Orta Nova, nuovo dramma della solitudine, addio ad Antonietta. Il saluto della Misericordia: “La sua dipartita deve far riflettere”

Nella giornata di oggi avevamo in programma tante cose, ma come accade nelle famiglie, di fronte alle tragedie ad un certo punto bisogna fermarsi e raccogliersi nel silenzio. Questa mattina abbiamo appreso che una nostra cara amica di Misericordia è venuta a mancare nella sua abitazione, lasciando un vuoto che non riusciremo a colmare. Amavamo Antonietta, era diventatata la nostra nonna, la nostra zia, la nostra sorella, al punto che ci prendevamo cura di lei anche negli aspetti più intimi, nella cura della sua persona e nella sua quotidianità. La sua dipartita, ancora una volta, deve far riflettere tutti noi, soprattutto sul tempo che consegniamo alle persone sole, che richiedono affetto e delle volte noi evitiamo di donare tutto questo solo perché presi da mille cose che in fondo hanno meno valore. Avremmo voluto dare ancora molto altro ad Antonietta, al di là dei parametri della società, solo perché le volevamo bene. Oggi non c’è più ed abbiamo solo voglia di fermarci e pregare per lei!

Post da Facebook della Misericordia di Orta Nova

Salvano coetaneo su un autobus, due ragazzi ortesi mettono in pratica quanto appreso al Campo Scuola della Misericordia

Qualche giorno fa, in una giornata come tante altre, un autobus di linea stava riaccompagnando degli studenti da Foggia ad Orta Nova. Giunti alla fermata due ragazzi minorenni hanno notato che un loro coetaneo si stava dimenando, muovendo la testa in modo strano con le cuffie nelle orecchie. I due ragazzi hanno subito capito che si trattava di un’emergenza e uno di loro ha messo in posizione di sicurezza il compagno, evitando che potesse subire dei traumi, mentre l’altro ha allertato il 118 e l’autista del bus. I due ragazzi, negli anni passati, si sono formati al primo soccorso presso l’annuale camposcuola estivo di Misericordia, un’esperienza che ha dato loro una forma mentis tale da scongiurare che l’attacco convulsivo verificatosi in questo caso potesse volgere al peggio in attesa dell’arrivo dei medici e dei soccorritori. Questo caso, conclusosi con un lieto fine ci permette di farvi capire quanto sia importante formarsi in ogni età, ma soprattutto nell’età dell’infanzia in cui si acquisiscono comportamenti tali da costituire il nostro bagaglio di certezze, per tendere il più possibile al cittadino modello. Questi ragazzi non sono stati degli eroi, sono stati dei semplici cittadini che hanno eseguito correttamente un loro dovere civico e morale.

Comunicato stampa

La Misericordia di Orta Nova ricorda Giovanni Panunzio, lunedì convegno al Gesuitico

In un contesto in cui le recenti notizie di cronaca hanno riacceso i riflettori sull’emergenza criminalità organizzata, la Misericordia di Orta Nova prosegue nel proprio percorso educativo e di conoscenza sui grandi esempi di legalità, attraverso il forum tematico “Legami di legalità”. Il prossimo 3 febbraio, infatti, dalle ore 18:30, in collaborazione con l’associazione Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti e il Teatro della Polvere, presso il Palazzo Ex Gesuitico di Orta Nova, si terrà un appuntamento incentrato su “La vicenda umana e giudiziaria di Giovanni Panunzio”, imprenditore assassinato nel 1992 dalla mafia foggiana e simbolo nazionale della lotta al racket. Alla presenza delle scolaresche locale, di associazioni, autorità militari, esponenti della politica locale e cittadini interverranno Dimitri Cavallaro Lioi, presidente dell’Associazione Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti; Giovanna Belluna Panunzio, vicepresidente della stessa associazione e nuora di Giovanni Panunzio e Giuseppe Lopopolo, Governatore della Misericordia di Orta Nova. L’esempio di Giovanni Panunzio sarà raccontato anche attraverso le esperienze professionali e artistiche di uomini e donne di Capitanata che hanno approfondito i fatti del 1992, declinandoli alla luce degli accadimenti di attualità. Sul tema interverrà anche la giornalista di Telefoggia ed esperta di cronaca locale, Michela Magnifico, la quale presenterà alla platea di Orta Nova un docufilm sulla figura di Giovanni Panunzio, attualizzandolo e scoprendo aspetti sconosciuti ai più.
Sempre nella serata del 3 febbraio sono previsti anche degli interessanti intermezzi recitati a cura dell’attore Stefano Corsi del Teatro della Polvere. I due monologhi proposti approfondiranno le personalità di Panunzio e di Mario Nero, testimone di giustizia e figura chiave nel processo che seguì all’assassinio di Panunzio, peraltro originario di Orta Nova. Modera il convegno Francesco Gasbarro, editore de Il Megafono dei Cinque Reali Siti. “Per noi sarà un altro appuntamento importante di questo percorso volto a creare sinergie tra le associazioni della provincia di Foggia e diffondere la conoscenza dei grandi uomini che, in un’epoca in cui le notizie circolavano più lentamente di oggi, decidevano di opporsi alla criminalità e al malaffare” – afferma Giuseppe Lopopolo, Governatore della Misericordia. “Ringraziamo già da adesso l’associazione Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti e il Teatro della Polvere che hanno subito accettato il nostro invito, dando la possibilità ai cittadini ortesi di conoscere, per testimonianza diretta e con formati coinvolgenti, una storia che consegna ai nostri tempi dei grandi insegnamenti di cui dovremmo fare tesoro”.
Comunicato stampa

