Orta Nova, scoperto un arsenale, 150 candelotti di dinamite e diverse armi, in manette diverse persone

La Compagnia Carabinieri di Fano, coadiuvata dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Pesaro, il 17 aprile scorso, nelle province di Bari, Foggia, Milano e Pesaro Urbino, ha dato esecuzione a sette decreti di perquisizione locale emessi dal Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Pesaro, Giovanni Fabrizio Narbone, nei confronti di altrettanti indagati, ritenuti responsabili degli assalti ad almeno sette postazioni bancomat sparse nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Fano tra giugno e dicembre 2017. Gli assalti erano accomunati dalla stessa tecnica criminale: la deflagrazione dello sportello bancomat mediante un ordigno esplosivo artigianale denominato “marmotta” perché veniva letteralmente infilata nella bocchetta di erogazione del denaro e fatta deflagrare tramite miccia ovvero innesco elettrico. La potente esplosione era in grado di distruggere l’ATM e provocare ingenti danni ai locali della banca, solitamente retrostanti, nonché di creare un forte panico tra i residenti, fino ad anche a diverse centinaia di metri, che venivano svegliati nel cuore della notte dal boato fragoroso. I sistemi di videosorveglianza hanno permesso di documentare che la banda, solitamente composta da quattro-cinque ladri, agiva in maniera sinergica riuscendo a compiere l’assalto in meno di tre minuti, dileguandosi con l’ingente bottino a bordo di auto rubate. Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Fano sono state intraprese ad inizi estate 2018 a seguito del ritrovamento presso un’auto-rivendita di Lucrezia di Cartoceto gestita da un giovane di origini bulgare e da L.L., 45enne, pugliese di Orta Nova, residente da diversi anni a Fano. Qui, grazie ad una segnalazione, i carabinieri della Stazione di Colli al Metauro hanno rinvenuto una marmotta svuotata della miscela esplosiva, un ariete artigianale e numerosi arnesi da scasso. Le conseguenti indagini hanno permesso di documentare che L.L. era di fatto il basista dei corregionali D.G.R. e F.V., gravati da specifici precedenti, che a gennaio 2018 erano stati arrestati dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Macerata mentre, in un comune di quella provincia, si accingevano ad assaltare l’ennesima postazione bancomat. Le successive indagini tecniche e le reiterate trasferte in Puglia, Molise e Lombardia della batteria, hanno permesso ai carabinieri operanti di identificare i restanti componenti e di seguirli nei loro sopralluoghi alla ricerca di bancomat da aggredire. La banda si è vista costretta a fermarsi per qualche mese in quanto i nuovi sistemi di sicurezza degli ATM, mandavano a vuoto i loro tentativi. Infatti, pur facendo deflagrare lo sportello, il contante restava al sicuro nella cassaforte disgiunta dall’erogatore. Percepito che la batteria di banditi si stava riorganizzando ed avendo individuato la possibile cantina dove occultava l’esplosivo e gli arnesi da scasso, i militari hanno deciso di bloccarli prima che potessero entrare nuovamente in azione con l’esecuzione dei decreti di perquisizione. E la scelta investigativa si è rilevata determinante in quanto nella cantina di G.B., 36enne, muratore incensurato, residente ad Orta Nova, i carabinieri della Compagnia di Fano, coadiuvati dal fiuto del pastore tedesco dei carabinieri Cinofili di Modugno di Bari, hanno rinvenuto centocinquanta candelotti con una carica pirotecnica micidiale, cinquantaquattro metri di miccia a rapida combustione e cinque manufatti in metallo, a forma di paletta allungata con manico, ancora da assemblare. Sul posto, per rimuovere gli ordigni esplosivi improvvisati, è stato necessario l’intervento degli artificieri del Comando Provinciale di Bari che li hanno fatti brillare (nella quasi totalità) in un’area non abitata di Orta Nova. Qui due squadre del neoistituito Squadrone Eliportato Cacciatori Carabinieri “Puglia” di stanza a Vico del Gargano, coadiuvati da unità cinofile anti-esplosivo, a seguito di accurata perquisizione hanno dissotterrato alcuni tubi in pvc dove erano stati occultati sei fucili, perfettamente funzionati, tra cui un kalashnikov ed un MGV di fabbricazione cecoslovacca, una grossa smerigliatrice a scoppio utilizzata per il taglio di lamiere blindate, ricetrasmittenti sintonizzate sulle frequenze di lavoro dell’Arma dei Carabinieri, grosse mazze, asce, un innesco a batteria e diversi ordigni esplosivi di fattura artigianale. D.C. non è stato in grado di giustificare la detenzione delle micidiali armi da guerra, in perfette condizioni di utilizzo, nonché il possesso di tutto l’equipaggiamento, solitamente utilizzato per gli assalti ai furgoni portavalori perpetrati lungo le vicine arterie stradali dalla locale criminalità organizzata ed è stato pertanto arrestato in flagranza di reato e condotto nel carcere di Bari. Le perizie balistiche, in particolare dei due fucili mitragliatori, che a breve la Procura Distrettuale di Bari affiderà ai carabinieri del R.I.S. di Roma, potranno svelare se le armi siano state usate in azioni criminali. L’indagine denominata Piedi di Corvo (dal nome dei chiodi a quattro punte che questi banditi lanciano al loro passaggio sulle strade percorse per dileguarsi indisturbati) è nelle fasi iniziali perché se con l’odierna operazione sono stati assicurati alla giustizia i custodi delle armi, dell’esplosivo e di tutto l’occorrente per le due distinte condotte criminali, restano da identificare gli organizzatori ovvero gli esecutori materiali.

