Orta Nova, una mano per combattere Alzheimer e Demenza, apre domani il Centro Diurno Sant’Antonio

Il Centro Diurno Sant’Antonio

Apre domani ad Orta Nova in Corso Umberto I 19, il Centro Diurno Sant’Antonio, dedicato a pazienti affetti da Alzheimer e Demenza. La struttura fa capo al Gruppo Marseglia, che un anno fà inaugurò la RSSA Villa Santa Maria, e che con questa struttura potrà offrire sul territorio, una serie di servizi dedicati a pazienti affetti da patologie, che oltre a colpire gli stessi, gravano pesantemente sulle loro famiglie. Da qui l’opportunità, attraverso un equipe medica specializzata, di poter accompagnare i pazienti in attività riabilitative cognitive, di socializzazione, di terapia occupazionale, riabilitazione motoria, assistenza infermieristica, assistenza sociosanitaria, ed una serie di servizi complementari dedicati ai pazienti ed alle loro famiglie. La cerimonia è prevista per le ore 17:00 alla presenza del Vescovo della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano SS EE Mons. Luigi Renna.

Annunci
Sociale

La Misericordia di Orta Nova presenta la 13^ Edizione del Gran Galà

I volontari della Misericordia

Torna un evento imperdibile, divenuto negli anni un appuntamento fisso nella programmazione annuale della Misericordia di Orta Nova. Il prossimo 22 aprile, infatti, si terrà la 13a edizione del Gran Galà della Misericordia che, come di consueto, rappresenta un momento importante per fare un bilancio sull’operato della confraternita ortese e per trascorrere del tempo in compagnia di tutti i soci e i volontari. Il Galà si terrà presso l’International di Foggia (Via Bari, km 2) e prevede una quota partecipativa di € 35. Fitto il programma di interventi che ci saranno tra una portata e l’altra. Nel corso del pranzo (il cui inizio è fissato alle ore 13), infatti, sono previsti i saluti delle autorità, del Governatore Peppino Lopopolo e del padre correttore, Don Luciano Avagliano. Esauriti i saluti istituzionali, sarà presentato un bilancio associativo   dell’anno 2017-2018, anno in cui l’associazione con sede in Via Puglie ad Orta Nova ha celebrato i venticinque anni dalla sua fondazione. Il gran galà è anche un momento per gettare le basi per il futuro e in virtù di ciò saranno esposte le linee guida e gli obiettivi da raggiungere nel corso dell’anno associativo che è già iniziato. Uno dei momenti più toccanti e allo stesso tempo importanti di tutta la cerimonia sarà l’assegnazione del premio di solidarietà che ogni anno viene riconosciuto in capo ad un volontario o ad un socio che si è particolarmente distinto per le sue opere di misericordia e per la sua disponibilità al servizio degli ultimi. Non mancheranno anche i momenti ricreativi, uno dei quali sarà il saggio di danza curato dall’ASD Aghilar Dance. L’animazione del Galà sarà affidata alla consolle di Dj Mr Joy, Giuseppe Ventriglia. “Non si tratta di mera ostentazione – afferma il Governatore, Peppino Lopopoloma piuttosto di un momento utile a rinsaldare un gruppo storico che da 25 anni si distingue per il suo operato al fianco delle persone povere e ammalate del nostro territorio. Con l’aumentare delle difficoltà e delle situazioni in cui siamo chiamati ad intervenire, è sempre più raro avere dei momenti in cui i nostri volontari e soci possono incontrarsi tra di loro e passare una giornata distensiva tutti insieme. Nelle logiche associative è importante anche lo spirito di aggregazione. Da questo vogliamo ripartire per rilanciare al meglio il nostro operato in vista delle sfide che ci attendono per l’anno nuovo”. I biglietti di ingresso potranno essere ritirati entro e non oltre il 16 aprile presso l’ufficio di segretariato sociale della Misericordia di Orta Nova in Via Puglie SNC. Vi aspettiamo numerosi, nella speranza – come sottolineato anche da Papa Francesco – “che le nostre comunità diventino isole di Misericordia”.

