OFF TOPIC: Bohemian Rhapsody, la fragilità di un uomo diventato leggenda

Bohemian Rhapsody, la magnificenza di un’intera band si mescola con le fragilità di un uomo divenuto leggenda. L’indifferenza intorno a sé e, dapprima l’intricato rapporto con il padre che non accetta Farrokh nella sua differenza di stile di vita, fanno di Freddie un inno alla ribellione assoluta. Piuttosto che lasciarsi sopraffare dall’inerzia che ne potrebbe scaturire da tale situazione ne fa punto di forza per trovare l’energia necessaria a reagire e a divenire quello che poi sarebbe stato per intere generazioni: “un mito”. Chi come me ha avuto Radio Ga Ga come colonna sonora della propria infanzia, non può che semplicemente rimanerne affascinata nello scoprire nello specifico come le canzoni che le sono state canticchiate da bambina abbiano avuto inizio nella mente dei suoi creatori. Capire come a volte l’essere diversi ed eclettici non debba per forza essere un difetto, ma può diventare automaticamente un valore aggiunto che possa permettere di realizzare cose grandiose nella vita, certo passando prima però per quell’eccesso che porta quasi all’autodistruzione, se non poi nel prendere coscienza della situazione per tornare a circondarsi degli affetti più cari. La vita di Freddy ne è un esempio lampante. Film che pur trattando temi delicati e sempre attuali come l’omosessualità e l’Aids non cade mai nel patetico. Nulla da aggiungere se non elogiare l’impresa degli attori e sceneggiatori che hanno fatto di un film un capolavoro. Sicuramente molto realistico! Queen…….

Vale

Annunci
Musica

Torna il New Born Rock Festival, edizione winter il prossimo 28 Dicembre a Stornarella

