Orta Nova a fine partita

Seconda vittoria consecutiva casalinga e zona salvezza sempre più vicina per l’Orta Nova, che nella quinta di ritorno del campionato di Eccellenza, al Cianci di Cerignola, supera 2-1 l’Audace Barletta. Gara equilibrata e con poche occasioni nella prima frazione, nella ripresa più vivace, sbloccata da Marco Monopoli al 62′, abile a concludere a rete dal limite dell’area, giocano bene gli ortesi che trovano il raddoppio a otto minuti dalla fine con Martino Curci, da poco entrato in campo, Michele Vitale ha la chance del terzo gol, ma spreca tutto solo davanti alla porta. La riapre l’Audace nel finale, grazie alla rete di Domenico Ciardi abile a realizzare in mischia, la porta a casa però l’Orta Nova, che in classifica scavalca la Deghi ed aggancia Vieste e Fortis Altamura. Nelle prossime ore su Blog Tv gli highlights della gara e le interviste.

TEAM ORTA NOVA 1 Micale, 2 D’Aries, 3 Della Pace (al 87′ Di Dedda), 4 Lamatrice, 5 Lacerenza, 6 Mascia, 7 Monopoli M., 8 Dell’Oglio (al 85′ Vigliotti), 9 Pelosi (al 71′ Vitale), 10 Ragno (al 75′ Monopoli A.), 11 Foschino (al 82′ Curci) ALL Carbone

A DISP 12 Laccetti, 14 Fiore,  18 Vitale, 20 Tusiano

AUDACE BARLETTA 1 Di Candia, 2 Rizzi, 3 Ngracanj, 4 Ciardi, 5 Losappio, 6 Pensa, 7 Iorio, 8 Cormio (al Albrizio), 9 Di Federico (al 85′ Crudo), 10 Di Viesti (al 68′ Messina), 11 Di Noia ALL Iannone

A DISP. 12 Amoruso, 13 Lomuscio, 15 Di Meo, 18 Floris, 19 Tupputi, 20 Di Lernia

ARBITRO Sig. Roberto Aratri BARI, assistenti Sig. Federico Favilla FOGGIA, Sig. Antonio Alessandrino BARI

AMMONITI Lacerenza, Pelosi, Albrizio

MARCATORI Monopoli A. al 62′, Curci al 83′, al 89′ Ciardi

SPETTATORI 80 circa

Carapelle, la reazione del sindaco Di Michele: “Sono turbato, ringrazio le forze dell’ordine”

Nella notte appena trascorsa, un uomo incappucciato ha cercato di appiccare il fuoco all’automobile del padre del sindaco di Carapelle, Umberto Di Michele. Un atto inspiegabile ma probabilmente legato più all’attività di primo cittadino che al padre pensionato. “Sono molto turbato ed attonito per l’accaduto – ha detto Di Michelema se chi ha tentato di eseguire questo atto incendiario lo ha fatto per colpire il sindaco, significa che il lavoro svolto in questi pochi mesi di amministrazione è stato efficace ed efficiente e probabilmente sta dando fastidio a chi non vuole il cambiamento. Ho grande fiducia nella giustizia – ha aggiunto il primo cittadino – e voglio ringraziare i militari dell’Arma dei Carabinieri che sono intervenuti prontamente ed hanno evitato l’esplosione dell’auto. A loro ed ai cittadini che fanno del dialogo e della legalità la propria ragione di vita – e a Carapelle non sono pochi – andrà sempre la mia stima“.

Comunicato stampa