Comunicato Stampa Misericordia Orta Nova

Sociale

La Misericordia di Orta Nova ricorda Luigi Battaglini con una mostra

Luigi Battaglini in un viaggio a Lourdes

La Misericordia di Orta Nova continua il proprio impegno per preservare la memoria dei concittadini illustri che si sono distinti nel campo del volontariato e del sociale. In modo particolare, grazie all’impulso della Diocesi Cerignola – Ascoli Satriano, del nostro Padre Correttore Don Luciano Avagliano e del nipote Domenico Spinelli, stiamo organizzando un evento in ricordo di Gino Battaglini, fondatore dell’Ual – Unione Amici di Lourdes di Foggia. Fervono i preparativi per una mostra fotografica da allestire presso Chiesa della BVM di Lourdes il 9 febbraio, ma per arricchirla e renderla ancora più coinvolgente abbiamo bisogno del contributo di tutta la cittadinanza. Stiamo cercando reliquie appartenute a Gino Battaglini, fotografie che lo ritraggono, scritti o dispacci riguardanti i suoi consueti viaggi presso la grotta di Bernadette, al fine di esporli e poi restituirli ai legittimi proprietari al termine della nostra iniziativa. La mostra sarà inaugurata con un convegno al quale seguirà una santa messa, sempre in onore e in ricordo di Gino Battaglini. Già negli scorsi mesi abbiamo organizzato dei momenti dedicati alla memoria di questo nostro compianto cittadino che ha lasciato un segno indelebile nella coscienza collettiva ispirata all’agire cristiano. Nello specifico, al termine del viaggio dei nostri volontari a Lourdes, insieme al treno bianco dell’Unitalsi, tenutosi la scorsa primavera, abbiamo raccontato la loro esperienza in un diario che ha trovato grande ispirazione negli scritti e nelle opere biografiche di Battaglini. In precedenza avevamo ospitato il nipote, Domenico Spinelli, il vescovo S.E. Monsignor Luigi Renna con i responsabili dell’Ual di Foggia per un convegno che ricordasse questa figura storica di grande valore, ma poco conosciuta dalle nuove generazioni, soprattutto nel suo territorio di origine.
Nella speranza e nella convinzione che i messaggi di speranza di Gino Battaglini possano ancora essere utili e di ispirazione per la nostra comunità, chiediamo a tutti una mano per ricostruire la storia e consegnarla a futura memoria. Per tutte le vostre segnalazioni contateci alla mail misericordiaortanova@libero.it oppure al numero 0885 783015.

Comunicato stampa

Sociale

La Misericordia di Orta Nova alla ricerca di quattro volontari da inserire tramite Garanzia Giovani 

I volontari della Misericordia di Orta Nova impegnati per il Banco Alimentare

Nella giornata del 22 dicembre 2017 è stato pubblicato il bando di selezione per 1.341 volontari, in attuazione dei progetti del Servizio Civile Nazionale nell’ambito di Garanzia Giovani, per gli obiettivi istituzionali individuati dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Tra queste posizioni aperte ci sono anche quelle relative al progetto attivato dalla Misericordia di Orta Nova in partenariato con il Banco Alimentare della Daunia “Francesco Vassalli” di Foggia.  In modo particolare, la confraternita ortese ricerca, tramite bando, quattro volontari “Garanzia Giovani” da inserire nel progetto denominato “I samaritani della Daunia 2018”. La domanda di ammissione e la relativa documentazione va presentata all’Ente che realizza il progetto entro le ore 14:00 del giorno 5 febbraio 2018, secondo le modalità che sono esposte sul sito del Servizio Civile Nazionale. In virtù di quest’ultimo traguardo, ha espresso grande soddisfazione il Governatore della confraternita ortese, Giuseppe Lopopolo. “Con questo progetto si consolida ancor di più la nostra proficua collaborazione con il Banco Alimentare” – afferma Lopopolo. “Ringraziamo in modo particolare il direttore, Gianluca Russo, per la stima e la fiducia che ci dimostra e per tutte le sinergie che sono state attivate nel corso di quest’ultimo anno che volge al termine. Non poteva proseguire meglio la mission della Misericordia di Orta Nova e del Banco alimentare della Daunia, che oggi ancora di più si consolida con l’unione tra i due enti. Questo bando è dedicato ai giovani NEET, cioè ai non occupati e non inseriti in percorsi di istruzione e formazione. La misura si inserisce nelle strategie di contrasto alla disoccupazione giovanile tracciate a livello europeo. I volontari idonei selezionati faranno servizio all’interno del Punto Carità della Misericordia di Orta Nova e del Banco Alimentare di Foggia per tutto ciò che riguarda appunto la carità alimentare, dalle mansioni amministrative alla vera e propria distribuzione dei pacchi. Il nome del progetto scelto dai due enti foggiani non è casuale. “I samaritani della Daunia 2018” nasce dalla storia personale del segretario della Misericordia di Orta Nova, una storia di povertà trasformata in voglia attivarsi nel volontariato e creare il Banco Alimentare di Via Puglie, partendo dalla beneficenza dei forni di Orta Nova, Torchiarella e Caricone, per arrivare poi a ricevere alimenti anche fuori Regione Puglia. La storia dei samaritani della daunia è stata scritta dal Giornalista Giorgio Paolucci, che per ventisei anni ha lavorato al quotidiano Avvenire come vicedirettore. La storia è contenuta nel libro “Se offrirai il tuo pane all’affamato”, nel quale c’è anche un intervento di Papa Francesco. Questa storia ha ispirato l’operato della confraternita ortese e ha portato ad un incontro personale dei volontari con Papa Francesco in occasione dell’udienza concessa alla Fondazione Banco Alimentare.Comunicato Stampa Misericordia di Orta Nova