Dopo il successo inatteso della scorsa edizione, il New Born Rock Festival si sdoppia con una versione invernale dedicata, come al solito, alla promozione della musica indipendente e delle band locali della provincia di Foggia. Il prossimo 28 dicembre, quindi, si terrà la winter edition all’interno della location del KmSclero di Stornarella che, fin dall’inizio, ha posto al centro della programmazione live la medesima finalità del festival. La scorsa edizione del New Born Rock Festival si è tenuta 31 agosto presso il Largo Ex Gesuitico di Orta Nova, nell’ambito dell’estate ortese, ed è stata una grande sorpresa in positivo perché ha riportato in piazza l’estro e la capacità musicale di tanti giovani che spesso non hanno spazio per mettere in mostra le loro produzioni. L’evento, giunto soltanto alla seconda edizione, può già dire di essere riuscito a creare uno spazio per gli artisti e per la musica emergente del territorio dei Cinque Reali Siti. “A distanza di cinque mesi presentiamo l’edizione invernale spostandoci a Stornarella nell’ambiente caldo del KmSclero” – affermano dal comitato organizzatore del Festival: “l’ambizione resta sempre la stessa, ovvero dare valore alla musica emergente, creare uno spazio culturale nuovo e sensibilizzare al ruolo dell’arte all’interno della società. Dare forma ad un ambiente che sappia valorizzare piuttosto che svilire, invogliare ed inspirare a creare un mondo nuovo, piuttosto che restare fermi a criticare un mondo che non funziona mai abbastanza”. Alla stesura del programma della winter edition, oltre ai ragazzi del comitato organizzatore, hanno collaborato fattivamente anche i responsabili del KmSclero di Stornarella che hanno messo a disposizione il palco e l’intera struttura di Via Fratelli Bandiera 5. Oltre alla location, le novità di questa edizione riguarderanno soprattutto la scaletta e gli interpreti che si avvicenderanno sul palco. Infatti, ci saranno due nuovi gruppi che prenderanno parte al live: Gli Infami di Ascoli Satriano e gli Age of Time di Foggia. A queste due novità, si aggiungono gli interpreti confermati dallo scorso anno: i Verbanima, gli A’ Rebours, Gli Incubi di Viola; con una scaletta di generi che vanno dall’alternative rock al rock melodico/indie al post/grunge. L’evento è promosso in collaborazione con Il Megafono dei Cinque dei Cinque Reali Siti, testata di informazione locale. Di seguito le bio delle band che parteciperanno e il programma di questa edizione:
AGE OF TIME:
Gli Age Of Time (AOT) sono una band di Foggia nata nella primavera del 2016 da un’idea di Angelo Pipoli ed Emanuele Chiaiese. In principio la band si chiamava “SkullFire” perché aveva come obiettivo la produzione di brani inediti in chiave hard rock old school, ma in seguito ai vari cambiamenti di formazione, alla sperimentazione di nuove sonorità e al passaggio da una voce maschile a una femminile, la band si è sempre più accostata al post-grunge e all’alternative. A questo punto, decisa la nostra strada, abbiamo cambiato il nome della band, scegliendone uno che ci rispecchiasse per quello che siamo diventati: gli “Age of Time”. Letteralmente il nome significa ”Era del Tempo” proprio perché rispecchia quel che è il pensiero della maggior parte degli esseri umani, ovvero lo scorrere inesorabile del tempo…che scorra velocemente o lentamente, ognuno di noi sa che quell’attimo non tornerà più, sia esso romantico, drammatico o di qualsiasi altra entità. Il nostro intento è quello di rendere il tempo come unità di misura delle emozioni, delle vicende e di qualunque altra caratteristica chiunque possa vedervici all’interno del contesto. Di recente la band ha terminato le registrazioni ufficiali del suo primo EP, che verrà rilasciato per metà gennaio, con la seguente formazione: Simona Mennelli (voce); Emanuele Chiaiese (chitarra solista); Alessio Muscillo (chitarra ritmica e tastiere); Leonardo Russo (basso e whispering) e Angelo Pipoli(batteria e percussioni).
GLI INFAMI:
Gli infami esistono da circa 8 anni. Non sono solamente un gruppo musicale ma una vera e propria corrente di pensiero. Oggi chiunque cerca di dire la verità nuda e cruda viene definito un infame. Da qui il nome. Alcuni anni fa si classificano primi alle selezioni provinciali di “Italia Wave” ma perdono alla finale di Lecce nonostante le raccomandazioni. Una volta dovevano aprire il concerto di BUGO a Cerignola ma Bugo diede buca e non si presentò. Un’altra volta hanno aperto un concerto di APPINO degli Zen Circus. Suonano sempre in posti in cui non vengono pagati perché a noi la gente povera piace. Non hanno una formazione definitiva ma una che cambia a seconda delle situazioni e delle disponibilità dei musicisti stessi. Solo il cantante non cambia mai. Così VI IMPARATE!!!! Genere musicale: MUSICA TRISTE.
VERBANIMA:
Sono un’Indie/Alternative rock band formata da Rocco Lopriore(voce/chitarre), Antonio Morgese (chitarre), Michele Di Conza (chitarre/synth), Antonio Caporale (basso) e Antonio Pagone (batteria). La band fondatrice del New Born Rock Festival si è fatta già ascoltare in molte date e negli ultimi tre mesi per ben 15 volte tra Puglia, Liguria e Lazio, ottenendo uninaspettato secondo posto al “GallinaRock” tenutosi dal 16 al 18 Agosto a Gallinaro (FR) e ottimi riscontri alle semifinali di SanremoRock tenutosi dal 5 all’8 Giugno nella città del Festival.La band è in fase di registrazione per un EP che uscirà all’alba del 2019.
A’ REBOURS:
Band emergente della realtà foggiana. À Rebours non è una semplice band formata da cinque ragazzi, è voglia di dar voce alla creatività insita in ogni singolo componente. Facendo tesoro delle diverse influenze musicali, sfruttano questo “melting-pot” come base per sperimentare. Oltre la banalità, oltre le convenzioni, andando “contro corrente”. Hanno già partecipato al New Born Rock Festival operando attivamente nell’organizzazione, il 14 Agosto di quest’anno hanno aperto per i Keplero a Bovino e sempre per quest’ultimi apriranno il 23 Dicembre al Groove di Foggia. Mentre il 21 dicembre si esibiranno sul palco del Km Sclero a Stornarella.
GLI INCUBI DI VIOLA:
In realtà la band non esiste. Non c’è traccia di esperienze passate e probabilmente non ci saranno tracce in futuro. Tutto ciò che la band fa è suonare, cantare, sbraitare e danzare selvaggiamente sul palco. Suonano per il gusto di suonare ed esprimersi, incarnando a pieno lo spirito del festival.