Carapelle, nel weekend in piazza le Arance della Salute

A Carapelle sono arrivate le Arance della Salute. Puoi acquistarle in Piazza Giovanni Paolo II sabato e domenica. Darai il tuo contributo all’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Dal 1990 le Arance della Salute sono l’iniziativa che consente di fare il pieno di vitamine e far del bene alla ricerca prendendo una reticella di arance rosse, in una delle oltre 3.000 piazze presidiate dai nostri volontari. Le Arance della Salute sono anche l’occasione per parlare di prevenzione, sana alimentazione e corretti stili di vita.

Comunicato stampa

Orta Nova, pranzo con gli indigenti nell’aula consiliare

Quest’anno abbiamo deciso di fare il classico pranzo con gli indigenti nell’aula consiliare. L’aula consiliare, il comune, deve ritornare ad essere dei cittadini ma soprattutto degli ultimi, di chi non ha nulla. È stato davvero bello ed emozionante ascoltare le loro storie. Proprio per questo ringraziamo la Misericordia Orta Nova per tutta la splendida organizzazione e per la proposta. Ringraziamo il book club “LeggerMENTE Noi” per averci deliziato, ma in particolar modo fatto riflettere, con le loro letture. Ringraziamo l’associazione carabinieri d’Italia per averci aiutati per tutto il corso del pranzo. Ringraziamo Don Luciano Avagliano per essere stato con noi.

Comunicato stampa

Stop Bullying, domani nuovo appuntamento a Cerignola

Continuano i workshop informativi del progetto “Stop Bullying – Safe School Zone”, promosso dalla cooperativa SocialService e finanziato dall’Ambito Sociale di Zona di Cerignola e dei Cinque Reali Siti. Dopo i primi appuntamenti che hanno avuto luogo nelle scuole di Ordona, Orta Nova e Stornara, per il quarto appuntamento gli esperti faranno tappa a Cerignola, presso l’auditorium dell’Istituto di I grado “G. Pavoncelli” di Piazza della Repubblica a Cerignola, nella data del 5 dicembre dalle ore 17.00. Tornerà la trattazione multidisciplinare sul tema del bullismo e del cyberbullismo, al fine di formare ed informare genitori, insegnante e ragazzi su una problematica dilagante in tutta Italia, anche a causa della notevole diffusione dei social network e degli altri strumenti della rete. In ragione di ciò sarà interessante ascoltare il punto di vista della Polizia di Stato e della Polizia Postale che saranno parte integrante degli interventi in programma in quel di Cerignola. Oltre al questo importante intervento tecnico è prevista la solita scaletta ricca di relatori istituzionali, a testimonianza di un percorso che sta avendo il merito di far collaborare in maniera preventiva le istituzioni scolastiche, i Comuni, le associazioni e i cittadini. Presso l’auditorium del Pavoncelli di Cerignola, dopo i saluti del presidente SocialService, Gerardo Consagro, parleranno di questa unità di intenti contro il bullismo anche la dirigente dell’UST di Foggia, Maria Aida Episcopo; il dirigente dell’istituto ospitante, Paolo Saggese; la dirigente dell’Istituto Scolastico IC Battisti – Don Bosco, Pamela Petrillo e una rappresentanza del Comune di Cerignola. Dopodiché, come ormai da prassi consolidata, il tema del bullismo sarà sviscerato da più punti di vista tecnici, al fine di comprenderne i primi segnali e fare prevenzione attiva per evitare che la situazione degeneri e possa avere ricadute negative su chi è vittima di comportamenti di prevaricazione. Oltre agli esperti della Polizia di Stato, prenderanno la parola l’avvocato minorile e curatore speciale e tutore dei minori, Paolo Ricci; Rita Specchio, psicologa e psicoterapeuta SocialService, Antonio Berardino, esperto di sicurezza digitale in ambito educativo e tester del programma di web in air sviluppato nell’ambito del progetto “Stop Bullying”. Prima di lasciare la parola alle conclusioni affidate ad Antonella Tarantino, referente provinciale per il bullismo dell’UST di Foggia, la dottoressa Eugenia Pagone spiegherà in cosa consisteranno i laboratori che seguiranno alla fase informativa dei workshop che ormai volge al termine.
Attraverso un approccio totalmente nuovo alla tematica del bullismo – spiega Eugenia Pagone – proveremo a spiegare ai ragazzi che chi usa la forza non è affatto il più forte. I cosiddetti ‘bulli’ necessitano di un aiuto alla stregua di chi subisce la violenza. Trasmetteremo questi messaggi con laboratori di drammatizzazione, affettivi, circoli di miglioramento e tante altre attività coinvolgenti e divertenti che isoleranno la problematica al fine di capirne la sua natura ed evitare le conseguenze negative, sia a scuola che a casa”.