Sociale

Stornara, servizio civile dedicato agli anziani e gazebo nel weekend per Telethon. Calamita: “Stornara Smart è anche questo”

Il sindaco Calamita durante un evento a Stornara

Da oggi e per la durata di un anno, è attivo il servizio civile DIAMOGLI UNA MANO rivolto alla popolazione anziana. Chi ha parenti o conoscenti anziani autosufficienti che vivono da soli, che necessitano di compagnia, di assistenza leggera per il disbrigo pratiche, la spesa, l’accompagnamento a visite mediche, all’ufficio postale, ecc….  può segnalare la persona all’Ufficio Anagrafe del Comune di Stornara al responsabile di progetto Sig.ra Maria Rosaria Dinoia. Inoltre il 16 e 17 dicembre 2017 davanti al Comune ci sarà un gazebo della Fondazione TELETHON per la vendita di cuori di cioccolato per sostenere la lotta contro le malattie genetiche rare. DIAMO TUTTI UNA MANO A CHI HA BISOGNO DI AIUTO …. STORNARA SMART E’ ANCHE QUESTO !!!

Il sindaco di Stornara Rocco Calamita 

Sociale

Orta Nova, cambio al vertice della Misericordia, Giuseppe Lopopolo è il nuovo governatore 

Il nuovo governatore Giuseppe Lopopolo

Misericordia di Orta Nova comunica che, a seguito dell’assemblea di sabato 20 novembre 2017, è cambiata la designazione dei ruoli all’interno del Consiglio Direttivo, che è organo di Governo della confraternita. Conseguenzialmente alle dimissioni del Governatore, l’ingegner Pietro Cassotta, rassegnate per motivi strettamente personali, è stato eletto come successore il signor Giuseppe Lopopolo. La carica di amministratore, precedentemente detenuta dal signor Lopopolo, è stata affidata al signor Luigi Zarella. Le votazioni sono avvenute all’unanimità degli aventi dirittto. Gli altri ruoli designati precedentemente all’interno del Consiglio Direttivo sono rimasti invariati. Colgo l’occasione – afferma il Governatore uscente – per fare gli auguri di buon lavoro al Magistrato e al prossimo Governatore”. L’ingegner Pietro Cassotta rimarrà comunque come effettivo all’interno del Consiglio Direttivo. La Misericordia di Orta Nova riparte, dunque, dall’operato di uno dei suoi soci fondatori che già nel 1997 aveva avuto l’incarico di rappresentante dell’associazione, in un momento particolare per quest’ultima. Questa che inizia sarà dunque il secondo mandato per il signor Lopopolo. Nei vari anni di attività della confraternita ortese, Lopopolo ha preso parte in qualità di volontario, agli interventi di Protezione Civile effettuati in giro per l’Italia, in occasione delle varie calamità naturali che si sono verificate.  L’esperienza maturata negli anni – afferma Giuseppe Lopopolovorrei trasmetterla alle nuove leve affinché la Misericordia possa ricordare al meglio i passaggi salienti di 25 anni di storia, che abbiamo appena celebrato nel mese di ottobre”. Come punti programmatici, il nuovo Governatore si propone di rendere ancora più accessibile l’associazione, continuando a diffondere una cultura del volontariato tra la popolazione di Orta Nova e dei Cinque Reali Siti. L’altro obiettivo è quello di creare una nuova classe di volontari improntata alla formazione cristiana e ai principi di carità e misericordia. Tutto questo sarà facilitato dall’instancabile apporto del nostro Padre Spirituale, Don Luciano Avagliano” – sottolinea il nuovo Governatore. “Sin dall’inizio mi impegnerò a proporre delle assemblee aperte che includeranno, qualora sia possibile, non solo i membri dell’organo direttivo, ma anche tutti i soci attivi, in un’ottica di maggiore inclusione e partecipazione e nella speranza che possano aspirare a ruoli di responsabilità anche tanti giovani meritevoli, per un auspicato avvicendamento e ricambio generazionale”.Comunicato stampa 

Sociale

Chiuse le celebrazioni per il 25° della Misericordia di Orta Nova. Cassotta: “E’ un momento storico in cui è necessario fare rete per aggredire le emergenze del territorio”