Comunicato stampa

Musica

Daniel Osvaldo il 6 Gennaio al Broadway Music Pub di Orta Nova. L’ex Juve e Roma ora è una rock star

Il calcio è ormai solo un ricordo, Pablo Daniel Osvaldo da qualche anno ha appeso al chiodo le scarpette e le maglie di Juventus, Roma, Boca Junior, Southampton, Lecce, Fiorentina, Atalanta e si è dato definitivamente alla musica, dove con la Barrio Viejo Band porta in giro la sua musica. Osvaldo e la sua band saranno in tour il prossimo 6 Gennaio presso il Broadway Music Pub di Orta Nova, un evento molto atteso da appassionati di musica e di calcio, per incontrare un artista polivalente, che prima con i piedi ed ora con le mani e con la voce, propone la sua arte.

Musica

Il 19 Dicembre la 7^Edizione di “Natale Insieme”, la Scuola Pertini protagonista dell’evento musicale

Il Prof. Lorenzo Ciuffreda dirige il coro della Pertini, foto di Roberto Volpicelli

In occasione delle festività natalizie la Scuola Secondaria di 1° grado “Sandro Pertini”, il Comune, i Circoli Didattici e la Corte dei Birichini di Orta Nova propongono un concerto, dal titolo Natale Insieme, per diffondere attraverso il canto il più tradizionale spirito natalizio. Il percorso musicale intrapreso ha visto coinvolti gli alunni delle classi quinte dei due Circoli Didattici e gli alunni della Scuola dell’Infanzia della Corte dei Birichini presenti sul territorio nella formazione del coro, accompagnati dall’Orchestra Giovanile Sandro Pertini della Scuola Secondaria di 1° grado. Tutti i ragazzi hanno accolto con grande entusiasmo questo percorso, seguendo gli studi proposti attraverso la metodologia della vocalità funzionale con creatività, leggerezza e la giusta dose di gioco. Descrivere le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare e che affrontiamo quotidianamente, affermare che un coro di una scuola è un coro di ragazzi la cui motivazione iniziale non è sempre l’amore per la musica bensì il desiderio di stare assieme, è premessa importante in quanto tutte le difficoltà vanno comunque collocate in un contesto di questo tipo.  La funzione educativa e l’importanza di un coro di voci vanno al di là del puro rendimento musicale; per gli appartenenti a questi cori, la formazione musicale e il fare musica insieme sono valori educativi e sociali da non sottovalutare, valorizzano la musica come arte e scienza e rappresentano una tra le tante forme di conoscenza musicale. Un ringraziamento particolare va al Dirigente Scolastico della Scuola Secondaria di 1° grado Sandro Pertini, Prof. Pietro Vincenzo PIEMONTESE, al Sindaco Dott. Gerardo TARANTINO, al Referente del Progetto Prof. Lorenzo CIUFFREDA, al Rettore della Basilica Santuario Madre di Dio dell’Incoronata di Foggia Rev.do Don Ugo REGA, alla Dirigente del 1° Circolo Prof.ssa Maria Antonietta RIZZO, alla Dirigente del 2° Circolo Didattico Prof.ssa Giuliarosa TRIMBOLI, alla responsabile della Scuola dell’Infanzia Lucia GAETA e a tutte le maestre che hanno reso possibile tutto questo. Un ringraziamento va ai colleghi del Corso ad Indirizzo Musicale della Scuola Sec. di 1° Grado S. Pertini, Prof.ssa Alba Collivignarelli, Prof.ssa Rossella Pennisi, Prof. Orlando Rignanese, Prof. Giuseppe Pedali e il Prof. Matteo Grifa grazie ai quali siamo riusciti a realizzare questo interessante progetto. Il Concerto si terrà Mercoledì 19 dicembre 2018 ore 19.30 presso la Basilica Santuario Madre di Dio dell’Incoronata di Foggia. Tale iniziativa vedrà coinvolte tutte le scuole, del territorio, sempre più impegnate a sostenere e a stimolare quanto favorisce la vita e la crescita culturale di un paese, offrendo in tal senso le giuste opportunità di comunicazione e di confronto tra gli alunni delle scuole, che rappresentano una risorsa importante per il nostro territorio. Se ogni progetto musicale e culturale in genere è destinato, come si spera, a crescere, con il tempo non basterà più a contenere tutti i protagonisti. Sicuramente, in un periodo critico come quello che stiamo attraversando, dove certezze, valori, speranze sembrano sgretolarsi in una crisi globale che interessa tutti i settori, il nostro obiettivo è di offrire uno spazio dove i ragazzi possano mettersi in “gioco”, confrontarsi tra di loro per ricercare nuovi stimoli di studio nella Musica e sentirsi incoraggiati a intraprendere seriamente la carriera del concertismo e del professionismo.

