Orta Nova, deliberate le misure per i buoni spesa. Scadenza della domanda entro il 3 Aprile, in mattinata assembramenti dinanzi al comune

Dopo le polemiche di ieri, questa mattina con la delibera di giunta n.37 sono stati stabiliti i criteri per l’assegnazione dei buoni spesa stanziati dal Governo, per far fronte all’emergenza Coronavirus. Nella mattinata alcuni momenti di tensione si sono verificati presso il municipio, dove una folla di circa 50 persone si è riversata inutilmente allo scopo di chiedere informazioni, senza considerare la chiusura al pubblico degli uffici comunali, ed il divieto di assembramento. Nella delibera la Giunta ha stabilito i criteri per poter accedere al contributo, il richiedente dovrà infatti comunicare la chiusura o la sospensione della propria attività lavorativa, di non aver ancora ottenuto contribuzioni stanziate con il  decreto “Cura Italia”, di non usufruire di Reddito di Cittadinanza, ammortizzatori sociali, RED, REI. Il valore del buono spesa sarà pari a 300 euro per ogni nucleo familiare, che sarà aumentato di 50 euro per ogni minore. Il termine ultimo per la presentazione delle richieste è fissato entro il giorno venerdì 03/04/2020, le domande dovranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica: assistente.sociale@cittaortanova.fg.it, o su whatsapp al n.344 3891472, utilizzando il modulo che riportiamo di seguito.

Gli esercizi commerciali che vorranno aderire a tale iniziativa, dovranno presentare domanda tramite pec a protocollo.ortanova@pec.it entro il giorno venerdì 03/04/2020, riportando i propri dati identificativi e l’eventuale disponibilità a riconoscere uno sconto di almeno il 5% del valore nominale del buono spesa, da riversare al Comune di Orta Nova, sotto forma di donazione al Fondo di Solidarietà Alimentare utilizzando ilseguente IBAN bancario IT36A0103078510000011000008 con la causale “SOLIDARIETA’ ALIMENTARE”.

Orta Nova, scontro tra maggioranza ed opposizione sui buoni pasto, in rete bozza del modulo per gli aiuti prima della pubblicazione

I buoni spesa destinati con il DPCM dello scorso 28 Marzo, per far fronte all’emergenza Coronavirus, ad Orta Nova diventano terreno di scontro politico tra maggioranza ed opposizione. Ad alimentare le polemiche un post del gruppo consiliare Orta Nova Mi Piace, guidato dall’ex candidato sindaco Antonio Di Carlo, che ha denunciato una bozza di modulo per richiedere il contributo destinato ai buoni spesa, che secondo i consiglieri di opposizione, sarebbe circolato su whatsapp, nel tentativo di favorire amici di alcuni esponenti di maggioranza.

Dopo qualche ora il sindaco Mimmo Lasorsa ha chiarito come la bozza del modulo non ha alcun valore, in quanto la versione ufficiale, sarà pubblicata nelle prossime ore sull’albo pretorio del comune capofila dei Reali Siti. “In un momento così delicato per l’intera comunità ci aspettiamo collaborazione da parte dell’opposizione soprattutto nel non alimentare solo a strumentali fini politici, dubbi sulla regolarità nell’attribuzione delle risorse stanziate – ha sottolineato in un post la maggioranza ortese – alimentare dubbi in questo momento significa soffiare sul fuoco vivo della disperazione delle persone in questo momento più fragili e vulnerabili. Politica si ma con dignità“.

Lo scontro si acuisce sugli aiuti stanziati dal governo, circa 167.000€ per Orta Nova, che dovranno alleviare un momento difficile della comunità, una occasione che avrebbe dovuto costituire un momento di solidarietà collettiva, e che invece da un lato ha inasprito il dibattito politico, dall’altro ha visto forse il tentativo di qualche soggetto di favorire pochi rispetto alla collettività. Alla politica ora il ruolo di ristabilire i toni e di ricostruire quanto accaduto, e soprattutto di rendere al più presto pubblici criteri e modi di assegnazione degli aiuti.