Il Governatore della Misericordia Rino Cassotta

Un consolidato punto di riferimento imprescindibile per un territorio continuamente nell’occhio del ciclone a causa di emergenze di carattere sociale ed assistenziale. E’ la Misericordia di Orta Nova, la storica confraternita che durante la scorsa settimana ha celebrato il 25esimo anniversario dalla sua fondazione, con otto giorni di eventi dedicati ai consueti settori in cui operano i volontari. Non è stata un’occasione per autocelebrarsi, ma piuttosto un modo per farsi contaminare da tutte le altre realtà che operano al fianco delle fasce svantaggiate nel territorio della provincia di Foggia. Ogni evento, ogni dibattito, ogni iniziativa, è stata dedicata ad una particolare categoria sociale, in modo da apprendere le problematiche più diffuse e stabilire insieme le nuove linee per rilanciare l’operato. La prima giornata è stata dedicata all’approfondimento sui temi della senilità, della demenza e delle malattie neurodegenerative, in compagnia della dottoressa Angela Rosa Trecca, dirigente del reparto di Geriatria a Foggia. In seguito sono stati approfonditi i tratti distintivi del primo soccorso, con un focus sulle nuove normative regionali di BLSD, in compagnia del direttore della Centrale Operativa 118 per la provincia di Foggia e Bat settentrionale, Antonio Contillo. Il dottor Contillo ha sottolineato la necessità di mettere in funzione i DAE (defibrillatore automatici esterni) donati dalla Regione Puglia ai Comuni, ma non ancora installati per le vie delle città. Un grande passo in questa direzione è stato compiuto grazie all’intraprendenza della Misericordia che ha predisposto un proprio defibrillatore all’esterno della sede di Via Puglie, intitolando la colonnina aperta 24h/24 al concittadino deceduto, Savino Triunfo. “Questo è stato senza dubbio uno dei momenti più importanti di tutta la nostra festa – sottolinea il Governatore della Misericordia ortese, Rino Cassotta – nella speranza che la cittadinanza abbia cura di questo importante strumento che all’occorrenza può salvare delle vite”. La settimana di celebrazioni ed approfondimenti è proseguita con un’intera giornata dedicata alle pratiche di Protezione Civile e alla diffusione della cultura di prevenzione sismica all’interno delle scuole. Gli studenti degli istituti locali sono stati i protagonisti di tanti momenti importanti, come ad esempio quello che ha riguardato il focus sul banco alimentare e sulle buone prassi contro lo spreco. Le classi hanno visitato il punto carità ortese che nell’ultimo anno ha donato beni di prima necessità agli immigrati indigenti per un valore di oltre 75.000 euro. Nel pomeriggio, accompagnati dalla sapiente maestria culinaria dei cuochi dell’Istituto Alberghiero “Padre Pio” di Orta Nova, gli scolari si sono cimentati nel preparare il pranzo dei poveri, ispirati dalle parole di Valeria Carannante, portavoce dell’hub rurale Vazapp. “In questa occasione abbiamo lanciato anche un baratto ecosolidale, attraverso una borsa shopper celebrativa che è stata regalata ai benefattori. Tanti di questi – spiega Cassotta – sono tornati nella nostra sede con le borse piene di generi alimentari per i poveri, dando un segnale di grande amore verso il prossimo. Ci aspettiamo che questa generosità possa continuare, in egual misura, anche dopo la conclusione dei nostri festeggiamenti”. Dopo aver ascoltato la testimonianza del parroco Don Donato Allegretti e del presidente dell’associazione “Fratelli della Stazione” di Foggia, Leo Ricciuto, si è tenuto un dibattito sul futuro delle politiche sociali, alla presenza dell’europarlamentare Elena Gentile e dei sindaci ed amministratori dei Comuni dei Cinque Reali Siti. Nel corso di questa iniziativa sono stati mostrati anche i risultati del questionario di valutazione dei servizi sociali, somministrato alla popolazione locale nelle settimane precedenti. E’ emersa la necessità di adibire strutture a dormitorio pubblico e allo stesso tempo è stata sottolineata la presenza di barriere relazionali tra immigrati e popolazione autoctona. In mattinata era stato girato un video flash mob per le vie del paese, per denunciare la presenza di barriere architettoniche che ostruiscono il passaggio delle carrozzine; una criticità che è emersa anche dal questionario. La festa si è conclusa con la catechesi del padre correttore, Don Luciano Avagliano, con la secolare cerimonia della vestizione dei nuovi adepti (celebrata dal vescovo eletto di Teano-Calvi, Don Giacomo Cirulli) e con una festa conclusiva animata dagli artisti di strada.  “Ringraziamo le Misericordie limitrofe che hanno accettato il nostro invito, in particolare quelle di Andria, Barletta, Bisceglie e Serino. Abbiamo apprezzato anche la vicinanza delle associazioni e delle organizzazioni locali come le Gadit, l’Avis, APS Fatima e la confraternita di San Biagio. E’ un momento storico – conclude il Governatore – in cui è necessario fare rete per aggredire le emergenze che si presentano sul nostro territorio. Le divisioni creano soltanto ulteriori falle in cui trovano terreno fertile la povertà materiale e di spirito”.
Comunicato Stampa Misericordia di Orta Nova

Sociale