Comunicato stampa

Istruzione Musica

“Take me with you” il nuovo brano rockmantico di Rubino, l’amore contro l’abbandono

ll 29 ottobre scorso è uscito il nuovo singolo “Take me with you” di Rubino,
Rocker 2.0 con una formazione classica, diploma in conservatorio e tanti
anni di esperienze musicali a fianco di importanti artisti. In “Take me with you” la musica è dalla parte dei più deboli e il
messaggio è forte. L’artista, dall’anima melodica, grida l’amore per gli animali, toccando una delle paure più ancestrali, quella dell’abbandono, una storia di un’attualità disarmante, “…portami con te se puoi…so che esiste un posto
chiamato casa… non abbandonarmi ora…Ti amerò senza mai chiedere
nulla…” E’ una storia vera quella raccontata, con protagonisti veri e il videoclip di
“Take me with you” racconta proprio l’animo sincero che è alla base della
vita di Rubino, quell’animo convinto che con l’Amore si mettono a posto
tante cose, un Amore che vince su tutto, proprio come la protagonista del
video, Michelle, la cagnolina abbandonata su un marciapiede che chiede di essere accolta in una famiglia per poter offrire l’amore di cui è capace. Un brano rockmantico, dalle dolci parole e un videoclip strappa cuore sì ma con un lieto fine di speranza. Se si va nel profondo dell’animo di questo artista così eclettico si scopre la sua vera natura: un’attenzione particolare a tutti i temi sociali, parla di
Amore Rubino, Amore vero per tutto ciò che lo circonda.

Comunicato stampa

Musica

Matteo Fioretti e l’arte del soundpainting, un’opera dedicata a Pasolini presso il #Dam di Manfredonia

Chi: Matteo Fioretti con la sua #Dam Alternative Orchestra, orchestra sperimentale nata negli spazi dell’accademia musicale #Dam di Manfredonia. Cosa: è stata realizzata una breve video-storia per documentare un singolare evento. Esecuzione di una mia composizione dal titolo “PPP” e dedicata a Pier Paolo Pasolini. La sinfonia acclude le arti della conduction e del soundpainting, metodi di composizione istantanea ideati dai compositori americani Butch Morris e Walter Thompson, e invita i performer, attraverso l’interpretazione di una partitura grafica e di alcuni gesti eseguiti dal conduttore, a plasmare suoni, parole e immagini come se fossero materia. Malgrado la conduction e il soundpainting siano pratiche diffuse in tutto il mondo, questo tipo di orchestra sperimentale appare in Capitanata per la prima volta. Quando e Dove: il concerto è stato eseguito il 27 Giugno in occasione del recital organizzato dall’accademia musicale #Dam di Manfredonia presso la sala concerti del LUC “Peppino Imastato” di Manfredonia.