Coronavirus, record giornaliero di contagi in provincia di Foggia, 52 in un giorno. Nove i decessi in 24 ore

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 31 marzo, in Puglia, sono stati registrati 956 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi, così suddivisi:
22 nella Provincia di Bari;
8 nella Provincia Bat;
0 nella Provincia di Brindisi;
52 nella Provincia di Foggia;
10 nella Provincia di Lecce;
5 nella Provincia di Taranto;
(La somma dei dati per provincia è superiore di 6 casi perché include le schede non ancora attribuite per provincia e che sono state nel frattempo assegnate).
Sono stati registrati 19 decessi: 9 in provincia di Foggia (77, 66, 89, 74, 69, 93, 84, 69, 63 anni), 4 in provincia di Bari (90, 87, 67, 78 anni) , 3 in provincia di Lecce (97, 93, 86 anni), 2 in provincia di Brindisi (83 e 87 anni) e 1 in provincia di Taranto (40 anni) .
Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 14.073 test.
Salgono a 39 i pazienti guariti.
Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.803 così divisi:
616 nella Provincia di Bari;
111 nella Provincia di Bat;
164 nella Provincia di Brindisi;
457 nella Provincia di Foggia;
303 nella Provincia di Lecce;
126 nella Provincia di Taranto;
19 attribuiti a residenti fuori regione;
7 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia.
I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.
Comunicato stampa

Coronavirus, nuovo caso positivo ad Orta Nova. Deceduto il primo paziente affetto da Covid-19

Nuovo caso positivo da Covid-19 ad Orta Nova, l’annuncio è stato effettuato dal primo cittadino, il Dott. Mimmo Lasorsa, che ha ufficializzato quanto comunicato nella giornata di ieri dall’Asl in merito alla positività da Coronavirus per un cittadino ortese, ricoverato presso un ospedale foggiano. Il sindaco Lasorsa ha inoltre comunicato che i parenti del paziente sono stati posti in quarantena fiduciaria. Si tratta del secondo caso che riguarda un cittadino ortese, nella giornata di oggi è deceduto il primo paziente risultato positivo negli scorsi giorni, che però era ricoverato presso una RSA di Troia, da dove è stato trasferito subito dopo la notizia della positività, presso il Colonnello D’Avanzo, dove è deceduto a causa del peggioramento delle condizioni cliniche, già difficili a causa di una patologia pregressa. Il sindaco Lasorsa ha inoltre anticipato che la macchina comunale è già al lavoro per stabilire i criteri per la ripartizione del fondo di solidarietà emanato con il DPCM del 28 Marzo scorso, a cui saranno aggiunti fondi che derivereranno dalla riduzione delle indennità previste per sindaco, assessori e consiglieri, invitando l’opposizione a seguire la scelta della maggioranza. Sale così a tredici il bilancio dei positivi nei Reali Siti.

Coronavirus, quarto caso a Stornara. Calamita: “Dobbiamo restare a casa”. Sale a 11 il numero dei positivi nei Reali Siti

Il bilancio dei casi positivi al coronavirus a Stornara si aggrava: c’è un quarto caso. La ASL sta attivando tutte le misure di protocollo con l’effettuazione delle indagini a ritroso procedendo alla messa in quarantena e “all’isolamento domiciliare” dei familiari e di tutti coloro i quali hanno avuto un contatto. Stiamo vivendo un momento molto difficile e stiamo combattendo contro un nemico invisibile, veramente aggressivo. Il momento è delicato, psicologicamente complicato. Vi imploro di stare a casa, abbiamo la responsabilità verso i nostri cari e tutti i nostri concittadini di non muoverci, se non per assoluta necessità.

Il sindaco di Stornara Rocco Calamita

Coronavirus, altri 163 casi in Puglia, in provincia di Foggia 28 nuovi casi e 3 decessi

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi lunedì 30 marzo, in Puglia, sono stati registrati 1.617 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 163 casi, così suddivisi:

76 nella Provincia di Bari;

5 nella Provincia Bat;

12 nella Provincia di Brindisi;

28 nella Provincia di Foggia;

54 nella Provincia di Lecce;

22 nella Provincia di Taranto;

1 fuori regione.

(La somma dei dati per provincia è superiore di 35 casi perché include le schede di ieri non ancora attribuite per provincia e che sono state nel frattempo assegnate).

Sono stati registrati 5 decessi: 3 in provincia di Foggia (59, 93 e 75 anni), 1 in provincia di Bari (62 anni) e 1 in provincia di Lecce (87 anni).

Salgono a 32 i pazienti guariti.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 13.117 test.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.712, così divisi:

594 nella Provincia di Bari;

103 nella Provincia di Bat;

164 nella Provincia di Brindisi;

405 nella Provincia di Foggia;

293 nella Provincia di Lecce;

121 nella Provincia di Taranto;

19 attribuiti a residenti fuori regione;

13 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Comunicato stampa