Orta Nova, auto in fiamme in Via Soldato Balsamo

Il luogo dell’incendio

Ancora un auto in fiamme ad Orta Nova, dove ieri sera in Via Soldato Balsamo, una utilitaria è stata avvolta dalle fiamme subito dopo le 22:00. L’intervento di alcuni residenti ha evitato il peggio, gli stessi sono riusciti infatti ad allontanare la vettura dagli edifici limitrofi, prima che la stessa fosse totalmente avvolta dal fuoco. Si cercano ora elementi utili alle indagini per ricostruire la dinamica dell’incendio.

Annunci
Cronaca

Stornara, un arresto per allacio abusivo di energia elettrica

Un allaccio abusivo, foto di repertorio

I carabinieri della compagnia di Cerignola hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Foggia, a carico di Mauro Masciavè, 53enne di Stornara. L’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari, aveva creato un grosso allaccio abusivo alla rete elettrica, tramite il quale serviva non solo la sua abitazione, ma tante piccole abitazioni abusive che aveva fatto costruire all’interno della sua proprietà e che aveva ceduto in uso a dei cittadini bulgari. Il giudice, quindi, ritenendo che non sussistessero più le condizioni per la concessione dei domiciliari, gli ha revocato il beneficio, disponendo per il malfattore nuovamente la custodia cautelare in carcere.

Comunicato stampa

 

Cronaca

Ritrovata auto rubata a Carapelle, in manette quattro cerignolani sorpresi a smontarla

I Carabinieri all’interno del capannone dov’è stata ritrovata l’auto rubata

Ennesimo colpo dei carabinieri in termini di contrasto al fruttuoso affare della ricettazione di veicoli rubati e al riciclaggio delle loro varie parti meccaniche. A Cerignola dopo un’intera nottata di appostamento all’addiaccio, senza mai perdere di vista l’autovettura d’interesse, i carabinieri hanno arrestato 4 pregiudicati cerignolani di 42, 43, 38 e 36 anni: per loro le accuse sono di ricettazione e riciclaggio in concorso. I militari, in servizio di pattuglia, avevano notato uno strano movimenti nei pressi di un capannone lungo via Melfi. Avendo intuito cosa stesse accadendo, per averne la certezza, dall’esterno, sono riusciti ad avvicinarsi senza farsi scoprire, vedendo così che alcune persone, appena giunte a bordo di un’Audi A6, l’avevano lasciata nel capannone, che poi avevano chiuso con un lucchetto. I carabinieri, introdottisi nel cortile, sono quindi riusciti a vedere la targa dell’auto sospetta, verificando così che era stata rubata la notte precedente a Carapelle e che era già stata parzialmente smontata nelle parti interne. I militari, allora, hanno deciso di appostarsi, fosse anche stato per tutta la notte, in attesa che qualcuno tornasse a smontare il mezzo. Alle 6 circa gli sforzi sono stati finalmente ripagati. I quattro malfattori, infatti, arrivati sul posto e aperto il lucchetto sono entrati, iniziando a smontare l’auto, fino a quando i militari, all’improvviso, non sono piombati loro addosso, chiudendoli nel capannone per bloccarli, e quindi dichiararli in stato di arresto.

Comunicato stampa

Cronaca

Indagine Security, sequestrati 32milioni di euro al commercialista carapellese Massimo Curci

Massimo Curci

I militari della Guardia di Finanza di Varese e personale della Squadra Mobile della Questura di Milano, proseguendo nello sviluppo delle indagini condotte nell’ambito dell’operazione denominata “Security”, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Angelino Pasquale, per il reato emissione di false fatturazioni e concorso in bancarotta fraudolenta, nonché sottoposto a sequestro le quote di  10 società, unitamente alla somma di 153.000 euro. Dalla prosecuzione delle indagini è stata individuata la fraudolenta attività di Angelino Pasquale che avrebbe emesso tra gli anni 2015 e 2017, fatture per operazioni inesistenti, per un importo di oltre 2,5 milioni di euro, a favore di società riconducibili al gruppo criminale dei c.d. “pugliesi”, i cui componenti sono già stati tratti in arresto nel luglio 2017 nel contesto della medesima indagine. Nei giorni precedenti, Guardia di Finanza e Polizia hanno anche dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dalla stessa dda di Milano, per un importo di 32,3 milioni di euro, a carico di   91 società di autotrasporti, la cui contabilità era detenuta dal commercialista foggiano Ruggiero Massimo Curci (ex vice Presidente del Foggia Calcio, attualmente arresti domiciliari) ritenuto responsabile del reato di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici. Le indagini hanno accertato come – per usufruire di asseriti “vantaggi fiscali” che il citato consulente aveva promesso, a fronte di un corrispettivo extra dallo stesso incassato “in nero” (per un importo complessivo pari ad oltre 1,7 milioni di euro non dichiarati al fisco) – gli amministratori delle società coinvolte nella frode, pur operando materialmente in varie zone del territorio nazionale, siano stati invitati dal Curci a dichiarare la sede legale presso il proprio studio di Carapelle (FG). Nel mese di dicembre 2017, durante l’attività di perquisizione locale presso lo studio Curci, era stata sottoposta a sequestro la contabilità di tutte le società cooperative di trasporto che avevano artificiosamente affidato al professionista la tenuta delle scritture contabili obbligatorie. Al termine di una laboriosa attività di analisi forense del software gestionale sottoposto a procedura di backup nel corso della perquisizione, nonché di approfondimento contabile eseguito dai finanzieri, è stato riscontrato che, relativamente agli anni 2015 e 2016, numerosissime registrazioni riportanti causali per costi di carburante non erano supportate da alcuna documentazione fiscale giustificativa, determinando in tal senso un fraudolento abbattimento del reddito imponibile delle singole società. Nel complesso, sono stati quindi scoperti costi fittizi per 72,2 milioni di euro relativi a spese di carburante ed una complessiva imposta evasa, ai fini IVA ed imposte sui redditi, pari a 32,3 milioni di euro, oggetto del provvedimento di sequestro dell’A.G., eseguito sia a carico delle   91 società di autotrasporto coinvolte, sia del professionista Ruggiero Massimo Curci.