Comunicato stampa

Musica

Amore, Guerra e Pace, i vincitori del concorso Umberto Giordano protagonisti in Piazza Battisti

C’era tanta emozione sul palco allestito martedì sera in piazza Cesare Battisti a Foggia per “Amore, Guerra e Pace”, il concerto dei quindici vincitori del Talent Voice – Premio Gino Sannoner del Concorso nazionale musicale “Umberto Giordano” 2018. La serata ha raccolto i copiosi applausi del pubblico delle grandi occasioni accorso davanti al Teatro. Un successo attestato anche dal sindaco Franco Landella che ha elogiato nel suo intervento a inizio evento l’impegno profuso dagli organizzatori nel corso dell’intera manifestazione “che ha fatto onore a Foggia – ha detto – e ha portato tante persone in città con risultati positivi anche sull’indotto economico. Quello di questa sera – ha ricordato il primo cittadino – è un appuntamento che rientra nel cartellone ‘Foggia Estate’ e che intende premiare il lavoro svolto in questi anni dall’associazione Suoni del Sud, meravigliosa realtà che permette ai talenti più promettenti del nostro territorio di mettersi in luce, grazie all’impegno del maestro Gianni Cuciniello e del maestro Lorenzo Ciuffreda. La cultura deve crescere e Foggia deve crescere”. I giovani cantanti, selezionati nella fase finale del maggio scorso da Piero Pelù, hanno avuto l’opportunità di esibirsi dal vivo e di mostrare il loro talento. Rosangela Onorato, Lucia Ruggieri, Roberta di Gregorio, Michele Radicci, Fabio Graziani, Serena Carella, Annalaura Marseglia, Veronica Leone, Stefano Cece, Pietro Peloso, Nair Gatta, Duo MikYami (Michela Parisi e Ylenia Mangiacotti), Alberta Stampone, Michele Bonfitto e Damiano Ruggiero hanno interpretato alcuni dei brani più celebri della musica italiana composta tra gli anni Settanta e Novanta. Gli stessi pezzi che fanno parte del CD intitolato appunto “Amore, Guerra e Pace”, coprodotto da Suoni del Sud, organizzatrice del concorso, e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia. Il lavoro discografico, registrato presso il Clab Studios Recording di Foggia, sarà presentato nelle prossime settimane.
“La presenza in piazza di circa seicento persone, tra cui anche alcuni musicisti, discografici e addetti ai lavori, è per noi motivo di grande soddisfazione e ci ripaga di tutti i sacrifici di questi mesi; sembrava una cerimonia più che un concerto”, commenta entusiasta Ciuffreda, direttore artistico del concorso. “È stata apprezzata la scelta oculata dei brani proposti, difficili da interpretare nella maniera in cui noi abbiamo chiesto di cantarli ai ragazzi, perché abbiamo cambiato tutti gli arrangiamenti. Ogni pezzo postato sui social ha superato le mille visualizzazioni in poche ore. Con il sostegno e l’incoraggiamento dell’assessore alla cultura Anna Paola Giuliani, che ringraziamo, investiremo sempre di più nel concorso, chiamando altri grandi artisti e apportando modifiche sostanziali al regolamento”.
Copiosi gli applausi anche per Cristian Levantaci, che ha presentato l’evento, e per la Band “Suoni del Sud” composta da Giuseppe Fabrizio (pianoforte), Sergio Picucci (basso), Pino Lentini (sax), Patrizio Campanile (chitarra), Mimmo Campanale (batteria) e Leonardo Marcantonio (percussioni). La kermesse si è conclusa con un’ovazione quando i quindici che hanno intonato insieme “We are the world”, vero inno all’amore e alla pace. “È stata un’emozione grandissima per noi organizzatori vedere questi ragazzi esibirsi in un’occasione così importante – spiega Gianni Cuciniello, presidente del concorso – poiché questi giovani artisti ormai li conosciamo da mesi, li abbiamo ascoltati durante le esibizioni e li continuiamo a seguire. Ora ci attende la presentazione ufficiale del CD”.

Comunicato stampa

Musica