Comunicato stampa

Annunci

Orta Nova, a breve i lavori per la riqualificazione dell’ex area mercato, del piazzale della Chiesa del SS Crocifisso e di Via Turati

ORTA NOVA VALE! Questo ci piace gridare con onore per rendere omaggio all’orgoglio di chi ha reso più bella e funzionale la propria città. A LITTLE & BRIGHT CITY! A breve si darà il via a nuovi lavori di riqualificazione in 3 punti importanti della nostra città: corso Lenoci, ex sede del mercato, lo spazio antistante la Chiesa del Crocifisso e Largo Turati. Ogni intervento necessita di un attento lavoro per il ripristino del manto stradale o dei marciapiedi logori e causa di dissesto stradale. Il restyling di via Lenoci prevedrà il completo rinnovamento dei marciapiedi e dell’area stradale, con nuovi arredi urbani e la creazione di una pista ciclabile. Un nuovo spazio comune da vivere e condividere! Trattamento simile sarà riservato a Largo Turati in cui verrà predisposta una nuova area parcheggio e la sistemazione dell’area pedonale su cui verrà collocata una stele in ricordo di tre amministratori ( G. Lanciano, A. Balestrieri, S. Mastrella), deceduti durante una missione che li avrebbe visti rappresentare con orgoglio la nostra Orta Nova! AVERE MEMORIA È UN DOVERE CIVICO e abbiamo ritenuto giusto fosse riconosciuto loro un piccolo tributo. Per l’area della Chiesa del Crocifisso è stato progettato, ed approvato per la realizzazione, un sagrato antistante al luogo di culto che diventerà nuovo spazio di aggregazione per la comunità parrocchiale e non solo! Un altro obiettivo raggiunto dall’amministrazione dei fatti e non delle parole!
AMMINISTRARE PER DARE,AMMINISTRARE PER FARE!