Comunicato stampa

Cronaca

Stornara, arrestate due donne per possesso di stupefacenti

La droga ed il denaro sequestrato dalle forze dell’ordine

Era da giorni che i carabinieri a Stornara tenevano d’occhio un’abitazione del centro cittadino. Nei giorni scorsi i militari sono entrati in azione perquisendo l’abitazione e trovando, nella disponibilità di due donne, 25 grammi di hashish, già suddiviso in dosi, oltre al materiale per il confezionamento dello stupefacente. Le due donne, una italiana di 35 anni e una rumena di 30 sono state arrestate. Hanno ottenuto gli arresti domiciliari.

Comunicato stampa

Cronaca

Sorpresi a smontare auto rubate in Salento, in manette in quattro, uno ad Orta Nova

Un arresto, foto di repertorio

I Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia, nell’ambito di un’attività di controllo economico del territorio diretta anche alla repressione dei traffici illeciti, hanno sorpreso, nel comune di Cerignola, quattro persone intente nello smontaggio di un’autovettura AUDI Q5, risultata rubata alla fine del mese di gennaio in località Salve, nel leccese. Il tempestivo intervento dei militari, nelle immediate vicinanze di un capannone commerciale nei pressi della S.P. 96, ha consentito di interrompere una vera e propria cannibalizzazione della vettura. Dopo aver proceduto al fermo dei quattro soggetti, V.F, di 26enne e L.N., di 35 anni,entrambi cerignolani, P.P., 43enne, di Fasano  e D.A.I., 19enne, cittadino di nazionalità rumena residente in Orta Nova,  i militari hanno effettuato una ricognizione, anche con l’ausilio di mezzo aereo. E’ stata quindi individuata, in un canale del Consorzio di Bonifica della Capitanata, una vasta discarica a cielo aperto di rifiuti, con carrozzerie di autovetture date al fuoco.  I Finanzieri del Gruppo di Foggia hanno esteso le attività di Polizia Giudiziaria sia presso l’abitazione del soggetto fasanese, sia presso il capannone commerciale attiguo al luogo dell’intervento, sede di una attività di demolizione gestita dal padre di uno degli arrestati, all’interno del quale venivano rinvenuti numerosi pezzi di ricambio per autovetture di marca AUDI di illecita provenienza ed un libretto di circolazione relativo ad un’autovettura AUDI A5, anch’essa oggetto di furto nella provincia di Lecce. Nel giardino è stata ritrovata un’altra autovettura AUDI A5, oggetto di furto a Gallipoli, recante le targhe di una NISSAN Qashqai rubata in San Nicola, al cui interno, abilmente nascosta, è stata rinvenuta una pistola a tamburo Arostegui-Eibar di fabbricazione spagnola, priva di matricola e perfettamente funzionante, munita di tre cartucce calibro 10,5 mm. Le operazioni di perquisizione della casa hanno consentito di rinvenire arnesi da scasso, chiavi di accensione e disturbatori di segnale radio “jammer”, oltre ad un vero e proprio market di centraline elettroniche e pezzi di ricambio per autovetture, principalmente di marca AUDI e verosimilmente di origini delittuose, per i quali P.P. non era in grado di fornire idonea documentazione attestante la provenienza. I quattro soggetti sono stati tratti in arresto in flagranza di reato ed associati alla casa circondariale di Foggia, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Comunicato stampa

Cronaca

Un morto sulla SP 81 tra Orta Nova e Stornarella, 70enne stroncato da un malore alla guida della sua auto

La strada provinciale 81 tra Orta Nova e Stornarella

Un uomo di 70 anni ha perso la vita nel pomeriggio di ieri nei pressi della SP 81 che collega Orta Nova e Stornarella. Non si tratterebbe di un incidente, ma probabilmente sarebbe stato un malore, accusato mentre l’uomo era alla guida della sua vettura, a stroncarlo sul colpo. Inutile l’intervento dei sanitari che giunti sul posto hanno constatato il decesso dell’uomo.

Cronaca