Comunicato Stampa

Stop bullying – Safe school zone – Workshop ad Orta Nova per fare In-Formazione e Prevenzione

La strategia migliore per combattere il bullismo è la prevenzione, alla base della quale ci deve essere la promozione di un clima culturale, sociale ed emotivo in grado di riconoscere sul nascere i comportamenti di prevaricazione e prepotenza. Su questo approccio “pro-attivo” si basa il progetto “Stop Bullyng – Safe School Zone” promosso dalla Cooperativa SocialService, soggetto attivatore di un percorso di prevenzione/informazione su Bullismo e Cyberbullismo finanziato dal Piano Sociale di Zona di Cerignola e dei Cinque Reali Siti. Dopo un primo workshop molto partecipato da famiglie e studenti, tenutosi ad Ordona lo scorso giovedì 7 novembre, prosegue il calendario di appuntamenti con l’incontro in programma il prossimo 14 novembre alle ore 17:00 ad Orta Nova, presso la Sala Teatro “Anna Maria Sardella” dell’I.C. “Sandro Pertini di Via Scarabino. In questa sede il tema sarà affrontato da vari punti di vista, alla presenza di autorità, esperti e attori locali che hanno sposato l’iniziativa. Dopo i saluti istituzionali del presidente della SocialService, Gerardo Consagro, prenderanno la parola Daniela Conte, dirigente dell’Ambito Territoriale di Cerignola; Pietro Vincenzo Piemontese, dirigente scolastico dell’I.C. Sandro Pertini; Angela Maria D’Arienzo, dirigente della Direzione Didattica Primo Circolo “N. Zingarelli” di Orta Nova e Dora Pelullo, assessore alla cultura in rappresentanza della locale amministrazione comunale. Tanti gli interventi tecnici che spiegheranno nel dettaglio l’approccio preventivo e gli strumenti (anche di ultima tecnologia) da impiegare per perseguire gli obiettivi del progetto. Rita Specchio, psicologa, psicoterapeuta SocialService e referente del progetto, approfondirà il paradigma utilizzato per ribaltare i tanti pregiudizi maturati nei confronti del fenomeno. La pedagogista SocialService, Eugenia Pagone, enuncerà tutte le tappe che seguiranno alla prima fase formativa, con la programmazione laboratoriale e le tante attività ricreative a tema per sensibilizzare. Dopo un approfondimento sulla parte giuridica che riguarda il bullismo, a cura dell’avvocato minorile e curatore Speciale/tutore dei minori, Paolo Ricci, Antonio Berardino, esperto di sicurezza digitale in ambito informatico, mostrerà ai presenti le potenzialità di internet e del web-in air per fare prevenzione e per approcciare in maniera quanto più consapevole allo strumento della rete che – come è risaputo – nasconde anche tante piccole insidie. Concluderà l’incontro la referente provinciale per il bullismo dell’U.S.T Foggia, Antonella Tarantino. “La scuola è il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e, in virtù del suo ruolo educativo, condivide con noi la responsabilità di farsi portavoce di alcuni valori che possono aiutare a prevenire il bullismo” – afferma il presidente della SocialService, Gerardo Consagro. “Per questo motivo, dopo l’ottimo riscontro avuto ad Ordona, continuiamo questa serie di incontri a scuola con la tappa di Orta Nova, dove prosegue un percorso ben avviato di collaborazione con la rete dei servizi e gli attori locali. Auspichiamo un’ampia partecipazione delle famiglie perché il bullismo si previene diffondendo il più possibile la conoscenza e approfondendo il tema senza alcuna forma di condizionamento”.

Comunicato Stampa