Comunicato stampa

Stornarella, il KMSclero entra nel circuito ARCI, nel weekend live con Spacca il Silenzio e Harlem Blues Band

Si inaugura il 19 e 20 Aprile 2019, con una due giorni di concerti live, l’ingresso del KmSclero nel circuito dei circoli Arci. Si comincia il 19 Aprile con l’esibizione della Band Spacca il Silenzio! per poi chiudere col concerto della Harlem Blues Band. Il Circolo Arci si trova in Via F.lli Bandiera N 5 a Stornarella (FG) ed è frutto del lavoro e dell’impegno di un gruppo di persone, giovani e meno giovani, che hanno deciso di creare un luogo che sia uno spazio dedicato all’aggregazione e alla condivisione. In questo modo l’APS “LA Bottega Creattiva” intende dare seguito alle attività di promozione sociale proposte durante l’anno 2018. In programma, un calendario di eventi ricco e variegato, che andrà dalla musica alla cultura, ad iniziative di impegno sociale. come: il corso di tango, i vernisagge di arte (che daranno modo agli artisti locali di avere uno spazio espositivo per l’esposizione delle proprie opere), la presentazione di libri, il cineforum, l’organizzazione di convegni e dibattiti tematici (con un occhio di riguardo alle problematiche sociali), la collaborazione con le scuole per la condivisione di attività legate alla divulgazione della cultura, la promozione dei prodotti locali nel settore enogastronomico con la musica come elemento trainante. Da quest’anno, infatti, la struttura è in grado di mettere a disposizione dei propri soci una backline completa, in maniera da stimolare la spontanea aggregazione tra i musicisti o tra coloro che amano semplicemente ascoltare musica. La scelta di entrare nel circuito Arci rappresenta l’ennesima dimostrazione della volontà di fare rete, di interagire, di aprirsi a nuove collaborazioni o proposte con la finalità di sfruttare al massimo le enormi potenzialità della struttura.

Comunicato stampa

Orta Nova pronta a vivere il suo Venerdì Santo, la Processione dei Misteri torna alle origini, uscita alle 5:00. In serata quella dell’Incontro

La Processione dei Misteri, foto di Luca Caporale

Con il Giovedì Santo entrano nel vivo le celebrazioni della Settimana Santa ortese, questa sera in tutte le parrocchie intorno alle 19:00, sarà celebrata la Messa in Coena Domini, che rievoca l’ultima cena di Gesù Cristo con i suoi discepoli, in cui venne istituito il sacramento della comunione. A seguire avrà inizio la veglia, che per tutta la notte vedrà i fedeli riunirsi nelle chiese della città, mentre nella Chiesa Madre saranno esposte le statue dei Misteri della Passione, che saranno portate in processione alle ore 5:00. Si tratta della prima volta per il neo parroco Don Donato Allegretti, che ha voluto riportare la processione mattutina alle sue origini, anticipando di un’ora la processione che all’alba vedrà circa duecento portantini impegnati nella processione delle tredici statue, che rievocano la passione e morte di Gesù Cristo. Venerdì sera alle 19:00 le quattro parrocchie si ritroveranno poi nella Processione dell’Incontro. Eventi che come ogni anno vedranno una grande partecipazione popolare tra fede e tradizione, eventi che vi mostreremo in diretta su Blog Tv.

Calcio, sabato il recupero di Stornarella-Foggia Incedit, si riparte dal primo minuto, biancoazzurri costretti a vincere

Sarà recuperata sabato prossimo la gara tra Stornarella e Foggia Incedit, valida per la 29^giornata del campionato di Prima Categoria, rinviata a causa di un violento temporale, abbatutosi domenica scorsa sullo Scirea di Stornarella al sessantesimo minuto, quando la formazione di Mr.Pino De Martino era in vantaggio per 1-0 grazie alla rete siglata da Alessandro Magaldi. Si ripartirà dal primo minuto sullo zero a zero, con lo Stornarella costretto a vincere per conservare il primo posto e portarsi a due lunghezze dal Canosa, sconfitto ad Andria domenica scorsa, in attesa dell’ultima giornata che sarà disputata domenica 28 con il Borgorosso Molfetta che contende agli stornarellesi un posto nei playoff.